5
febbraio

Ascolti Sanremo 2020: prima serata del 4 febbraio

Amadeus e Tiziano Ferro - Sanremo 2020

Amadeus e Tiziano Ferro - Sanremo 2020 (Ufficio Stampa Rai)

Parte bene il Festival di Sanremo 2020, 70° edizione della kermesse affidata ad Amadeus. La prima serata – in onda dalle 21.35 all’1.27 – incolla su Rai 1 10.058.000 spettatori, pari al 52.2% di share. Nel dettaglio, la prima parte della serata – dalle 21.35 alle 0.00 – ha ottenuto 12.480.000 spettatori con il 51.24%, mentre la seconda parte – dalle 0.05 all’1.27 – ne ha intrattenuti 5.698.000 con il 56.22%. L’anteprima Sanremo Start – dalle 20.51 alle 21.32 – con le sfide dei quattro giovani in gara e il monologo di Fiorello ha ottenuto 12.841.000 spettatori (43.96%). Nella fascia di prima serata 20.30/22.30, su Rai 1 si sono sintonizzati 12.523.000 spettatori, pari al 43.92% (un anno fa 12.444.000 e il 43.84%).

I dati auditel completi di martedì 4 febbraio 2020

Il confronto con la prima serata dello scorso Festival

Lo scorso anno la prima serata di Sanremo, il secondo consecutivo targato Claudio Baglioni, conquistò – dalle 21.16 all’1.14 – 10.086.000 spettatori con uno share del 49.5%. Amadeus conferma dunque i 10 milioni del debutto, pur registrando in valori assoluti il risultato più basso degli ultimi dodici anni; andando indietro, peggio fece soltanto Pippo Baudo nel 2008 (7.680.000). Al contrario, è record nei valori percentuali (52.2%); per trovare un dato migliore occorre tornare al 2005, quando la premier del Festival di Paolo Bonolis raggiunse il 54.78% di share.

I dati auditel di tutte le prime serate degli ultimi 20 anni

I picchi della prima serata

La prima serata registra un picco nei valori assoluti alle 21.45, quando su Rai 1 sono sintonizzati 14.942.000 spettatori per l’esibizione di Irene Grandi, che ha aperto la gara tra i big. Nei valori percentuali il picco si registra alle 00.27, sfiorando il 60% di share (59.6%) quando Amadeus ed Emma si accingono a percorrere il red carpet che li porta verso il palco di Piazza Colombo.

I target della prima serata

La premier fa di Sanremo 2020 l’edizione più giovane degli ultimi 23 anni. E’ record dal 1997 sul target individui 15-24 anni con il 61.7% di share, sulle ragazze 15-24 anni con il 65.6% e sui ragazzi 15-24 anni con il 56.8%

Gli ascolti del PrimaFestival

8.636.000 spettatori – 31.52% di share (lo scorso anno 8.012.000 – 29.92%)

Le dichiarazioni dell’ad Rai Fabrizio Salini

Grande soddisfazione per l’amministratore delegato della Rai, Salini, che commenta così il risultato d’ascolto:

“Grazie a tutto il pubblico e grazie a tutta la Rai. La 70esima edizione di Sanremo è la dimostrazione che il Servizio pubblico può vincere qualsiasi sfida. Gli spettatori hanno premiato lo sforzo dell’intera Azienda impegnata a costruire un Festival in grado di parlare a tutto il nostro pubblico.  E’ il Sanremo dell’inclusione, dell’accessibilità, della coesione sociale, della difesa della parità di genere e dei diritti civili. E’ il Sanremo della grande proposta digitale Rai. E’ il Sanremo che esce dal Teatro per coinvolgere la città. In una parola è il Sanremo del Servizio Pubblico, unica vera guida delle scelte editoriali di una Rai che deve essere di tutti. Grazie al Direttore artistico Amadeus, alle sue scelte coraggiose, alle sue compagne e ai suoi compagni di viaggio, artefici straordinari di questa grande festa per i 70 anni del Festival degli italiani”.



Articoli che potrebbero interessarti


Finale Sanremo 2020 (da Twitter)
Ascolti Sanremo 2020: la finale dell’8 febbraio


Sanremo 2020
Ascolti Sanremo 2020: quarta serata del 7 febbraio


Achille Lauro e Annalisa - Sanremo 2020 (Ufficio Stampa Rai)
Ascolti Sanremo 2020: terza serata del 6 febbraio


Amadeus e Fiorello - Sanremo 2020 (Ufficio Stampa Rai)
Ascolti Sanremo 2020: seconda serata del 5 febbraio

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.