12
giugno

Notte della Taranta, intellettuali furiosi per la conduzione di Belen e Stefano: «Vendono l’anima del Salento al trash e all’acchiappa chiappe»

Stefano e Belen

Stefano e Belen

L’arrivo di Belen Rodriguez e Stefano De Martino a La Notte della Taranta 2019 ha già innescato i primi malumori. Attraverso un documento – denominato Appello alla dignità – ideato e sottoscritto nel Salento, un gruppo di intellettuali, artisti e docenti universitari, capeggiati dal professore Andrea Carlino (storico dell’Università di Ginevra), ha infatti scelto di protestare per la decisione di affidare la conduzione dell’evento, simbolo della tradizionale musica salentina, ai due ritrovati coniugi, specificando che l’approdo di questi ultimi darà luogo ad una “deriva trash” del classico concertone.


Nella lunga lista delle dichiarazioni, come riporta La Gazzetta del Mezzogiorno, il gruppo di Carlino accusa la Fondazione Notte della Taranta di avere tolto “dignità ad una manifestazione che è stata unico e speciale luogo di studio e (re)invenzione della tradizione musica salentina, di metissage culturale e sociale, di coinvolgimento della comunità locale e di lavoro scrupoloso sulle fonti della cultura popolare“. E poi continuano con una domanda, provocatoria, sui motivi che hanno spinto l’organizzazione ad ingaggiare Belen e Stefano:

“Ci chiediamo perchè questa paziente costruzione, questo meraviglioso progetto culturale, sociale e politico, debba ora infrangersi vendendo l’anima del Salento al gossip e al trash, al populismo, all’acchiappa audience e all’acchiappa chiappe?“.

Pur non volendo entrare nel merito delle decisioni di Rai 2, che trasmetterà la manifestazione in diretta il 24 agosto, gli intellettuali lanciano una frecciatina al direttore Carlo Freccero, il quale aveva asserito di voler fare dell’evento salentino una sorta di “Sanremo estivo”:

“Non esprimiamo sia chiaro nessuna critica alle scelte mercantili o artistiche di Raidue, ma la fondazione Notte della Taranta, il suo presidente, il suo consiglio di amministrazione, il suo consiglio scientifico, perchè assecondano, anzi sono complici, della trasformazione commerciale e Sanremese del Concertone? Perchè?“.

La Fondazione, date le accuse, ha scelto di replicare al documento, specificando che Belen e Stefano non saliranno sul palco del concerto e si limiteranno, come del resto era stato già annunciato dallo stesso Freccero, a commentarlo e ad intervistare gli ospiti nel backstage. La “finestra” televisiva de La Notte della Taranta, nel 2017 e 2018, era stata condotta – su Rai 5 – dalla giornalista Barbara Capponi, una scelta senz’altro più apprezzata dagli intellettuali.

Pochi minuti fa su Facebook Andrea Carlino ha precisato:

Belen è l’occasione, non ha fatto nulla! . Lo scempio è cominciato da più anni. Belen, povera stella, fa il suo mestiere. Il problema è una fondazione senza etica, senza valori, insomma mercantile, poiché ha svenduto al neoliberismo dilagante (anche in quella che chiamavamo Sinistra) pezzi di cultura, il lavoro sano, la creatività, la ricerca, le antiche sofferenze allo zoccolificio televisivo, al mercato più scaltro, più cinico e più superficiale che infesta la nostra vita”.



Articoli che potrebbero interessarti


belen - de martino
Notte della Taranta in diretta su Rai2. Belen e De Martino relegati nel backstage come spalle di Gino Castaldo


Stefano e Belen
Belen Rodriguez e Stefano De Martino conducono La Notte della Taranta su Rai2


Belen Rodriguez e Stefano De Martino
Castrocaro 2019, Belen e Stefano: «Porteremo sul palco l’equilibrio comico che abbiamo nella vita». Ospite Gigi D’Alessio


castrocaro
Castrocaro 2019: partita l’operazione rilancio. Giuria e finalisti

4 Commenti dei lettori »

1. Rezon ha scritto:

12 giugno 2019 alle 13:20

ma che vadano a quel paese.



2. Gianni ha scritto:

12 giugno 2019 alle 15:45

Quanta serietà e quanta prosopopea che una roba “la taranta” che piace giusto in Puglia. Sono fenomeni locali storici che cercano da tempo di far diventare nazionali.

Ma diciamocelo chiaro…la taranta è una roba che rompe le scatole a tutti dopo 2 minuti che la senti!
Ha ammorbato il concertone del primo Maggio per anni con il suo ritmo ripetitivo e la solita tizia scalza che gira su se stessa come indemoniata!

Anche un bel basta a questa taranta….che torni ad essere un fenomeno locale da serata di vacanza al mare che è il giusto luogo per questa danza tradizionale.

Già dobbiamo sopportare altri fenomeni locali poco digeribili come i neomelodici alla D’Alessio. Come il figlio di Casadei e il suo liscio. Ci mancava giusto ’sta scocciatura della Taranta.

E poi cosa verrà? Lo stornello romano a Sanremo? Lo yodel al Festivalbar? Non mischiamo le “forme artistiche”. Ognuna al suo posto.



3. marco urli ha scritto:

12 giugno 2019 alle 19:24

Che Paese!
Ne abbiamo piene le tasche di ’ste Belen e di ’ste tarante!



4. Fabioulose ha scritto:

12 giugno 2019 alle 21:34

Una domanda per chi ne sa di più di ciò che c’è dietro allo schermo… ma non pare strano che Stefano de Martino che non se l’inculavano neanche a Mediaset passi alla Rai proprio quando belen arriva in Rai con la clerici è in fase d riconciliazione? Possibile che freccero realmente creda in lui? Ale verrebbe da dire: la Rai voleva belen. Belen o il suo agente han posto la clausola o entrambi o niente. Perché proprio non me lo spiego. E nn vedo altre possibilità credibili



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.