23
giugno

Rai, indetto un mese di sciopero. Programmazione estiva a rischio

Rai

Un mese di sciopero, con potenziali ripercussioni sulla regolare programmazione televisiva. La calda estate della Rai inizia con la proclamazione di una maxi astensione dal lavoro che si protrarrà dal 28 giugno al 28 luglio. E che, vista l’anomala estensione, potrebbe impattare sulla messa in onda dei nuovi programmi estivi al via proprio dalla prossima settimana.

A comunicare lo stato d’agitazione è stata la stessa Rai con una nota in cui – senza troppi dettagli – si legge:

Ai sensi dell’art. 2, comma 6, della legge n. 146/1990, come modificata dalla legge n. 83/2000, comunichiamo che è stata proclamata l’astensione dalle prestazioni accessorie e straordinarie nel periodo dal 28 giugno al 28 luglio. Di conseguenza nel suddetto periodo la normale programmazione televisiva potrebbe subire delle modifiche“.

Lo sciopero, peraltro, interesserà il servizio pubblico proprio nel delicato periodo di transizione, che – con l’uscita di scena della governance guidata dall’AD Fabrizio Salini – porterà alla nomina di un nuovo CdA e di nuovi vertici aziendali.

Si è trattato di una scelta obbligata e necessaria, unica risposta possibile di fronte all’inerzia aziendale e alla sua incapacità di far fronte alle sacrosante richieste sindacali” si legge in un comunicato delle Segreterie Nazionali di SLC-CGIL, FISTEL-CISL, UILCOM-UIL, UGL-FNC, SNATER, LIBERSIND-CONFSAL, che hanno dichiarato lo stato di agitazione. Tra le richieste che i suddetti sindacati avanzano all’azienda, e idealmente alla prossima governance, ci sono un accordo che tuteli il lavoro in modalità Smart Working, il rilancio della Produzione TV e Radio con investimenti tecnologici, l’incremento di personale per ridurre il ricorso agli appalti, la valorizzazione delle professionalità interne. E ancora: il rilancio delle Sedi Regionali, la formazione per i diversi profili professionali, la riduzione dei costi aziendali ad iniziare dalle Locazioni dei locali esterni e per il Contezioso.

Stupisce certo la lunghezza anomala dell’astensione, per di più – e guarda caso – in piena estate, che tuttavia non è un’assoluta novità dalle parti della Rai.

Già ad inizio 2021, il personale di studio del CPTV di Roma e di Produzione News aveva indetto uno sciopero della durata di 28 giorni (dal 2 al 31 gennaio 2021), che aveva messo in fibrillazione i notiziari ed i programmi d’informazione di daytime e seconda serata.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Rai
Rai, nuova agitazione sindacale di un mese: traballano i palinsesti


Sciopero Rai
Sciopero Rai: saltano tutti i programmi del daytime in diretta da Roma


coletta-ascolti-daytime-rai1
Sciopero Rai indetto il giorno della partenza del daytime di Rai1. A rischio la programmazione


CPTV Rai Napoli
Rai, CPTV di Napoli in sciopero il 26 luglio. Palinsesti a rischio per dieci giorni

1 Commento dei lettori »

1. aleimpe ha scritto:

23 giugno 2021 alle 15:31

“Il pranzo è servito” lo stanno registrando….



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.