5
ottobre

I Topi: Antonio Albanese latitante da (de)ridere nella serie tv di Rai3

Antonio Albanese, I Topi

Chiusi in gabbia come bestie, incapaci di vivere con dignità, i mafiosi raccontati da diventano personaggi patetici, grotteschi. Da (de)ridere. L’attore lombardo li ha rappresentati così ne , la prima serie tv da lui scritta e interpretata, in onda in prime time su Rai3 (21.40) da domani – 6 ottobre – per tre serate da due episodi ciascuna. Albanese interpreterà Sebastiano, un latitante gretto e ignorante, fiero di ciò che ha costruito grazie al malaffare ma costretto a trascorrere le sue giornate tra cunicoli e nascondigli. Come un topo.

La serie, prodotta da Rai Fiction e Wildside, estremizza in chiave ironica uno degli aspetti più assurdi della vita dei mafiosi, ridicolizzando i codici e i disvalori della criminalità. Ognuno dei sei episodi ruota intorno al modo di essere del mafioso, attraverso le vicende del protagonista e dei personaggi che lo affiancano. L’effetto comico è riuscito: Albanese suscita un sorriso amaro nel telespettatore, anche se – tra scene surreali e battute sottili – si perde un po’ l’aspetto più turpe e reale della mafia.

Rai3, I Topi – Trama

Sebastiano, con l’aiuto di fidati prestanome, porta avanti i loschi traffici della sua impresa edile restando chiuso in casa tra allarmi e telecamere a circuito chiuso, nel timore di essere scoperto dalla Polizia. Tutto questo con la complicità della famiglia al completo: la moglie Betta (Lorenza Indovina), immersa con grande normalità nelle trame illegali; la primogenita Carmen (Michela De Rossi), studentessa universitaria spesso in conflitto col padre, ma con il quale condivide filosofia spicciola ed eloquente cinismo; Benni (Andrea Colombo), il figlio diciassettenne un po’ stupido e con velleità giudicate trasgressive dal padre, che non condivide la sua passione per la cucina; gli zii Vincenza e Vincenzo, accanita scommettitrice la prima e capostipite mafioso il secondo, felicemente autorecluso nel bunker da 12 anni.

Nel primo episodio, già disponibile su Rai Play, Sebastiano e la sua famiglia sono riuniti per il pranzo, ma vengono continuamente interrotti dal suono del citofono. Sebastiano – temendo che si tratti della Polizia – è quindi costretto, più volte, a infilarsi nei percorsi sotterranei che lo portano al bunker dello zio Vincenzo. Fino a quando a citofonare è Carmen, che rientrando rivela a tutti che ha una relazione con il figlio primogenito della famiglia rivale dei Calamaru.

La puntata è godibile e lascia nel telespettatore il desiderio di seguirne il prosieguo. Albanese coglie le sfumature della miserabile vita del latitante e le caricaturizza con la satira. Ne I Topi, tuttavia, anche l’efferatezza del mafioso diventa un po’ umoristica, meno drammatica di quel che purtroppo è, forse come inevitabile effetto collaterale dell’operazione messa a punto dallo stesso Albanese.

Ho narrato lo stile di vita dei latitanti di mafia, usando l’ironia e il paradosso con l’intento di far emergere il ridicolo e l’assurdità di quella condizione (…) La comicità vuole essere anche strumento rivelatore della bestialità e dell’ignoranza delle realtà mafiose che sottraggono nutrimento e sono portatrici di gravi ‘infezioni’, come i topi

ha dichiarato l’attore, rivelando di essersi ispirato non ad un singolo boss mafioso ma ad una serie di situazioni accadute nella realtà e rielaborate poi nella fase di creazione del suo nuovo personaggio.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Carlo-Conti
Rai 3: arrivano Carlo Conti, Manuel Agnelli e Antonio Albanese. Gramellini conduce Cyrano


VieniviaconmeFabioFazioRobertoSaviano
VIENI VIA CON ME, FABIO FAZIO ACCUSA LA RAI: MANCANO I CONTRATTI, COSI’ NON SI VA IN ONDA


Mario Tozzi
Palinsesti Rai 3, inverno 2019: Mario Tozzi prende il posto di Alberto Angela al sabato. Torna Recalcati


Raffaella Carrà
Raffaella Carrà in prime time su Rai3 con «La mia casa è la tua»

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.