18
luglio

Antonella Clerici contro la De Santis: «Mi sento sopportata più che supportata. Se su 7 sere non trovi una collocazione per me, significa che non vuoi trovarla»

Antonella Clerici

Antonella Clerici

Ho la sensazione che si sia rotto qualcosa: mi sento sopportata piuttosto che supportata. Antonella Clerici vuota il sacco ed esprime tutto il suo malessere per essere stata fatta fuori dai palinsesti della Rai per la prossima stagione tv 2019/2020. Parla di dispiacere, più che di arrabbiatura, perché – spiega – “la rabbia si accende e si spegne, il dispiacere rimane”. Preso atto di non rientrare nelle grazie della direttrice di Rai 1 Teresa De Santis, la conduttrice non accetta di essere considerata un peso, anziché una risorsa, e di restare in panchina:

“Ci sta che un direttore decida di cambiare. Ma qui ci sono anche due aspetti da valutare: c’è un contratto in corso e dovrebbe valere anche quello che uno ha fatto per l’azienda. Sono sempre stata un soldato per la Rai, ho sempre detto di sì, non mi sono mai tirata indietro, anche quando dopo il Sanremo del 2010 potevo permettermi di puntare i piedi: ma non fa parte del mio carattere e non l’ho mai fatto”

ha dichiarato al Corriere della Sera. La Clerici dice ciò soprattutto a margine dell’incontro che ha avuto con la De Santis, che le ha lasciato sensazioni tutt’altro che positive:

“Ci siamo viste a lungo, abbiamo parlato di un emotainment, valutato l’ipotesi di un Sanremo Kids… Ma dall’ultimo colloquio che ho avuto con lei sono uscita con l’idea che non fosse uno scambio di progetti ma di opinioni. Ho capito che vengo vista come una che deve essere messa da qualche parte, non come un cavallo su cui puntare (…) Mi sembra comunque strano che non si trovi con 7 sere a disposizione una collocazione per me: significa che non vuoi trovarla.

Antonella resta comunque fiduciosa, anche perché alla fine, lo si è visto nella sua carriera, “da una crisi è nato qualcosa di bello”. Ed ora?

La mia prima scelta rimane la Rai, ma vedremo. Mi piace la Serie A, non i campetti di provincia”.

Insomma, la conduttrice attende che sia la Rai a trattenerla con proposte che siano all’altezza. Tra queste, non rientra di certo la conduzione della serata de Lo Zecchino d’Oro, alla quale ha serenamente detto no:

Non voglio fare da tappabuchi, anche perché non penso di meritarlo. E sono anche stufa di fare come in passato: partivo lancia in resta e mi trovavo da sola con la spada sguainata”.

Non dovessero arrivare progetti allettanti, la Clerici non esiterà a guardarsi intorno, anche perché qualcuno – più di uno – l’ha già cercata:

“In tanti, ma non faccio nomi. Mi ha fatto molto piacere, come quando stai con un fidanzato che non ti guarda più e incontri persone che ti fanno un sacco di complimenti. Ho ancora un anno di contratto, ma non mi piace ricevere il bonifico mensile senza fare niente: io voglio lavorare.

Guai, infine, a pensare che schierarsi politicamente possa essere una soluzione. Non lo è affatto, almeno nel suo caso:

Io sono sempre voluta rimanere fuori dalla politica, l’unica cosa sovrana per me è il pubblico. Quando ti schieri hai il tuo momento, ma se non vali poi torni dove eri. E comunque a tutti fa comodo che tu sia bravo piuttosto che schierato.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Antonella Clerici
Miss Italia 2019 verso Rai1


Antonella Clerici
Clerici fuori dai palinsesti, Presta smentisce la De Santis e conferma che non ci sono programmi. Antonella: «Se non mi sento amata vado altrove»


Teresa De Santis
Rai1, caos e divergenze sui palinsesti estivi. Salta la conferenza stampa (e meno male!)


