24
gennaio

Mediaset: essere una tv commerciale non significa infischiarsene dei telespettatori

dirigenza mediaset piersilvio berlusconi

Piersilvio Berlusconi, Alessandro Salem, Paolo Bonolis, Giancarlo Scheri

I telespettatori dell’Isola dei Famosi, lo scorso lunedì, avevano quasi tirato un sospiro di sollievo. Perchè, visto l’andazzo delle ultime settimane, le 21.37 potevano (paradossalmente) considerarsi un orario di inizio accettabile per il reality di Alessia Marcuzzi. Peccato che non avessero fatto i conti con l’orario di chiusura clamorosamente schizzato all’1.31. Ma tralasciando il fallimento della scaletta isolana, targata Magnolia, c’è una questione che ci preme segnalare e concerne l’etica e il rispetto nei confronti del telespettatore.

Siamo stufi di sentirci dire che la Rai è servizio pubblico ed è la prima a sbagliare, mentre Mediaset è una tv commerciale e per questo motivo è “costretta” a subire determinate logiche (che in realtà impone). Anche se la prima serata di Rai1 iniziasse dopo, e non è affatto così, Canale 5 non sarebbe mica obbligata a fare peggio sempre e comunque. Mediaset non può giocare ripetutamente con la pazienza del pubblico, indipendentemente da quello che fa o non fa il principale competitor.

Non molto tempo addietro, Piersilvio Berlusconi parlava del legame particolare tra telespettatore e rete, sottolineando l’esistenza di prodotti fortissimi in Rai che non avrebbero lo stesso successo a Mediaset e viceversa. Ecco, una prima serata ballerina e in perenne ritardo va ad intaccare proprio quel legame, fondato su un patto ben preciso: Canale 5 diventa la rete furbetta, quella alla quale non affideresti i tuoi risparmi.

E’ inconcepibile che il sito del Biscione o una qualsiasi guida tv (comprese quelle elettroniche dei televisori) riportino come orario di inizio del programma di prime time le 21.11. Volete fare iniziare Immaturi alle 21.43? Bene, abbiate il coraggio di deciderlo a monte e a quel punto non sarete più tanto contestabili. Nel frattempo, i promo di rete hanno cominciato ad utilizzare la generica dicitura “prima serata” (che peraltro, formalmente, dovrebbe significare 20.30).

Canale 5 senza regole, non è solo una questione di rispetto ma anche di ascolti

Non vogliamo nemmeno essere bacchettoni e rigidi, capiamo anche la ratio di certi espedienti e, per questo, non grideremmo allo scandalo in presenza di una certa flessibilità dell’orario di inizio della prima serata e di programmi fiume. E, infatti, le nostre critiche al “caos prima serata” non hanno solo una valenza “etica”; siamo anche convinti che logiche di inseguimento dell’ascolto nel breve periodo, lo danneggino nel lungo, e che di tanto in tanto valga la pena imporsi sul potentato di Striscia la Notizia (causa prima ma non unica dei ritardi). Cosa dicono le teste pensanti del marketing?

Saremmo curiosi di sapere altresì fino a che punto Publitalia sia contenta della prima serata presa in “ostaggio” dal tg di Antonio Ricci, con il benestare degli alti dirigenti di Mediaset. Allo stesso tempo, però, bisogna riconoscere che l’allungamento di Striscia gonfia spesso i dati del cosidetto peak time, risultando un toccasana nelle tante serate in cui Canale 5 alza bandiera bianca. In questo senso la più fortunata è Maria De Filippi che al sabato può ‘contare’ sull’unica puntata settimanale registrata di Striscia la Notizia nella quale vengono principalmente “scaricati” servizi di magazzino.

