6
agosto

Io sono Mia: Ivano Fossati e Renato Zero hanno chiesto di non figurare nel biopic Rai su Mia Martini

Serena Rossi in Io sono Mia

Serena Rossi in Io sono Mia

Dura la vita dei biopic. Da sempre portare al cinema o in tv le vicende di personaggi realmente esistiti ha costretto sceneggiatori e registi a dover fare i conti con parenti, amici e conoscenti delle personalità oggetto del tributo, in genere piuttosto intimoriti e restii all’idea di vedere mostrata un’immagine diversa, caricaturale, o comunque poco aderente alla realtà del proprio caro e di loro stessi. Non fa eccezione Io sono Mia, il tv movie dedicato a Mia Martini con protagonista Serena Rossi. La fiction, in onda il prossimo mese di febbraio, nella strategica collocazione post Festival di Sanremo, ha dovuto incassare alcuni divieti clamorosi. Il cantautore Ivano Fossati, protagonista di una tormentata storia d’amore con la cantante calabrese ha, infatti, proibito categoricamente non solo di essere nominato, ma addirittura che all’interno della miniserie prodotta dalla Casanova Multimedia, venisse fatto alcun riferimento ad una storia d’amore con un musicista. A dare conferma del veto, sulle pagine de Il Messaggero, è la stessa Serena Rossi, che si dichiara dispiaciuta per la scelta di Fossati, il cui personaggio nel film tv sarà presentato come un famoso fotografo.

“Ci sono rimasta male. Mi è dispiaciuto proprio per lei, Mia. Anche se non raccontiamo due musicisti, abbiamo comunque messo in scena la storia di una grande passione, un grande amore, cercando di riprodurre le dinamiche e i sentimenti che a volte si creano nelle coppie di artisti.”

Fossati non è però l’unico personaggio legato al mondo dell’indimenticata interprete di Almeno tu nell’universo e Piccolo Uomo ad aver chiesto di non apparire nella fiction. In Io sono Mia non sarà presente neppure Renato Zero, storico amico della cantante. A riguardo La Rossi dichiara:

“Non ho capito bene cosa sia successo in quel caso. Erano molto amici, hanno iniziato insieme, stavano molto insieme. Per fortuna, nella fiction, un altro amico Mia ce l’ha.”

Nella fiction, che racconterà la vita di Mimì sino al 1989, anno del suo ritrovato successo, non mancheranno fortunatamente i personaggi di Loredana Berte, amata e odiata sorella, il cui volto sarà quello dell’attrice Dajana Roncione, e dell’amico Franco Califano, interpretato da Edoardo Pesce. Polemiche a parte la Rossi, si dichiara entusiasta dell’importante occasione rappresentata da Io sono Mia. Un’esperienza difficile ma al contempo decisamente gratificante.

“…Ci sono entrata con tutta me stessa. Quando ho finito è stato dolorosissimo salutarla. Continuo ad ascoltarla molto, anche adesso […] Tutte le canzoni di Mimì sono difficili. Partono con note bassissime e arrivano ad altezze inimmaginabili. Ho fatto un gran lavoro con Maria Grazia Fontana, mia vocal coach dai tempi di Almeno tu nell’universo a Tale e Quale Show. [...] Di sicuro è un’occasione irripetibile. [...] Per un’attrice un ruolo così assoluto e complesso è raro. C’è il dramma, l’amore, il canto..”

Il tv movie, scritto da Monica Rametta e diretto da Riccardo Donna, vede nel cast anche Maurizio Lastrico, Lucia Mascino, Antonio Gerardi, Nina Torresi e Corrado Invernizzi.

Io sono Mia – Trama

Sanremo ‘89. Un’esile figura femminile, percorre di spalle il tragitto per salire sul palco del teatro Ariston. È Mia Martini e questo è il suo rientro sulle scene dopo anni di abbandono: “Sai la gente  è strana,  prima  si  odia,  poi  si ama” è la prima strofa della nuova canzone della sua nuova vita. Mimì in una lunga intervista ripercorre le tappe salienti della sua carriera: gli inizi difficili da bohémienne, il rapporto complesso col padre che, pur amandola, la ostacola fino a farle male, una storia d’amore intensissima che la travolge e la condiziona, la fama di iettatrice che le si attacca addosso come la peste, la carriera che conosce alti e bassi vertiginosi, il buio, fino alla serenità ritrovata. Una vita drammatica e intensa vissuta da una personalità sincera e autentica, da un animo fiero che ha lottato contro pregiudizi emarginanti e che non ha voluto scendere a compromessi, pagando a duro prezzo le proprie scelte artistiche e personali senza mai tirarsi indietro. Io sono Mia è la storia di un’artista unica dalla voce inimitabile, la storia di una donna appassionata che ha amato fino in fondo con ogni fibra del suo essere.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Serena Rossi imita Mia Martini a Tale e Quale Show
Serena Rossi sarà Mia Martini in una fiction biopic


Serena Rossi Da qui a un anno
«Da Qui a Un Anno» non ha mantenuto la sua promessa


Salvini - Mentana
Pagelle TV della Settimana (26-02/4-03/2018). Promossi Camilleri e Mentana. Bocciati Andrea Marchi e la festa di Radio Deejay interrotta


Serena Rossi
«Celebration» nel sabato sera di Rai 1 con Serena Rossi e Neri Marcorè

4 Commenti dei lettori »

1. controcorrente ha scritto:

6 agosto 2018 alle 18:56

ma io non ho capito !!! un personaggio pubblico puo’ impedire che si parli di lui ??? ma allora i reali inglesi su cui fanno becere riproposizioni delle loro vite da 30 anni ??



2. Nina ha scritto:

7 agosto 2018 alle 08:57

Che tristezza di persone. Una delle più meritevoli di un ricordo è proprio mia Martini



3. Gino ha scritto:

7 agosto 2018 alle 16:49

Sono convinto che con Mia Martini ne Rebato Zero e ne Ivano Fossati hanno avuto molto più rispetto x Mimì a differenza di Loredana Bertè… tutto qui.se nn vogliono essere inseriti..probabilmente il motivo sarà quale verità ha scritto la Bertè nella stesura .



4. Renato ha scritto:

8 agosto 2018 alle 14:09

Non saro’ presente nella fiction perché Loredana non merita più la mia amicizia.
Prima della messa in onda della fiction rilascerò un intervista con i miei motivi.
Mimi’ capira’.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.