22
maggio

Io e Te: fuori Sandra Milo, da Diaco arriva Katia Ricciarelli. L’apoteosi della simpatia!

Katia Riciarelli

Katia Riciarelli

A partire da lunedì 1° giugno 2020, Pierluigi Diaco tornerà in onda su Rai 1 alle 14.00 con la nuova edizione di Io e Te, ma lo farà senza Sandra Milo e Valeria Graci, le sue precedenti compagne di avventura. Per il nuovo ciclo di puntate, infatti, il giornalista ha ingaggiato Katia Ricciarelli.

Torna in tv dopo molti anni e sono onorato di averla al mio fianco

ha spiegato Diaco a Sorrisi. A guardare bene, la Ricciarelli manca però dal piccolo schermo soltanto dal 2018, anno in cui ha ricoperto il ruolo di giurata al Festival di Castrocaro. Inoltre, nel 2016, Katia ha preso parte alla prima edizione di Selfie – Le Cose Cambiano in qualità di mentore del programma condotto da Simona Ventura.

Non si tratta quindi di chissà quale particolare e sorprendente ritorno, dato che la donna non ha disdegnato di partecipare ad altri programmi televisivi come opinionista e calandosi persino nel ruolo di concorrente nella terza edizione de La Fattoria. Esperienze che ha alternato all’attività di attrice di fiction e cinema, una su tutte quella in Un Passo dal Cielo per diverse stagioni.

Pierluigi Diaco potrà contare anche sulla presenza di Santino Fiorillo, esperto di dive del passato e storico collaboratore di Maurizio Costanzo. In questo caso, non si tratta però di una new entry ma di un ritorno, visto che Fiorillo, già arruolato dietro le quinte del programma, ha presenziato sia alla prima edizione di Io e Te, sia alla sua versione notturna – andata in onda nella stagione autunnale – intitolata Io e Te di Notte.



Articoli che potrebbero interessarti


Pierluigi Diaco
Io e Te: novità e ospiti del programma di Pierluigi Diaco


Pierluigi Diaco
Io e Te di Notte: Pierluigi Diaco approda in seconda serata con Rocco Siffredi


pierluigi diaco
Io e Te, Pierluigi Diaco saluta commosso il pubblico e dà appuntamento ‘di notte’ – Video


Diaco
Io e Te, Pierlugi Diaco: «Hanno bevuto oggi in regia. Gli autori sono impazziti!»

5 Commenti dei lettori »

1. Gianni ha scritto:

23 maggio 2020 alle 13:57

Incredibile eh? Gli antipatici tra loro si riconoscono e fanno gruppo!
Mi immagino una puntata con Diaco, la Ricciarelli e ospiti: Sgarbi, Feltri, la D’Urso, Simona Izzo, la Zanicchi e in collegamento la Pausini, Barbareschi , Cirili ecc ecc.

Ragazzi…colerebbe veleno dal vetro della tv.



2. PeppaPig ha scritto:

24 maggio 2020 alle 07:11

Non capisco perchè non hanno riconfermato Sandra Milo che avevo trovato deliziosa. Qualcuno sa il motivo?



3. fdf ha scritto:

24 maggio 2020 alle 18:56

Non capisco come ancora facciano lavorare Diaco, di un antipatia e superiorità allucinante..insopportabile e noiso!! poi con la Ricciarelli vicino.. per carità!!



4. Giancarlo ha scritto:

25 maggio 2020 alle 08:08

Bisogna vedere che contratto gli fece la de Santis….perché tutti i salviniani sono ancora in pista



5. Marione ha scritto:

25 maggio 2020 alle 20:47

Caro fdf la risposta te l’ha data Giancarlo subito dopo. Lo sanno tutti che Diaco è un raccomandato di Salvini, che tiene ancora tutti i suoi dentro alla Rai a cominciare dal conduttore di Unomattina, Poletti amico personale del leghista. Mai una scelta legata al merito ma sempre raccomandati politici che infatti non fanno ascolti poi li vedremo questi mirabolanti ascolti di “mr. simpatia” Diaco. Finchè su Canale 5 al pomeriggio ci saranno soap e De Filippi sarà asfaltato sicuro. Ma per i raccomandati l’importante è avere un programma, gli ascolti non contano tanto paga pantalone cioè noi col canone per vedere sti 4 raccomandati incapaci antipatici e per nulla carismatici.
Anche se non mi piacciono e non li seguo devo dire che sopratutto i programmi d’intrattenimento Mediaset sono condotti da gente che ha fatto la gavetta e si è conquistata il successo sul campo portando all’azienda ascolti e pubblicità..questo è il merito. Ma Diaco e Poletti che hanno dimostrato? Solo di essere amici di Salvini per questo stanno lì e oggi basta per lavorare in Rai ma tanto i flop li paga il canone cioè noi.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.