18
luglio

The Good Doctor: perchè ha fatto il botto su Rai1

The Good Doctor

The Good Doctor

Che avesse un potenziale da generalista lo sapevamo. Che all’esordio riuscisse a battere più di un record ci risulta tuttavia davvero sorprendente. Con oltre 5,2 milioni di spettatori, picchi superiori al 30% di share e una curva in crescita, in prima visione assoluta The Good Doctor ha trovato una cura “miracolosa” all’estate di Rai1.

Il boom di The Good Doctor

Un risultato senza eguali ancora più significativo alla luce del periodo storico, complicato per le serie tv in chiaro, e per l’assenza di una tradizione seriale di Rai1. Merito di un prodotto che ben si sposa con le logiche della tv tradizionale: episodio autoconclusivo, dramma smorzato da elementi più leggeri, e soprattutto un protagonista principale riconoscibile con delle caratteristiche peculiari tali da inserire un elemento di novità nell’ambito del medical drama, genere sempre amato ma visto e rivisto. Il geniale dottor Shaun Murphy, affetto da autismo, non è il classico eroe da camice bianco ma nemmeno l’antieroe alla Dr House, è piuttosto un personaggio – nemmeno troppo simpatico – al quale affezionarsi e per il quale fare il tifo. La diversità non è normalizzata bensì accompagnata dal riscatto e all’abbattimento di pregiudizi. La struttura lineare di The Good Doctor ricalca quella della serie con Hugh Laurie, con cui condivide gli autori che hanno curato l’adattamento di una fortunata produzione coreana (portata in Usa dall’attore di Lost Daniel Dae Kim che avevamo incontrato ad ottobre).

Agli italiani piace il medical drama

The Good Doctor conferma la predilezione del pubblico nostrano per i medical drama a stelle e strisce. Al vertice della classifica dei singoli episodi di telefilm più visti negli ultimi 25 anni troviamo ER – Medici in Prima Linea (oltre 7 milioni nel 1997 su Rai2) seguito da Dr House (6,7 milioni nel 2007 su Canale 5), Beverly Hills 90210 (5,8 milioni), Lost (5,6 milioni) e The Good Doctor (5,4 milioni) che batte Streghe (5,2 milioni). Sul versante satellitare è Grey’s Anatomy il prodotto più visto di sempre. Curiosamente quando si parla di fiction italiana, invece, i medical puri non hanno mai trovato grossa fortuna.

The Good Doctor: un doppio successo per Rai1

Dopo importanti passi avanti sul fronte fiction, per Rai1 l’affermazione di una serie statunitense è un buon segnale, sinonimo di una certa ricettività della propria platea ad un prodotto qualitativamente più sofisticato e meno facile di una produzione tricolore media. E ciò vale anche nel caso in cui The Good Doctor dovesse progressivamente perdere pubblico.

In America su Abc la serie, con Freddie Highmore, si è attestata come la rivelazione della stagione appena passata. Ha debuttato, lo scorso settembre, con 11,22 milioni di spettatori (oltre 19 milioni con i dati differiti) per poi chiudersi davanti a 9,52 milioni spettatori(15,85 milioni con i dati differiti). Ottima l’accoglienza anche in Spagna dove i primi due episodi, in onda lo scorso 16 luglio su Telecinco, hanno raccolto rispettivamente 2.645.000 spettatori (19.1%) e 3.543.000 spettatori (25.5%).

Il boom di The Good Doctor spingerà nuovamente la generalista a puntare sulla serialità americana? Attenzione di The Good Doctor ce n’è uno.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Un Natale d'oro Zecchino
Ascolti TV | Venerdì 14 dicembre 2018. Vince Un Natale d’Oro Zecchino (17.9%), Milionario 16.4%


The Good Doctor Rai2
The Good Doctor sbarca su Rai2


Nero a Metà - Claudio Amendola e Miguel Gobbo Diaz
Ascolti TV | Giovedì 13 dicembre. Nero a Metà 21.2%, la finale di X Factor 2018 al 13% (TV8+Sky+Cielo). Flop I Grandi Papi (0.8%)


ascolti guarda stupisci
Ascolti TV | Mercoledì 12 dicembre 2018. Champions 17.8%, Arbore 14.5%, Animali Fantastici 11.8%. Crolla Chiambretti (3.6%)

4 Commenti dei lettori »

1. giusva62 ha scritto:

18 luglio 2018 alle 18:01

Il problema quando si tratta di Rai è riuscire a seguire una serie nel caos della programmazione. Lo avevo individuato come serie da seguire ma quando ho saputo che lo avrebbe trasmesso Rai1 ho lasciato perdere.



2. raffaele ha scritto:

18 luglio 2018 alle 18:15

DA appassionato al genere e di dr.house (david shore produttore di entrambe le serie), ho trovato questa serie, almeno nelle prime tre puntate, molto interessante. È scorrevole e piacevole da vedere, ottimo prodotto, il quale non mi aspettavo che la rai potesse trasmettere una serie di questo livello in prima serata, di solito l’avrebbe trasmessa su rai 4. Ne sono venuto a conoscenza per caso in un promo proprio ieri sera. Ben fatto rai.



3. wisdom ha scritto:

18 luglio 2018 alle 20:36

Confesso che ho deciso di guardarne l’inizio solo perchè non c’era proprio niente altro di mio interesse, ma sono bastate poche scene per incollarmi allo schermo e non staccarmene fino alla fine. Bellissimo, originale, commovente. Successo meritatissimo.



4. Rosatea Cicala ha scritto:

18 luglio 2018 alle 20:58

bravo l’atttore principale ma trovo che l’impostazione degli attori sia troppo arrogante non mi piace da guardare se non c’è altro



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.