Chiudiamo con una “good news“: le prime serate dei Mondiali di Calcio, esclusiva Mediaset, andranno su Italia1 (almeno nella prima fase). Altrimenti correvamo il rischio di perdere gran parte del primo tempo perchè difficilmente Canale 5 potrebbe interrompere la duemillesima trasmissione delle imperdibili papere di Paperissima Sprint.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Una Vita in prima serata
CANALE 5 LOW COST: UNA VITA SBARCA IN PRIME TIME


Il senso della vita con Paolo Bonolis e Luca Laurenti
IL SENSO DELLA VITA: PAOLO BONOLIS TORNA SENZA L’ASSILLO DELL’AUDITEL. OSPITI DELLA PRIMA PUNTATA LIGABUE E CHRISTIAN DE SICA


New Amsterdam
New Amsterdam: dopo il successo di The Good Doctor, arriva in prima serata su Canale 5 la serie su un medico ‘populista’


Fabrizio Corona, Asia Argento
Asia Argento e Fabrizio Corona stanno insieme. E parte il tour televisivo per la nuova improbabile coppia

31 Commenti dei lettori »

1. soralella ha scritto:

24 gennaio 2018 alle 14:53

Eh, quando ce vo’ ce vo’ … !!!



2. IOLE ha scritto:

24 gennaio 2018 alle 15:03

Cmq vi do una notizia: gli ottavi di finale andranno in onda su C5 ALLE 20



3. il-Cla83 ha scritto:

24 gennaio 2018 alle 15:15

Complimenti per l’articolo. Da Standing ovation!!!



4. Peppe93 ha scritto:

24 gennaio 2018 alle 15:20

Davvero bravi ad aver messo in evidenza questo problema. Io lo dico da molto tempo che Mediaset per tante ragioni è ormai allo sbando. Per fortuna che c’è Maria che è l’unica nota positiva.



5. xxxxx ha scritto:

24 gennaio 2018 alle 15:20

Tutto giustissimo, ma vorrei capire cosa c’entra Bonolis in tutto ciò.



6. Mattia Buonocore ha scritto:

24 gennaio 2018 alle 15:25

@xxxx la presenza di Bonolis è casuale, nel senso che è un volto di punta Mediaset quindi ci sta ma non ci sono particolari motivi. Anche se in realtà Presta su Twitter si era lamentato dell’orario di inizio di Peter Pan.



7. lorenzo ha scritto:

24 gennaio 2018 alle 15:27

Finalmenteeeeee qualcuno che parla della cosa più importante della tv generalista italiana: l’inizio della prima serata!
Non è accettabile più questo trattamento. Striscia deve terminare alle 21:10\15 max per far iniziare la prima serata alle 21:15\20 (considerato lo slot pubblicitario intermezzo) !!!!!
Non si può accettare l’inizio tra le 21:40\21:45!
Spero che ci sia una decisiva e ufficiale rottura con la situazione attuale.
Se a Striscia avanzano servizi che si prenda anche lo slot della Domenica dalle 20:40 alle 21:10.



8. Antonio Sanna ha scritto:

24 gennaio 2018 alle 15:33

Un esempio di come trattano gli spettatori è Beautiful: da anni puntate accorciate, spezzettate, piene di televendite e pubblicità, spesso bloccata per far spazio ad altro, preferendo dar spazio a Il segreto e Una vita, e non hanno mai replicato alle tantissime proteste degli spettatori o alle richieste e petizioni da parte di siti e giornalisti…mai un occhio di riguardo alla soap che regala quasi 3milioni di spettatori al giorno nonostante la programmazione bistrattata, soap che è legata all’Italia avendo girato spesso da noi o spesso nominando l’Italia nelle puntate. Il trentennale della soap neanche omaggiato con un episodio speciale o in prima serata!!! Vergogna



9. Mario Dona ha scritto:

24 gennaio 2018 alle 15:45

caro Buonocore, dici cose molto sagge, però giusto ieri sera su Raiuno I soliti ignoti finivano alle 21.30… ricorderai che dallo scorso anno il servizio pubblico si era impegnato a finire il preserale alle 21.10, mentre non mi risulta che la tv commerciale abbia mai preso impegni di questo genere.



10. xxxxx ha scritto:

24 gennaio 2018 alle 15:47

Mattia Buonocore: ok, ho capito.
Ad ogni modo concordo con l’articolo, e, come dice lorenzo, non sarebbe male mandare i servizi avanzati in una eventuale puntata speciale della domenica, magari cambiando conduttori.



