14
aprile

Gerry Scotti e Michelle Hunziker imitano i cinesi: l’accusa di razzismo fa più ridere della gag

Gerry Scotti, Michelle Hunziker

La sai l’ultima sui cinesi? Gerry Scotti e Michelle Hunziker sono diventati razzisti, almeno secondo la vulgata che anche nell’innocua ironia vede un attacco alla diversità etnica e all’inclusione culturale. Paranoie. I due conduttori televisivi sono finiti in particolare nella bufera per una gag inscenata nei giorni scorsi Striscia La Notizia, dove – per introdurre un servizio sulla sede Rai di Pechino – hanno imitato la pronuncia cinese (trasformando la Rai in “Lai”) e stiracchiato il viso per riprodurre gli occhi a mandorla.

Apriti cielo. Il siparietto, peraltro poco originale ma senza dubbio bonario nelle intenzioni, ha scatenato moti di indignazione a partire dal mini-mondo dei social, finendo anche sul popolare account Diet Prada. Su Gerry e Michelle è quindi caduta l’accusa di aver caricaturizzato i lineamenti asiatici e di essere ricorsi a stereotipi razzisti. Il che fa sorridere ben più della suddetta gag della discordia, che ricorreva sì ad un’ironia un po’ fuori moda (alla quale i programmi di Antonio Ricci restano comunque affezionati) ma non aveva certo tutto il peso offensivo che le è stato montato sopra.

Intervenendo su Instagram, la stessa Hunziker ha sottolineato di non aver voluto intenzionalmente ferire nessuno e si è scusata così:

Non era assolutamente mia intenzione ferire la sensibilità della cultura cinese, io amo tutte le culture e sono contro ogni tipo di razzismo, ogni tipo di violenza e ogni tipo di discriminazione. Ma mi rendo conto che posso aver veramente urtato la sensibilità di qualcuno e per questo chiedo umilmente scusa“.

Ma il razzismo è una cosa seria e, in realtà, va riconosciuto a Striscia di aver sensibilizzato il pubblico su questo problema attraverso vari servizi, in particolare dell’inviata Rajae Bezzaz che affronta spesso il tema dell’integrazione. Il programma in questione però fa anche satira, ambito che – in generale – qualcuno vorrebbe normalizzare decidendo su cosa si può scherzare e come lo si deve fare, e togliendo peraltro al pubblico la libertà di decidere se effettivamente la comicità ha superato o meno i limiti dell’offesa.

Nello specifico, definiremmo la gag ‘cinese’ di Gerry e Michelle sbiadita ed evitabile. Ma non razzista. Se lo fosse stata davvero, dovremmo correre ai ripari togliendo di mezzo anche comici ed attori che riproducono ad esempio l’accento milanese o quello romanesco, magari aggiungendo qualche tipica espressione o modo di fare attribuiti a delle specifiche provenienze regionali. Via anche lo stesso Gabibbo di Striscia, pupazzo corpulento (allerta body shaming) che parla con una caricaturale cadenza genovese. Per fortuna non siamo ancora arrivati a tanto, ma non ci stupiremmo se qualcuno si indignasse strumentalmente anche in tal senso.

Il contrasto ai fenomeni discriminatori è una battaglia culturale giustissima, che tuttavia rischia di ottenere l’effetto opposto quando si cade nei paradossi del politicamente e dell’etnicamente corretto.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


tapiro Leotta 03.05 copia
Diletta Leotta attapirata per il CanCan mediatico


Vittorio Brumotti
Striscia la Notizia, nuova aggressione a Brumotti. Ma sgominare gli spacciatori non è compito delle Autorità?


isola dei famosi elisa isoardi
Pagelle TV della Settimana (12-18/04/2021). Promossi Buonamici e Isoardi. Bocciati i cambi di programma di Rai1


TapiroLeotta
Tapiro a Diletta Leotta per la fine della storia con Can Yaman. Ma lei nega

6 Commenti dei lettori »

1. il-Cla83 ha scritto:

14 aprile 2021 alle 15:37

Assolutamente d’accordo con l’articolo. La Hunziker si è addirittura scusata.. e qui forse ha sbagliato. Non c’è nulla di cui scusarsi. tra essere razzisti e prendere bonariamente in giro c’è una differenza epocale. E’ come quando noi italiano veniamo presi in giro tra le tante cose, per il nostro modo di gesticolare.. è una nostra peculiarità.. mica chi lo fa è razzista nei nostri confronti! Si sta davvero esagerando con queste polemiche.



2. Meke ha scritto:

14 aprile 2021 alle 17:47

Ma che vadano a quel paese gli accusatori.

E’ per colpa di gente così se HANK AZARIA si è dovuto scusare per aver doppiato Apu nei Simpson.

Diosanto, e tutto sto macello perchè hanno ammazzato uno che non era esattamente uno stinco di santo?



3. giauz ha scritto:

14 aprile 2021 alle 19:22

e poi la cosa che fa ridere è che sono gli americani a farci la paternale… ma perché non si guardano a casa loro? In Family Guy/I Griffin gli italiani sono stati addirittura etichettati come amici dei nazisti, loro possono fare questa satira e noi no?



4. Patrick ha scritto:

15 aprile 2021 alle 02:46

L’unica cosa di cui si dovrebbe scusare Striscia è di essere il programma di satira più anacronistico e che meno fa ridere in assoluto al mondo.



5. ugolucio ha scritto:

15 aprile 2021 alle 19:15

Ormai non si può scherzare su nulla. Ti fanno passare da razzista e pure omofobo. Ti mandano sotto processo se ti scappa detto nero o ricchiò



6. Maria Cristina Giongo ha scritto:

16 aprile 2021 alle 11:36

Giusto, sono d’accordo con l’articolo e con i commentatori! Era un modo di scherzare, garbato, divertente, come sanno essere i due presentatori! Per niente provocatorio!

Gli altri Paesi a volte criticano il nostro e noi italiani in maniera veramente offensiva. Pensate a certe reclame di tempo fa con l’immagine di una pizza, con accanto una pistola ( con riferimento alla mafia).

Carina comunque la Hunzicher a scusarsi!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.