15
aprile

Vigilanza Rai, scontro sulla diretta tv di Conte. Foa e Barachini nel mirino

Alberto Barachini, Marcello Foa

La diretta televisiva del premier Conte avvenuta il 10 aprile scorso continua ad essere terreno di scontro politico. Ormai, sulla questione, è un tutti contro tutti: la maggioranza giallo-rossa ha attaccato il centrodestra, che a sua volta ha puntato il dito contro i pentastellati. E nel mezzo ci è finita la Rai. Domani i vertici del servizio pubblico saranno infatti ascoltati in Vigilanza per chiarire quanto avvenuto dopo la discussa conferenza stampa del Presidente del Consiglio.

Ad alzare il livello della contesa politica era stata la decisione del Presidente Rai, , di concedere a Salvini e Meloni uno spazio di replica di 12 minuti ciascuno nei tg dell’11 aprile. Una sorta di bilanciamento dopo l’attacco che Conte aveva rivolto loro durante il suo intervento teletrasmesso. Tale iniziativa è stata però condannata dal Pd, che – attraverso le dichiarazioni della capogruppo Valeria Fedeli – l’ha definita “impropria, sproporzionata e quindi inaccettabile“.

A dividere era stata anche la presa di posizione di Alberto Barachini, Presidente della Vigilanza in quota Forza Italia, che muovendosi autonomamente aveva inviato una lettera alla Rai nella quale chiedeva “un proporzionato diritto di replica” rispetto all’intervento del premier. Richiesta poi, di fatto, assecondata. Anche in questo caso, non sono mancate le reazioni. Da parte del Pd, ad esempio, è arrivata una condanna per quella che è stata definita una vicenda “grave e lesiva del pluralismo informativo“.

E mentre Forza Italia – facendo scudo attorno a Barachini – chiedeva la convocazione in Vigilanza di Rocco Casalino, ufficio stampa di Palazzo Chigi, i Cinquestelle ribattevano che ad essere ascoltati dovrebbero essere invece i direttori dei tre principali Tg Rai.

La resa dei conti, probabilmente, potrebbe consumarsi proprio in Vigilanza, dove il bersaglio prescelto è stato il Presidente Rai Marcello Foa. Con una rara comunione d’intenti, M5s, Iv e Pd hanno chiesto il riconteggio delle schede della votazione della Vigilanza sulla nomina del giornalista alla presidenza del servizio pubblico.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes



Articoli che potrebbero interessarti


Alberto Barachini
Vigilanza Rai, Barachini: «No a censura sui no-vax. Penso che il servizio pubblico non dovrebbe fare infotainment»


Carlo Fuortes
Vigilanza Rai, Fuortes: «Sulle nomine ho rispettato la legge. Share non sia unico parametro»


Carlo Fuortes, Vigilanza Rai
Rai, l’allarme dell’AD Fuortes: «Scenario preoccupante. Potremmo essere costretti ad aumentare la pubblicità nel daytime». Proposto il canone su smartphone e pc


Carlo Fuortes
Vigilanza Rai, Fuortes fa a pezzi i predecessori: «In 3 anni persi 300 milioni, io non andrò mai in perdita». Ecco i budget di Rai1 e Rai3 dopo i ‘mini’ tagli

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.