11. Alex ha scritto:

24 gennaio 2018 alle 15:55

Peccato che Soliti Ignoti sabato abbia chiuso alle 21.33 e ieri alle 21.30 allora?
Questi sono orari sensati invece? Queste strategie furbette vengono usate anche dalla Rai, ma nessuno fiata, casualmente.



12. antonioangelo ha scritto:

24 gennaio 2018 alle 16:14

Totalmente d’accordo sia con quanto espresso nell’articolo che con i commenti che evidenziano la fine dei Soliti Ignoti alle 21,30 a cui aggiungo la presenza pressochè inutile (poichè fuori target coi programmi che lo seguono e con la rete stessa) di LOL su RaiDue che fa slittare la prima serata dopo le 21,20.



13. Marco ha scritto:

24 gennaio 2018 alle 16:25

E non solo Mediaset maltratta i telespettatori della prima serata: vogliamo nominare Beautiful che ormai da due anni viene continuamente interrotto, infarcito di pubblicità e tagliato a casaccio? Sarebbe bello che a Mediset si ricordassero di quando Beautiful in alcune giornate con i suoi 3,5 milioni di spettatori era il programma più visto della rete nell’ intera giornata? Ormai siamo alla frutta.



14. Alex ha scritto:

24 gennaio 2018 alle 16:29

Anche se la prima serata di Rai1 iniziasse dopo, E NON è AFFATTO COSI’, Canale 5 non sarebbe mica obbligata a fare peggio sempre e comunque……

INIZIO PRIME TIME RAI1 ultimi giorni

Sabato 21.36
Lunedi 21.35
Martedi 21.34
Non è affatto cosi’? :D



15. Primus ha scritto:

24 gennaio 2018 alle 16:33

Etica? Mediaset? Un ossimoro…



16. Mattia Buonocore ha scritto:

24 gennaio 2018 alle 16:33

Se dite che Rai1 fa lo stesso, forse non avete afferrato il senso del pezzo. Rai1 poi comunica l’inizio della prima serata alle 21.25 non alle 21.11 o 21.13.
@alex lunedì è iniziata alle 21.29 con il riassunto di Romanzo Famigliare.



17. Mario Dona ha scritto:

24 gennaio 2018 alle 16:48



18. RoXy ha scritto:

24 gennaio 2018 alle 16:51

Hanno paura di richiamare il megalomane canuto. Ma paura di che, che vada via? Magari, vi togliereste dai piedi un peso inutile. E’ assurdo che nel 2018 un programma anacronistico come Striscia L’Immondizia sia ancora in onda. Pierscemo fai l’uomo per una volta, sei il capo non lo zerbino dei tuoi dipendenti! Svegliati!



19. Sabato ha scritto:

24 gennaio 2018 alle 17:00

Articolo da incorniciare! Lo slittamento della prima serata ha raggiunto orari inaccettabili.

Roxy, potresti esprimere le tue opinioni anche senza storpiare i nomi in modo volgare ed infantile. Sarebbero più apprezzati ed efficaci!



20. Alex ha scritto:

24 gennaio 2018 alle 17:06

Non è che nessuno ha afferrato il senso del pezzo, semplicemente uno guarda la tv e vede che Soliti Ignoti termina pure lui alle 21.30 o oltre e quindi lo dice.
Quindi le recriminazioni vanno fatte ad entrambi. Ma il fatto che stai giustificando il comportamento di Rai1, fa capire che è un attacco rivolto solo a Canale5.



21. j82 ha scritto:

24 gennaio 2018 alle 17:09

Per non parlare della brutta abitudine di interrompere un servizio di Striscia (magari anche serio) per il break delle 21!
O di inserire il meteo, il tg com anche in film lunghissimi, così si va a dormire tardissimo. Cosa centrano con chi vuole vedersi un film? Io, i film su Mediaset non li guardo da un po’perché infarciti di pubblicità.



