19
novembre

E’ morto Alfredo Pigna, storico conduttore e curatore de La Domenica Sportiva

Alfredo Pigna

Alfredo Pigna

Dopo Franco Lauro e Gianfranco De Laurentiis, il giornalismo sportivo perde un altro dei volti più amati. E’ morto oggi a Roma a 94 anni Alfredo Pigna. Nato a Napoli il 6 giugno 1926, il giornalista fu uno dei curatori e conduttori storici de La Domenica Sportiva. Approdò in Rai dopo una lunga carriera nella carta stampata, prima a Milano Sera e al Corriere della Sera, quindi al Corriere dell’informazione. Fu anche vice direttore della Domenica del Corriere.

Il debutto nel celebre appuntamento della domenica Rai avvenne nel 1970 e proseguì con ascolti record sino al 1974. Tornò alla conduzione della DS anche nel triennio 1983-1986 e curò dietro le quinte le edizioni in onda dal 1991 al 1994. Grande esperto di sci e vela, raccontò la “valanga azzurra”, commentò il trionfo olimpico di Paoletta Magoni a Sarajevo nel 1984 e poi la serie di grandi successi di un giovanissimo Alberto Tomba.

Tra il 1970 e il 1990 seguì Olimpiadi, Campionati mondiali, Coppa America e diversi Giri d’Italia. Nella sua lunga carriera vestì anche i panni dello sceneggiatore, condividendo con l’amico Dino Buzzati la stesura de Il fischio al naso di Ugo Tognazzi, tratto da un racconto dello stesso Buzzati. Pigna fu anche autore di numerosi libri e pubblicazioni come Il Romanzo delle Olimpiadi, I padroni della Domenica e Monaco ‘74.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Maradona
E’ morto Maradona


MARIA S
Uomini e Donne: è morta Maria S.


stefano-d-orazio
E’ morto Stefano D’Orazio


Sergio Matteucci
E’ morto Sergio Matteucci, il cronista delle partite di «Holly & Benji» e «Mila e Shiro»

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.