Teresa De Santis
De Santis su Sanremo: «Salzano organizza i tour di una serie di artisti, non la maggioranza. Giuria d’onore decisa da Baglioni, era meglio con soli musicisti». Valutazioni in corso sul Paradiso delle Signore e sul post TG1

17 Commenti dei lettori »

1. valmont ha scritto:

18 luglio 2019 alle 11:20

“Ho ancora un anno di contratto, ma non mi piace ricevere il bonifico mensile senza fare niente: io voglio lavorare“, buone parole allora poteva usarle per dire si Lo Zecchino d’Oro un’ idea c’era poi dopo … liberi tutti



2. giacomo bartoluccio ha scritto:

18 luglio 2019 alle 11:21

Antonella fai una dichiarazione sovranista, di che sei per la famiglia canonica e contro le coppie di fatto e vedrai che ti trovano subito un posticino, in Rai funziona così, c’è questo direttore, il peggiore dai tempi di Fabrizio Del Noce, che “assume gente” solo se dichiarano pubblicamente di abbracciare la fede che va tanto di modo oggi.
Dichiarati sovranista e conservatrice e vedrai che ti pigliano già domani mattina



3. Marco ha scritto:

18 luglio 2019 alle 11:38

si ma se rimane fissata con sto SANREMO young, kids ecc ecc allora fan bene a non farle fare niente. Son tutte porcate.
E meno male che il brand Sanremo viene usato solo per quella settimana, altrimenti ciao evento, ciao interesse e ciao ascolti. Sanremo deve restare quello senza ALCUN ulteriore collegamento.

Porti altre, nuove idee, non queste solite, già viste, riviste e senza grandi successi. Sanremo Young, un insuccesso, giusta la cancellazione, oltretutto di un programma senza senso di esistere.
Basta con sta roba musicale.

Ora avrà paura di stare ferma un anno, la popolarità cala così come è già calata rispetto ad un anno fa quando faceva il cuoco.
Purtroppo lasciando La prova del cuoco si è fatta male da sola… doveva tenere quello e mollare le prime serate…



4. Emilio ha scritto:

18 luglio 2019 alle 13:29

È 5 anni che floppa in prima serata cosa va cercando?



5. Salvo ha scritto:

18 luglio 2019 alle 13:34

Brava Antonella, la De Santis è il peggior direttore di Rai 1 degli ultimi anni. La cosa che mi lascia senza parole è che Antonella aveva intenzione di condurre un emotainment (si è più volte parlato del ritorno de Il treno dei desideri) e poi la De Santis ha dato questo programma alla Venier che ha già Domenica In e sinceramente bastava solo quella per Mara.
Sanremo Young alla fine non è andato malissimo, considerando che ormai i talent sono usurati al massimo e Portobello è stato il programma di intrattenimento dei sabati sera autunnali di Rai 1 più visto degli ultimi 3 anni, contro un colosso come Tu si que vales. Trattamento ingiusto nei confronti della Clerici.



6. Liz ha scritto:

18 luglio 2019 alle 14:08

Dovrebbe essere grata di avere lavorato sempre in questi ultimi 15 anni, in cui fior di professioniste sono rimaste a guardare. Bisogna lasciare un po’ di spazio anche agli altri…Mi era piaciuta molto nell’ultimo Sanremo Young però.



7. Liz ha scritto:

18 luglio 2019 alle 14:20

Dovrebbe essere grata di aver sempre lavorato negli ultimi 10/15 anni, mentre fior di professioniste sono rimaste a guardare. Mi era piaciuta nell’ultimo Sanremo Young però. Brava lei e un gran bel programma.



8. alena ha scritto:

18 luglio 2019 alle 15:37

Ma a questa egocentrica non è passato per quel poco di zucca che ha in testa che alla Rai di adesso stai sulle scatole e che il contratto serve a non darti alla concorrenza? Quindi prenditi i soldi e adesso una volta tanto fai da mangiare a casa tua e non farti più vedere per un bel po’ che è successo pure a tante altre tue colleghe ma non hanno fatto così tante storie come lei. Forse si crede chissà chi ed umiltà zero visto quando dice che vuole la serie A e non le piacciono i campetti di periferia. Io invece la mandarei a lavorare un po’ sull’8 o sul 9 perchè mia cara in serie A non c’è posto per tutti e tu adesso che ti piaccia o no sei fuori.



