19
ottobre

Salini propone la cancellazione di Rai Sport e l’accorpamento di Rai 5 e Rai Storia

RaiSport

RaiSport

Spending review necessaria in casa Rai, con chiusure e tagli di programmi e canali in arrivo. A fare maggiormente rumore è la possibile cancellazione di Rai Sport, che l’ad Fabrizio Salini avrebbe proposto nel piano di riorganizzazione presentato al Cda.

Il canale sportivo della TV pubblica è da tempo un ‘gigante’ dormiente della redazione sportiva, con poche esclusive e contenuti spesso dallo scarso appeal. D’altronde, i diritti sportivi che contano della Rai sono principalmente quelli relativi al calcio (Coppa Italia e Nazionale) e agli eventi come Giro d’Italia, Tour de France e Olimpiadi; tutti appuntamenti che, dato il grande interesse di pubblico, trovano gloria su Rai 1 e Rai 2. A Rai Sport, salvo qualche studio live, post partita o – nel caso delle competizioni ciclistiche – prime fasi di tappa, rimangono gli sport minori. E gli ascolti nel complesso non sono certo alle stelle (la media fatica a raggiungere l’1% di share), ma nemmeno da buttare considerata altresì la mission del canale 57. Salini, secondo Il Fatto Quotidiano, dirotterebbe parte della programmazione di Rai Sport su Rai 2, rete in cui lo sport trova ormai spazio ad ogni ora del giorno.

Il piano di riorganizzazione, inoltre, prevedrebbe anche l’accorpamento di Rai 5 e Rai Storia, mentre sembra essere scongiurata – menomale, aggiungiamo noi – la fusione tra Rai Premium e Rai Movie, che rimarranno due reti distinte. Inoltre, stop – almeno per il momento – al canale istituzionale che era stato affidato all’ex direttore del Tg3 Luca Mazzà e alla rete in inglese designata a Fabrizio Ferragni.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Fabrizio Salini
Rai Storia e Rai Sport salvi: Salini scongiura chiusure o accorpamenti dei canali Rai


Roberto Gualtieri, Ministro dell'Economia
Rai, il ministro Gualtieri concede il tesoretto a Salini. Poi lo silura: «Nuovi vertici per voltare pagina»


Fabrizio Salini
Rai: in arrivo un tesoretto da 80 milioni?


Fabrizio Salini
Rai, Covid e perdite economiche allarmano l’AD Salini: «Situazione compromessa»

4 Commenti dei lettori »

1. Carlo Velenosi ha scritto:

19 ottobre 2020 alle 14:01

Scusi, Gentilissimo. Perché prova tanto sollievo nel sapere scongiurata la fusione tra Rai Movie e Rai Premium – canali accorpabilissimi – mentre non le fa un baffo che siano accorpati Rai 5 e Rai Storia, del tutto inaccorpabili…??



2. lele ha scritto:

19 ottobre 2020 alle 19:19

L’offerta Rai si è formata in modo del tutto casuale, un po’ per invitare a passare velocemente al digitale terrestre, un po’ per la decisione di liquidare Rai Sat. Buona parte dei canali Rai (ho perso il conto di quanti siano) esistono soprattutto per occupare il fiume di banda trasmissiva che ha ottenuto dalo Stato (discorso simile vale anche per anche per Mediaset…) Ora, però, tra crisi da pandemia e l’imminente passaggio all’MPEG4 bisogna fare una selezione.
La proposta di Salini a mio avviso è pure minimale: che di dire ad esempio di Rai Scuola, da anni ferma allo 0,01%? Nessuna tv pubblica europea ha un canale del genere; molte invece hanno un portale web dedicato alla scuola (un esempio su tutti, l’ottimo BBC Schools). E poi c’è Rai Premium, che da canale della fiction italiana è diventato un miscuglio di serialità europea e di programmi di giorno prima, sovrapponendosi idealmente all’on demand di Rai Play.
Comunque sia, la decisione di chiudere canali minori può essere l’occasione per valorizzare trasmissioni che altrimenti passerebbero ingiustamente inosservate e per definire in maniera netta i profili dei canali rimasti. In questo senso, Rai 2 potrebbe diventare la rete di riferimento per lo sport, mentre Rai 5 rafforzerebbe la sua identità di canale di programmazione colta.



3. lordchaotic ha scritto:

20 ottobre 2020 alle 01:48

Dovrebbero attuare sia questa che la precedente idea, cioè Accorpare rai movie e premium in rai 6, cosi eliminiamo pure dei nomi inglesi in nomi di canali italiani di stato e rai 5 accorparlo con rai storia, e comunque promuovendo alcuni ottimi documentari in prima serata sulle reti principali ma anche l’opera e il balletto. Assolutamente favorevole la chiusura di rai sport e spalmare tutto lo sport sugli altri canali!!!
In ultimo rilanciare rai news 24 magari chiamandolo Rai notizie 24.
Le repliche delle fiction e le teche tutte su rai play



4. lele ha scritto:

20 ottobre 2020 alle 10:30

Concordo con lordchaotic sulla questione dei nomi in inglese. L’ho sempre trovata una cosa molto provinciale.
Quanto all’accorpamento di Rai Movie e Rai Premium, va detto che era previsto in un vecchio piano industriale del 2010, ma non se ne fece nulla per non so quale motivo.
Infine, lo spostamento dello sport sugli altri canali avrebbe un duplice vantaggio: darebbe visibilità agli sport meno conosciuti e permetterebbe di colmare fasce orarie in cui va letteralmente in onda il nulla (penso alla mattina di Rai 2 o il primo pomeriggio di Rai 3 dopo i vari tg)



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.