7
novembre

Oltre la Soglia: una fiction cupa ed emotivamente impegnativa

Oltre la Soglia - Gabriella Pession e Riccardo Russo

Oltre la Soglia - Gabriella Pession e Riccardo Russo

Un reparto di psichiatria popolato da ragazzi giovanissimi, con difficili storie familiari alle spalle e tanti disturbi diversi, dinanzi ai quali temono di aver perso la libertà e la possibilità di vivere una vita normale. Un medico preparato, empatico, che vorrebbe salvarli tutti ma che in fondo sa di combattere una battaglia complicata, essendo ella stessa affetta da schizofrenia paranoide. Con ingredienti del genere non poteva che venir fuori un racconto duro, impossibile da alleggerire, ed infatti è proprio così che si è presentata Oltre la Soglia, la nuova fiction di Canale 5 con protagonista Gabriella Pession.

Oltre la Soglia: bravi interpreti in una storia carica di angoscia

La prima puntata si è aperta con l’immagine di una ragazzina che aveva volontariamente conficcato una penna nella propria gola, e che giocava a carte con la protagonista per decidere il proprio destino: o la cura farmacologica al suo disturbo, o la vita. E l’intera serata si è mossa sullo stesso binario, tra urla disperate di ragazzi altrettanto disperati, suoni ossessivi e un’angoscia crescente, che non poteva non arrivare allo spettatore.

Anche nelle storie più cupe, arriva di solito il momento in cui riprendere fiato, ma in Oltre la Soglia questo non accade quasi mai, perchè, proprio come può accadere in un reparto psichiatrico, il caos e la rabbia possono scoppiare in qualunque momento, anche mentre due ragazzine stanno allegramente facendosi la manicure. Dunque la visione è accompagnata da una tensione continua, che si placa nel lieto fine degli episodi, ma poi riprende puntale.

In questa storia non ci sono il bene e il male, l’uno contro l’altro, ma è un’esplorazione degli abissi della mente umana, dai più gravi a quelli basici, ed ha più il sapore di una serie straniera che italiana.

Gli attori sono bravi, la scrittura funziona, ma il prodotto resta ostico, duro, anche a causa delle tante e “faticose” emozioni che scatena.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


White Lines
White Lines: omicidi e narcotraffico in stile soap


Liberi Tutti - Giorgio Tirabassi e Thomas Trabacchi
Liberi Tutti: un «teatro dell’eccesso» con attori in stato di grazia


vivi e lascia vivere
Vivi e lascia Vivere: Elena Sofia Ricci è la star di un racconto carico di promesse


La Casa di Carta 4
La Casa di Carta 4: un racconto allungato troppo che non ha più nulla da dire

1 Commento dei lettori »

1. Gabriela ha scritto:

16 dicembre 2019 alle 22:30

Trovo la serie tv molto interessante, sia per il tema che per il modo con cui viene trattato. Cast eccezionale



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.