9. Lunatica ha scritto:

18 luglio 2019 alle 16:08

Una delle conduttrici più sopravvalutate di sempre, pagata ben oltre i suoi reali meriti, altro che Fazio! Ha avuto la fortuna di imbroccare quel famoso Sanremo, forse più per fortuna che per altro, perchè di quell’edizione e della sua conduzione non si ricorda assolutamente niente. Dopodichè i piedi li ha puntati eccome, perchè ha voluto a tutti i costi togliere la Prova del Cuoco alla Isoardi piangendo in ogni dove, reclamando il sostegno delle donne, e rilasciando diciotto interviste al giorno in cui si dichiarava vittima di discriminazione perchè era andata in maternità. Talmente discriminata che al suo ritorno le avevano dato la conduzione di Sanremo. E’ notorio infatti che se la tua azienda vuole discriminarti al rientro dalla maternità ti nomina amministratore delegato. Ma faccia il piacere, e abbia almeno la decenza di stare zitta. Per me può andare in onda che sul 429.



10. Marco Urli ha scritto:

18 luglio 2019 alle 18:00

Quanto è patetica! Tutte le volte questa egocentrica deve inscenare il teatrino della vittima. Ma basta! Tornatene a Telereporter!



11. Salvo ha scritto:

18 luglio 2019 alle 19:58

Le cavolate che si leggono ogni giorno tra i commentatori sono imbarazzanti. Definire la Clerici una miracolata o una montata di testa è segno di antipatia nei suoi confronti. La Clerici è una bravissima conduttrice che sa tenere vivo un palco. Il problema semmai è stato della Rai che in questi anni ha puntato su di lei con dei programmi assolutamente flop. Lei nonostante questo non si è mai opposta e ha sempre fatto il suo dovere. Sinceramente con la sua verve la vedo benissimo alla conduzione a dieci anni di distanza del 70° Festival di Sanremo insieme al bravissimo ed esilarante Alessandro Cattelan. Così come la vedrei benissimo in Mediaset e Discovery a condurre programmi divertenti e in sintonia con la sua personalità.



12. controcorrente ha scritto:

18 luglio 2019 alle 22:08

SI E’ DATA LA ZAPPA SUI PIEDI DA SOLA… “trovare una collocazione” .. ??? non e’ questo che deve fare un direttore televisivo di una rete pubblica.. chi sei tu per avere una collocazione fissa ?— non hanno trovato il modo di far fare uno straccio di 2 serate alla Goggi negli ulltimi 20 anni.. e tu invece dovresti avere una collocazione a prescindere ??? un direttore tv pensa a fare dei buoni programmi.. e poi valuta in seguoto chi e’ piu’ adatto a farli..mica deve collocare figurine



13. Socrate ha scritto:

18 luglio 2019 alle 23:01

La Clerici conosce il suo mestiere e sa stare sul palco, dopo trent’anni di tv vorrei vedere. Ma ce ne sono tante e tanti migliori di lei, e pretendere che di default una sera la settimana su RaiUno sia sua ne fa qualcosa di più di una montata di testa. Credo che una pretesa del genere non l’abbia mai avuta nemmeno Pippo Baudo. Ma stiamo scherzando?

La Goggi …. già, la Goggi. La persona più sottoutilizzata nella storia della tv. Un mostro di bravura senza eguali, mai veramente amata fino in fondo dalla Rai, che l’ha messa da parte alla prima occasione. E lei, senza piagnistei, senza copertine, senza roboanti j’accuse, si è ritirata a vita privata con il grande amore della sua vita. Ovvero ha fatto in silenzio ciò che tutte le altre dicono a gran voce sui giornali di voler fare, ma poi, chissà perchè, non fanno mai.



14. Francesco93 ha scritto:

19 luglio 2019 alle 11:15

Se si sente sopportata, rescinda il contratto e si metta sul mercato, anche se dubito che troverebbe porte aperte altrove, sia per le cifre assurde che intasca, sia per i flop a ripetizione



15. ospite ha scritto:

19 luglio 2019 alle 14:27

Se ti senti un colpa a ricevere il bonifico senza lavorare….rinuncia allo stipendio



16. controcorrente ha scritto:

20 luglio 2019 alle 23:51

#Socrate.. grande Socrate.. analisi perfetta…



17. Andi ha scritto:

21 luglio 2019 alle 14:42

Se non ricordo male, la rai, pur di non farle lasciare la prova del cuoco, le aveva addirittura proposto di trasferirla agli studi torinesi permettendole di registrarla 2 o 3 giorni settimana e, nonostante ciò, lei rifiutò… quindi non capisco queste dichiarazioni adesso. Doveva aspettarselo che lasciando un programma stabile sarebbe rimasta con le mani vuote, vedi le esperienze di altre conduttrici.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.