12
aprile

Festival di Sanremo 2020: la strada è ancora lunga

Amadeus

Amadeus

Sono appena tornati insieme in maniera quasi clamorosa e c’è anche chi li vorrebbe di nuovo riuniti in tv. Belen Rodriguez e Stefano De Martino sarebbero in lizza per un prestigioso palcoscenico. Per il settimanale Spy, da sempre molto vicino ai due, la rediviva coppia potrebbe tenere le redini del prossimo Dopofestival di Sanremo. Un rumor tanto inaspettato quanto prematuro. La strada che porta al Festival di Sanremo 2020 è ancora lunga. E di certo non c’è nulla, a cominciare dalla conduzione della kermesse vera e propria.

Sull’arrivo di Amadeus al 70° Festival si è detto e scritto già tanto (forse troppo). Se ne facessimo una questione di merito, potremmo già procedere con le foto ufficiali, ma sono tanti i fattori in gioco e ad oggi per il presentatore de I Soliti Ignoti non vi è alcun biglietto d’andata per la città dei fiori. Il suo nome circola, ma a Viale Mazzini nessuno si sarebbe messo concretamente ‘al tavolo’ con il diretto interessato per discuterne.

Potrebbe accadere, sì, ma ad un’unica condizione: che gli venga affidata anche la direzione artistica. La sua carriera (iniziata in radio come dj) e le sue conoscenze in ambito musicale, maggiori – se vogliamo – anche di altri direttori artistici dei Festival passati, impongono il doppio ruolo a Sanremo come accaduto, per esempio, con Carlo Conti e Claudio Baglioni. Invece, le indiscrezioni della prima ora parlavano del conduttore di Sanremo 2020 con la ’supervisione’ dello stesso Conti, mentre ora si parla  di un ‘nome forte’ anche a livello internazionale. Insomma, tutte ipotesi che taglierebbero fuori Amadeus. O gli si affidano le sorti dell’intera kermesse, o non se ne fa nulla.

Se è lunga la strada per la conduzione del Festival, figuriamoci quella per il Dopofestival. E poi, visti anche i precedenti, chi assicura che Stefano e Belen a febbraio dell’anno prossimo saranno ancora una coppia?



Articoli che potrebbero interessarti


Marco Liorni - Italia Sì
Sanremo Giovani: Italia Sì ospiterà il primo round tra le nuove proposte


Amadeus
Sanremo 2020, Amadeus: «Sarò lieto non solo di invitare il Gabibbo, ma Antonio Ricci sarà mio ospite e seduto in prima fila»


Amadeus
Sanremo 2020: i big annunciati il 6 gennaio durante lo speciale de I Soliti Ignoti


Amadeus
Sanremo 2020: tornano le Nuove Proposte e cambia il regolamento di Sanremo Giovani

4 Commenti dei lettori »

1. Mattia Gasparini ha scritto:

12 aprile 2019 alle 17:01

Ottima frase conclusiva di tutto l’articolo!
Nessuno in rai che pensi a Gerry Scotti? Vogliamo darglielo un Sanremo prima che sia troppo tardi? Ripetiamo l’errore fatto con Frizzi? O valgono solo i presentatori che sono passati su ambedue le emittenti o solo come partnership alla Mary con Conti?



2. il-Cla83 ha scritto:

12 aprile 2019 alle 17:15

@mattia concordo pienamente
Prima ho visto una foto della puntata I tre tenori e ho pensato, Conti e Bonolis hanno condotto più edizioni del Festival, il buon Gerry manco mezza! Capisco che sia un presentatore legato indissolubilmente a Mediaset ma se lo meriterebbe proprio, è un gran signore, un numero uno, e sopratutto prima di andare in televisione ha lavorato a lungo in radio, e credo che di musica ci capisca e non poco! Speriamo che prima o poi la Rai lo prenda in considerazione!



3. Mattia Gasparini ha scritto:

12 aprile 2019 alle 17:24

il-Cla83, c’è stato un solo pezzo davvero divertente e quanto mai triste ieri al MCS (a parte il ricordo di Frizzi), e cioè quando Bonolis, con il suo solito sarcasmo in punta di fioretto, ha fatto notare che Conti ha vinto più premi regia televisivi che telegatti, al contrario di Gerry che ha vinto più telegatti che premi regia televisivi. Lui era l’unico che ne aveva vinti in egual numero in entrambe le manifestazioni! Non se ne esce da questi meccanismi di concorrenza e di scuderia.



4. DIEGO ha scritto:

13 aprile 2019 alle 11:18

IO VEDREI BENE SCOTTI CON MILLY CARLUCCI O SCOTTI CON ISOARDI



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.