25
novembre

Ma quanto è figo l’Alligatore?

L'Alligatore - Matteo Martari e Thomas Trabacchi

L'Alligatore - Matteo Martari e Thomas Trabacchi

La Rai stavolta è andata oltre, confezionando una fiction totalmente fuori dagli schemi, scomoda e folle, che è tratta da una serie di romanzi e ne ricorda altri. Letteratura, cinema e tv si incontrano e si scontrano ne L’Alligatore, e l’impatto crea un fiume all’apparenza melmoso, ma ricco di frutti da cogliere.

La nuova fiction in onda da questa sera su Rai 2 (già disponibile su Rai Play), porta sullo schermo il personaggio nato dalla penna di Massimo Carlotto, ma nel guardarla si finisce direttamente nelle atmosfere di Bukowski, nel suo realismo sporco ai confini della realtà. La stravaganza dei personaggi, le loro indagini estreme e le buone intenzioni che si nascondono dietro alla violenza e agli omicidi li rendono simpatici, fumettistici, senz’altro originali.

E’ un prodotto che dà una marcia in più nuovo al filone seriale di Rai 2, la rete che un tempo ha ospitato L’Ispettore Coliandro (che de L’Alligatore può sembrare il parente pasticcione) ma che più di recente ha creato il fenomeno Schiavone. Le atmosfere fredde e oscure, però, riportano alla mente un vecchio successo del canale, Nebbie e Delitti, ai quali qui si aggiungono scene splatter e macabro umorismo.

Ma l’elemento più forte di questo piccolo gioiello è senz’altro il cast, composto dai migliori comprimari che la fiction italiana possa vantare. Nessuno degli interpreti aveva mai avuto finora un ruolo da protagonista assoluto, pur meritandolo, e il primo della lista è proprio Matteo Martari: il pubblico lo aveva già visto all’opera in Non Uccidere, Un Passo dal Cielo e Bella da Morire, ma qui l’attore veronese esplode, caratterizzando un personaggio non facile, a cui riesce a dare una fragilità incredibile.

Accanto a lui Thomas Trabacchi, capace da anni di spaziare dal dramma alla commedia senza mai perdere in credibilità e qui nelle vesti di un piccolo criminale, con i suoi tic e gli atteggiamenti da spaghetti western. E’ lui la ciliegina su questa torta cotta a puntino, sulla quale la Rai non sembra aver puntato troppo in termini pubblicitari, ma che ha già il sapore del cult.



Articoli che potrebbero interessarti


alligatore
L’Alligatore: su Raiplay e Rai2 il ‘galeotto detective’ dei best seller di Massimo Carlotto


Liberi Tutti - Giorgio Tirabassi e Thomas Trabacchi
Liberi Tutti: un «teatro dell’eccesso» con attori in stato di grazia


La Vita Promessa 2 - Thomas Trabacchi
La Vita Promessa 2: un racconto amaro, dominato dalle assenze


Buongiorno, Mamma! - Maria Chiara Giannetta
Mamma, che dramma!

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.