9
dicembre

Amici 17, Luca Vismara asfalta in diretta Rudy Zerbi: «Ha rifiutato Emma Marrone e ha detto che Giusy Ferreri era una cantante finita. Ora è lì seduta accanto a lei»

Luca Vismara

Luca Vismara

Faccia a faccia ad Amici 17. Nel corso del quarto speciale pomeridiano (clicca qui per la diretta minuto per minuto), il cantante lombardo Luca Vismara si è reso protagonista di un acceso confronto con Rudy Zerbi. In settimana il professore aveva massacrato l’allievo, mettendo in dubbio le sue potenzialità. “Lei (…) mi ha vomitato addosso delle critiche senza dirmi come migliorare, cosa posso fare, senza darmi degli strumenti”, ha asserito con disappunto l’interprete.

A differenza di Paola Turci e di Carlo di Francesco, Zerbi -secondo l’allievo- si è limitato a demolire le qualità di Luca, senza fornire allo stesso consigli costruttivi come il ruolo di insegnante richiederebbe. E proprio questo non è andato giù a Vismara:

Professore è colui che mette a disposizione la sua conoscenza per chi ne sa meno di lui“, afferma con convinzione.

Dopo aver ascoltato il suo punto di vista, Rudy Zerbi prende la parola e cerca invano di far valere le proprie opinioni:

Io in te non vedo neanche il germoglio, neanche la parvenza di quel talento“.

Non pago, Zerbi chiama poi in causa il discorso relativo all’apprezzamento del pubblico (qui le istruzioni su come votare) e dei suoi compagni che però lo smentiscono: la squadra del Fuoco chiamata a schierarsi, con l’eccezione di pochi, dimostra di credere nel talento di Luca, alzandosi in piedi.

Vismara, sentitosi umiliato dall’insegnante, affonda senza peli sulla lingua:

Lei ha rifiutato Emma Marrone (…) e guardiamo che percorso ha fatto fuori. Non mi voglio paragonare a lei, però ha sbagliato più volte, anche con Emma. Cinque anni fa lei ha detto di una cantante italiana che era finita e quella cantante italiana è seduta lì ed è Giusy Ferreri“.

Chiamata indirettamente in causa, la Ferreri è intervenuta nel discorso, assicurando -sorridendo compiaciuta- di aver comunque chiarito con Zerbi (“è una storia passata”).

Con piglio deciso, Luca ha proseguito per la sua strada: “Non sono qui a caso, mi hanno scelto cavolo“. Dal momento, poi, che l’insegnante aveva sminuito il lavoro di Vismara paragonando i suoi brani alle sigle dei film d’animazione, l’allievo riprende il discorso, citando Cristina D’Avena e il successo ottenuto dal suo ultimo lavoro discografico:

Mi ha detto che faccio le sigle dei cartoni animati (…) con la voce del pupazzo, però le sigle dei cartoni animati, guarda caso, sono prime in classifica. (…) Ma cosa stiamo dicendo?”

Mi sono sentito inutile ed è bruttissimo perché ho da dare qualcosa“, chiosa il cantante.

Un botta e risposta indubbiamente infuocato, al termine del quale il maestro ha voluto ribadire il suo punto di vista: “Per quanto mi riguarda tu puoi stare qui tre mesi e rimarresti ultimo tutta la vita“. La discussione ha infervorato i social: pressochè unanime il consenso per Luca a discapito di Zerbi.

Amici 17, il video dell’attacco di Luca a Zerbi

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Amici 17
Amici 17, daytime 18 dicembre. Mose, Grace ed Emanuele sostengono il loro esame. Rudy continua a mandare frecciatine a Luca


Luca Vismara
Amici 17, Rudy Zerbi attacca Luca e (indirettamente) il programma: «È una pagliacciata». Ma Vismara scala la classifica di gradimento


Amici 17
Amici 17, daytime 14 dicembre. Mose, Federico, Audjah e Vittorio in sfida per un provvedimento disciplinare. Zerbi lancia frecciate a Luca


Luca Vismara
Amici 17, daytime 5 dicembre. Rudy Zerbi massacra Luca Vismara – Video

6 Commenti dei lettori »

1. Srich ha scritto:

10 dicembre 2017 alle 08:18

No, vi prego, i LO ASFALTA!!1! da clickbait grillino almeno qui no.

Difficile pensare che se la produzione dà spazio al pluriultimo sia un caso, ma si è talmente pieni di Zerbi che imperversa che va bene anche così, in fondo sono stati i 5 minuti più iconici delle ultime edizioni.

Spero sia il viatico per tornare alle edizioni in cui i ragazzi si riuscivano a conoscere anche caratterialmente invece di imbottire tutti gli spazi di professori, ospiti, giurati e protetti vari. Oddio, i protetti li hanno già fatti capire in realtà, ma vabbè.



2. Antonio Sanna ha scritto:

10 dicembre 2017 alle 10:21

Reputo questo programma una pagliacciata, si sa che è una “scuola” finta e che chi esce da lì anche se primo in classifica, non significa aver talento; reputo Zerbi ignorante in materia musicale e un miracolato della tv grazie alla De Filippi, perciò delle sue critiche non mi preoccuperei…un pagliaccio pieno di se e basta



3. Luca ha scritto:

10 dicembre 2017 alle 11:27

@ Antonio Sanna
Scusa perchè una pagliacciata e scuola finta ?
In qualsiasi altra gara canora ,non necessariamente il vincitore poi scalerà le classifiche
Guarda Sanremo oppure X-factor ,non sempre quelli che vincono avranno successo discografico
Il teatrino tra professori ed allievi c’è sempre stato ed è il foraggio per gli ascolti
Senza questa dialettica il programma avrebbe la metà degli ascolti
Tutto qui
Poi Zerbi può piacere e non piacere ,però chissenefrega se a qualcuno non piace



4. Pappy ha scritto:

10 dicembre 2017 alle 12:06

Zerbi mi faceva tanta simpatia quanto interagiva, anni fa, con la gialappa. Ora non lo sopporto. Cmq, come ben detto nel post sopra, queste ‘liti sono foraggio per gli ascolti. Maria gongola.



5. Felicity ha scritto:

10 dicembre 2017 alle 16:14

Sarà stato pure il solito teatrino ma ho amato Luca in quel momento!



6. ellis ha scritto:

11 dicembre 2017 alle 14:01

Per quanto mi riguarda e’ sempre gia’ tutto scritto e deciso e niente mi fara’ pensare il contrario.
La vincita o la sconfitta immeritata di alcuni partecipanti del passato lo dimostra, qui come negli altri show.
Di “professori” ne vedo molto pochi:(



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.