7
marzo

I Maneskin rappresenteranno l’Italia all’Eurovision Song Contest 2021

I Maneskin all'ESC 2021

I Maneskin all'ESC 2021

Saranno i Maneskin, vincitori del Festival di Sanremo 2021, a rappresentare l’Italia all’Eurovision Song Contest 2021, che si terrà – compatibilmente con la situazione legata al Covid – all’Ahoy Rotterdam di Rotterdam tra il 18 e il 22 maggio 2021.A confermarlo sono stati i diretti interessati durante la Conferenza Stampa di questa mattina, nel corso della quale hanno commentato il loro inatteso trionfo sul palco dell’Ariston. Alla domanda di Eddy Anselmi, capodelegazione aggiunto per l’Italia all’ESC, sulla loro volontà di accettare l’incarico, hanno risposto entusiasticamente in coro:

Sì, non vediamo l’ora!“.

I Maneskin porteranno il nuovo rock italiano sul palcoscenico europeo, e con la loro spettacolarità, i costumi e lo show che sono in grado di creare sistematicamente sul palco, potrebbero essere un’ottima opportunità per il nostro Paese di imporsi all’attenzione generale.

Intanto, il 19 marzo uscirà il loro nuovo album Teatro d’ira – Vol. I, il “racconto di quello che abbiamo vissuto dallo scorso disco ad oggi, adesso poi si è aggiunto l’Eurovision e abbiamo annunciato due date, i nostri primi palazzetti, sperando che la situazione sanitaria permetta di fare un concerto nella sua interezza“.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Maneskin
I Maneskin «zitti e buoni»: la band si autocensura per l’Eurovision Song Contest


Francesca Michielin, Fedez
Classifica Fimi singoli, Sanremo domina: Fedez e Michielin sul podio con i Maneskin e Dimartino-Colapesce


Maneskin Valeria marini
Costantino della Gherardesca: «I Maneskin hanno rubato il look a Valeria Marini»


Maneskin-vincono-Sanremo
Sanremo 2021, the day after: exploit per i Måneskin su Spotify

2 Commenti dei lettori »

1. Non ho parole ha scritto:

7 marzo 2021 alle 12:42

Ecco, devo dire che stavolta, per la prima volta, il festival di Sanremo si è potuto definire “la finale italiana per l’eurovision”: è stato talmente osceno, trash e volgare che si è adeguato agli standard dell’eurofestival, proprio ciò che gli organizzatori di Sanremo avevano sempre cercato di evitare. Anche il crollo degli ascolti va in tale direzione.

“Congratulazioni” a coletta, amadeus e fiorello…



2. vivalaTivu ha scritto:

7 marzo 2021 alle 16:04

Buongiorno, da appassionato di tv e del festival, posso dire di aver assistito a un buon spettacolo, non memorabile per contenuti, ritmo, ma comunque di pregevole fattura, con tantissimo lavoro dietro che nell’attuale tv, spesso preconfezionata, è cosa rara.
Passerà alla storia, sperando sia un unicum e che nel 2022 si torni alla normalità, con tutto il rito sanremese (pubblico, passerelle, interviste , ecc…)

Un successo averlo fatto e portato a termine.
Le canzoni le ho trovate interessanti.
I Maneskin non erano tra i miei preferiti ma onore ai vincitori. Li seguirò all’ESC (di cui non condivido il regolamento che permette all’Italia e altri paesi “soci fondatori”di accedere direttamente alla serata finale, indubbiamente un vantaggio, ma con una sola possibilità di esibirsi live).
Grazie!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.