1
giugno

Sergio Mattarella su Rai Gulp: risponderà ai ragazzi sui 75 anni della Repubblica

Sergio Mattarella

La pace, la parità tra uomo e donna, il futuro. Per dire la sua su questi grandi temi, il Presidente della Repubblica si affaccerà su Rai Gulp, il canale del servizio pubblico dedicato ai più piccoli. Il 2 giugno, in occasione dei 75 anni della Repubblica Italiana, risponderà alle domande di tre ragazzi nell’ambito di una puntata speciale del programma “La Banda dei Fuoriclasse“, in onda domani alle 15.

Nel corso del suo intervento registrato, il Capo dello Stato si sottoporrà ai grandi interrogativi dei piccoli Francesco Barberini, 14 anni, Elena Salvatore, 11 anni, e Antonio Tancredi Cadili, 10 anni. E le risposte non saranno esattamente un gioco da ragazzi. Mattarella ha infatti ricevuto domande impegnative, come quella sulla parità di genere posta da Elena.

La parità di diritti, tra donne e uomini, nelle leggi italiane, è piena; ed è stata raggiunta da molti anni, in base alla Costituzione. Non è invece ancora così, per la sua, concreta, realizzazione

ha affermato il Presidente, sottolineando che “dal 1948 a oggi, sono stati fatti, nel corso degli anni, tanti passi in avanti“, ma anche che “per raggiungere una effettiva parità, dobbiamo rimuovere quegli ostacoli, che rendono tuttora difficile, alle donne, lavorare, raggiungere le posizioni più importanti, partecipare, in egual misura, alla vita delle istituzioni“. Dunque – ha concluso Mattarella – “sono necessari altri interventi“.

Rispondendo a Tancredi sulla libertà come valore da preservare nel futuro, il Capo dello Stato ha citato John Kennedy (“Non chiederti cosa può fare il tuo Paese per te. Chiediti, cosa puoi fare tu per il tuo Paese“), poi ha aggiunto:

E’ assolutamente, giusto che, ciascuno, chieda che le Istituzioni si preoccupino della sua condizione, ma è anche bene ricordare che le Istituzioni, in fondo, siamo noi stessi; e che riflettono quanto – noi – siamo stati capaci di fare, per il bene comune“.

Tra i temi affrontati, anche quello della pace, che – ha detto Mattarella al piccolo Francesco – va “costruita, e assicurata, ogni giorno, nei comportamenti concreti“.

Difendere la pace, significa eliminare le inimicizie, tra i popoli, e anche tra le persone. Rimuovere le cause, che possono provocare nuovi conflitti; e promuovere, in tutti i continenti, forme, sempre più ampie, di – cooperazione internazionale

ha dichiarato il Presidente della Repubblica nel suo intervento per Rai Gulp.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Marta & Eva - Simone Secce
Marta e Eva, divise tra musica e pattinaggio su Rai Gulp


Alessandro Cattelan
Alessandro Cattelan in Rai (Gulp)


Serena Rossi con Topolino
Rai Ragazzi e Disney+ festeggiano i 92 anni di Topolino


Sergio Mattarella all'Altare della Patria
Rai, programmazione speciale per la Festa dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.