30
gennaio

Le bizzarre logiche della Rai

Matano - Bortone

Matano - Bortone

Ci sono logiche in Rai che si faticano a capire. Anzi, a voler essere più precisi, ad essere inspiegabili non sono tanto le logiche quanto le ragioni che sottendono l’esistenza stessa di quelle bizzarre logiche che nessuno ha il coraggio di sradicare. Non si capisce, ad esempio, per quale motivo Rai 1 debba variare i propri palinsesti per rendere edotto il pubblico sulla crisi di Governo. Ieri, tanto per citare l’ultimo caso, un evitabilissimo Speciale TG1, condotto da Giorgino, ha ‘tagliato a metà’ la Bortone e spodestato del tutto Matano, monopolizzando il pomeriggio di Rai 1.

Ora, non solo è notorio lo scarso appeal degli asettici speciali del telegiornale della prima rete, ma la necessità di sostituire due professionisti dell’informazione che presidiano quello slot risulta professionalmente mortificante oltre che non necessario.

Non è chiaro, infatti, il motivo per il quale un programma di infotainment come La Vita in Diretta, guidato da un giornalista, peraltro ex volto del TG1, non possa affrontare determinate questioni politiche, così come non si capisce perchè stessa sorte tocchi all’ex volto di un credibile programma politico come Agorà, ora al timone di Oggi è un altro giorno. Se, tuttavia, nell’ultimo caso la natura del programma potrebbe giustificare una staffetta, nel caso del programma di Matano la sostituzione ha proprio dell’assurdo.

Assurdo per una ragione semplicissima: un argomento caldo che normalmente accende gli ascolti della programmazione tradizionale, sortisce proprio l’effetto contrario, facendo crollare gli ascolti del daytime pomeridiano della rete. La conseguenza è altrettanto semplice: l’unica a festeggiare è la concorrenza di Barbara D’urso.

Ma, poi, Rai News 24 cosa esiste a fare?



Articoli che potrebbero interessarti


Lorella Cuccarini a Oggi è un altro Giorno
Vita ce n’è ancora: la Cuccarini si riaffaccia nel pomeriggio di Rai 1, Matano parte con la sigla sbagliata!


Il Paradiso delle Signore
Rai 1, nella rete del «racconto giornalistico» a brillare è Il Paradiso delle Signore. Le elezioni fermano Bortone e Matano ma non la soap


Carlo Conti - Oggi è un altro giorno
Carlo Conti in mutande imbarazza la Bortone: «C’è questa parte, che ho con me dalla nascita, che mi fa fare bella figura» – Video


Clelia de Il Paradiso delle Signore
Variazioni Rai 1: Il Paradiso raddoppia alle 14, saltano Bortone e Matano causa Speciale Tg1

4 Commenti dei lettori »

1. Old Story ha scritto:

31 gennaio 2021 alle 08:55

effettivamente, fossi Matano sarei parecchio XXXato!



2. aleimpe ha scritto:

31 gennaio 2021 alle 10:52

Ma Matano è ancora un giornalista della redazione del TG1 ?



3. lele ha scritto:

1 febbraio 2021 alle 18:06

@aleimpe
Immagino che Matano sia ancora giornalista del TG1. Sarà stato messo in distacco come in genere si fa in Rai quando un giornalista passa alla conduzione di un programma.

Non ha senso stravolgere la programmazione di Rai 1 per seguire le consultazioni, che non sono propriamente un fatto eccezionale. In genere in queste dirette non succede praticamente nulla, il tutto si riduce alla chiacchierata tra due/tre ospiti e il conduttore in attesa di qualche collegamento. Non sarebbe meglio fare un resoconto a fine giornata nel notiziario della sera?



4. Maria Cristina Giongo ha scritto:

2 febbraio 2021 alle 12:01

Francesco Giorgino è non solo un giornalista di livello, ma pure uno scrittore ed esperto di politica, tanto che tiene anche lezioni all’università.

La Rai avrà preferito lasciar condurre a lui quella maratona proprio per le sue competenze. Io l’ho seguito con interesse.

In effetti ne ha beneficiato la D’Urso per quanto riguarda la parte dei gossip; vista forse da chi è stanco di sentir parlare di politica. Ma non c’è è stato un gran distacco, per quanto riguarda lo share; solo di 1 punto.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.