28
marzo

Fuori dal Coro: Giordano litiga con la Costamagna e le chiude il collegamento. Lei chiede invano le scuse – Video

Fuori dal Coro, Giordano vs Costamagna

Prima o poi doveva succedere. Ieri sera, a , il consueto confronto tra Mario Giordano e Luisella Costamagna si è trasformato in un vero e proprio screzio senza lieto fine. Nel corso della trasmissione di Rete4, il conduttore ha troncato bruscamente il collegamento con l’opinionista fissa, dopo essersi scontrato con lei sulla legittima difesa. In un secondo momento, la giornalista ha chiesto le scuse di Giordano, il quale però non ne ha voluto sapere.

A far saltare i nervi ai protagonisti della trasmissione è stata, come anticipato, la legittima difesa, che proprio oggi otterrà il voto definitivo in Senato e diventerà legge.

Uno Stato serio deve difendere i cittadini e non invitare a difendersi da soli, come prevede questa legge. Tra l’altro trovo strumentale questo titolo (in sovrimpressione, ndDM): ‘Da domani difendersi sarà legittimo’…

ha affermato la Costamagna. All’udire le obiezioni della collega, Giordano si è infervorato:

Tu hai detto una bestialità. Questa legge non invita ad armarsi“.

Si è innescato così un botta e risposta tra i due. “Non ho detto armarsi, per cui la bestialità l’hai detta tu” ha risposto l’opinionista, chiedendo al conduttore di potersi spiegare. Questi, però, ha chiuso di imperio il collegamento, commettendo un passo falso. Per quanto contestabile nelle sue posizioni, la giornalista – coinvolta come contraltare dallo stesso padrone di casa – aveva infatti il diritto di concludere il ragionamento.

Poco più tardi, quando il conduttore è tornato a collegarsi con la stessa Costamagna, quest’ultima ha preteso delle scuse, che tuttavia non sono arrivate.

Sono qui solo ed esclusivamente per sentire le tue scuse. Se io partecipo a questo programma è per esprimere un’opinione che è la mia e che molto spesso è diversa dalla tua. Se ho la possibilità di farlo, lo faccio, se invece mi si chiude il microfono e il collegamento così da cafone, allora me ne vado. Dimmelo: me ne devo andare?

ha incalzato l’opinionista. Ma Giordano, ribadendo di non voler riaprire la polemica, non ne ha voluto sapere e si è congedato da lei. E ha concluso così:

Luisella, io credo che ai nostri telespettatori tutto ciò non interessi quindi io ti ringrazio“.



Articoli che potrebbero interessarti


Mario Giordano
Fuori dal Coro: Mario Giordano torna a ‘cantare’ su Rete4. Ma col contraddittorio di Luisella Costamagna


Mario Giordano - Fuori dal Coro
Fuori dal Coro si allunga di quattro puntate


Bacio Boris e Tobias
Tempesta d’Amore: la ‘nuova’ Rete 4 trasmette il matrimonio gay tra Boris e Tobias


Mario Giordano
Fuori dal Coro: Mario Giordano torna in prima serata dall’11 settembre

8 Commenti dei lettori »

1. PAOLO76 ha scritto:

28 marzo 2019 alle 12:12

Comportamento sbagliato quello di Giordano (che per me non dovrebbe condurre un bel nulla). Giustamente l’ospite ha il diritto di esprimere la sua opinione, altrimenti può anche non essere invitato.



2. Mattia Gasparini ha scritto:

28 marzo 2019 alle 13:12

L’Ospite ha diritto di concludere il suo intervento se non parla a sproposito e in modo maleducato sovrapponendosi agli altri ospiti e non sciorina dati falsi. Qui siamo nel caso opposto a quello successo con Gruber e Meloni che era stata sollecitata a risposte brevi e avvertita che le sarebbe stato chiuso l’audio più volte.
I duelli Costamagna-Giordano sono sempre molto interessanti.
La Costamagna, che non amo particolarmente, è parte fissa del programma non presenza saltuaria, quindi andava per lo meno trattata in modo diverso. Qui a differenza del caso Meloni siamo davanti al conduttore maleducato e non l’ospite: la situazione è del tutto inversa.
Riguardo a quello che sosteneva non posso nemmeno darle torto. Giordano le ha messo in bocca cose che non aveva detto. Era ovvio che si parlasse di una legge che permette alla gente di avere scusanti durante il processo per legittima difesa. Ha ragione lei: lo Stato deve difenderci, il ministro degli interni deve provvedere alla nostra difesa, non siamo noi a doverci armare e pensare poi di passarla franca per mezzo di questa legge.
Io sono un telespettatore e mi interessa: a meno che Giordano non pensi di condurre un programma solo per i suoi fans. Che a guardare gli ascolti sono ben pochi. Manda via anche noi che ti guardiamo, mi raccomando.



3. aaaaa ha scritto:

28 marzo 2019 alle 13:22

@Mattia Gasparini: veramente è stato anche lui a dire che la legittima difesa non invita ad armarci.



4. Mattia Gasparini ha scritto:

28 marzo 2019 alle 13:40

aaaaaa, io non ho detto che lui non l’abbia detto, lui accusava lei di dire una cosa diversa, una bestialità, anche lui in preda a isterismo meloniano. Invece la Costamagna non stava dicendo affatto una cosa diversa, la stava argomentando.
Anche Giordano ormai è diventato la caricatura del suo proprio format. Partito bene e poi tramutato in una macchietta.



5. Ester ha scritto:

28 marzo 2019 alle 13:51

Giordano è stato molto maleducato. E lo sa anche lui. Il programma e il livello di Giordano si desumono anche sa queste cose ahimè !!!



6. giacomo bartoluccio ha scritto:

28 marzo 2019 alle 15:10

Giardano è la caricatura di se stesso. La costamagna urge un bagno di umiltà, è troppo petulante e vogliosa di dimostrare che è preparata ma spesso il risultato è di una saccente noiosa e antipatica



7. mattep ha scritto:

28 marzo 2019 alle 15:44

Odiosi entrambi. Comunque la Costamagna fa parte del programma proprio per fare da contraltare alle opinioni di Giordano indipendentemente dal fatto che possa aver ragione o meno. Quindi chiuderle il collegamento per zittirla è solamente un comportamento da gran cafoni.



8. marco urli ha scritto:

28 marzo 2019 alle 17:58

Luisella è una gran morta di fama (pur di stare a galla nell’empireo televisivo aveva persino accettato di condurre un programma sulla famigerata e fallita Agon Channel!) ma in questo caso Giordano si è comportato malissimo.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.