2
marzo

Sanremo 2021, la Banda della Polizia di Stato celebra il 40° anniversario della legge che ha riformato l’amministrazione della pubblica sicurezza

Banda della Polizia di Stato

Banda della Polizia di Stato

Uno dei momenti attesi nel corso della premiere di questa sera del Festival di Sanremo 2021 è l’esibizione per la prima volta sul palco del Teatro Ariston della Banda della Polizia di Stato, un orgoglio italiano che il maestro Ennio Morricone definì “una vera e propria orchestra di fiati”.

Sarà il maestro Maurizio Billi a dirigere gli orchestrali della Polizia di Stato, che eseguiranno un medley costruito sulle melodie dei brani Oblivion, Tango por una Cabeza e Libertango di Carlos Gardel e Astor Piazzolla. La performance musicale vuole essere un omaggio ai due compositori, in particolare ad Astor Piazzolla nel centenario della sua nascita. Con la banda ci sarà il sassofonista Stefano Di Battista e la violinista russa Olga Zakharova.

Da oltre 90 anni la Banda della Polizia di Stato consegue importanti successi in Italia e all’estero, non solo per il valore artistico ma anche per la capacità di rendere la musica elemento di comunicazione istituzionale e sociale, in grado di aggregare culture, lingue e generazioni diverse. L’esibizione al Festival di Sanremo si inserisce nel quadro delle iniziative che celebreranno il 40° anniversario della legge di Riforma dell’Amministrazione della Pubblica Sicurezza, una legge che ha rifondato la Polizia di Stato, rendendola più moderna, efficiente e vicina ai cittadini.



Articoli che potrebbero interessarti


Sanremo 2021, Ariston senza pubblico
Perché gli spettacoli a teatro di Comedy Central hanno il pubblico e Sanremo no?


Matilda De Angelis a Propaganda Live
Ma chi è Matilda De Angelis?


Willie Peyote
Sanremo, Willie Peyote si scusa coi colleghi: «So di essere una testa di ca**o. Talvolta il microfono dovrebbero spegnermelo»


Maneskin-vincono-Sanremo
Sanremo 2021, the day after: exploit per i Måneskin su Spotify

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.