22. il-Cla83 ha scritto:

24 gennaio 2018 alle 17:47

@alex mi sa che hanno ragione quando dicono che non è stato afferrato il senso dell’articolo e tu per primo non lo afferri. L’articolo non è tanto rivolto contro l’orario di partenza dei programmi di C5 ma pone l’accento sul mancato rispetto della rete verso il suo pubblico, dato dal fatto che C5 sostiene nei promo e sulle guide TV che i propri programmi partono alle 21.10. Rai 1 comunica l’inizio alle 21.25, e cinque, dieci minuti di ritardo anche se non sono belli sono comprensibili.. In base a quello che canale 5 dice riguardo la partenza dei suoi programmi i minuti di ritardo talvolta, anzi spesso superano la mezz’ora abbondante. Oltre a questo l’articolo se la prende per il fatto che ultimamente C5 dica semplicemente “in prima serata” termine che vuol dire tutto e niente, facendo si che nell’orario di partenza non ci sia più alcuna regola.



23. Groove ha scritto:

24 gennaio 2018 alle 18:46

Articolo giusto e sacrosanto! Sono pienamente d’accordo… Canale 5 ha superato il limite, dovrebbero darsi tutti una regolata ma Canale 5 rete commerciale o no è la capostipite del limite oltrepassato! Ok poi percarità ci sta che in certe serate con film in replica decidano di allungare Striscia… ma che almeno abbiano il coraggio di comunicarlo!



24. Marco ha scritto:

24 gennaio 2018 alle 20:32

Il problema è che con questo andazzo anche le altre reti si stanno adeguando iniziando sempre più tardi, vedi Rai2, TV8 e Nove che ormai anche loro fino alle 21.25 non iniziano



25. totino ha scritto:

25 gennaio 2018 alle 00:56

Propongo di far iniziare la prima serata alla 22.00 come in Spagna.



26. Ale ha scritto:

25 gennaio 2018 alle 10:42

Ma questa bella considerazione inviatela anche via mail, facebook, twitter, nei vari profili mediaset altrimenti rimane un pensiero e basta.
Fate sentire anche la vostra voce di blog autorevole e parlatene di piu’ quando qualcuno di questo BLOG e’ ospite televisivo o su qualche giornale.



27. Nimo ha scritto:

25 gennaio 2018 alle 12:27

Concordo completamente.
“Striscia” finisce sempre molto dopo “I Soliti ignoti”… quando Amadeus finisce, metto sul 5 e “Striscia” è ancora lì…
Almeno scrivessero che la prima serata inizia alle 21.30… così il ritardo sarebbe solo di 10-15 minuti e non di più di mezz’ora!
La “prima serata” dovrebbe iniziare alla stessa ora su tutte le reti, ma purtroppo è un’utopia.
Poi aggiungiamo il trattamento di “Beautiful” e del “Segreto” (al pomeriggio adesso è brevissimo e pieno di pubblicità per far posto all’Isola e ad Amici… ma non potrebbero far durare di meno il trash di “Uomini&donne”? Ah no, Maria non si tocca!), per non parlare dei film infarciti di spot infiniti, tgcom, meteo e telepromozioni…



28. Lina ha scritto:

25 gennaio 2018 alle 13:41

Con il canale Retecapri andranno ancora a lungo facendo capire a tutti “non so che pesci pigliare”?



29. alessandro ha scritto:

25 gennaio 2018 alle 13:44

Il sito sempre e comunque contro Mediaset… Giusto sottolineare i problemi che riguardano Mediaset… ma come mai si sorvola sempre sulle innumerevoli magagne che riguardano la Rai???



30. Lina ha scritto:

25 gennaio 2018 alle 16:55

Alessandro, ti sei perso le discussioni ad es. su Fazio?



31. Giuseppebar ha scritto:

29 gennaio 2018 alle 14:53

Finalmente qualcuno ne parla e se ne rendono conto. Per colpa del dominio striscia, le fiction Mediaset ne stanno pagando amaramente le conseguenze. Inutile girarci intorno



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.