13
novembre

Rosy Abate riporta in scena il meglio di Squadra Antimafia

Rosy Abate - La Serie

Rosy Abate - La Serie

Rosy Abate è sempre stato un personaggio fatto di chiaroscuri, in bilico tra il bene e il male, borderline, scomodo da amare ma difficile da odiare. Queste caratteristiche, che l’hanno contraddistinta in Squadra Antimafia, sono ancora vive in Rosy Abate – La Serie, lo spin off che la vede protagonista.

Rosy Abate – La Serie: un racconto a primo impatto emozionale

Da sempre cattiva ma non troppo, spietata ma per una buona ragione di fondo, Rosy Abate qui appare più che mai vittima degli eventi, costretta ad agire in modo illegale, dunque un personaggio paradossalmente “positivo” e per questo capace di reggere da solo il peso di una storia che non è più corale, ma viaggia in solitaria. E’ il perno centrale di una narrazione che, almeno nella puntata d’esordio, è stata più che altro emozionale, incentrata sui conflitti interiori di una donna costretta a confrontarsi di nuovo con un passato da cancellare, sul dolore di una madre che dopo aver perso il figlio ha perso anche il senno ed oggi, dopo una lunga redenzione, scopre che quel figlio è vivo, e che per rivederlo deve venire ancora una volta a patti con il male.

L’emotività di Rosy, le sue nevrosi, l’angoscia, hanno riempito la prima puntata, nella quale Giulia Michelini ha giocato molto con la teatralità del suo personaggio, protagonista perfetto di una tragedia greca moderna e con un lieto fine improbabile. Non sono mancati affari illeciti né omicidi con tanto di schizzi di sangue sul suo volto, ma per il momento la serie si è concentrata di più sul racconto psicologico che sull’aspetto action, come invece avveniva in Squadra Antimafia.

Tanti gli elementi che lasciano presagire colpi di scena e diverse domande che insinuano il dubbio: e se De Silva fosse coinvolto nel ritrovamento di Rosy? E se Francesco non fosse davvero morto nel conflitto a fuoco che ha chiuso la prima puntata? Elementi che funzionano e dunque testimoniano una buona costruzione filmica, che ha il compito non facile di offrire qualcosa di avvincente in merito ad un personaggio che si credeva avesse già dato tutto.

Ma che invece ha l’onere di far vivere ancora un pezzo di storia di Canale 5, che nelle ultime stagioni aveva perso gran parte della propria identità e che ora, invece, ha recuperato la propria parte più riuscita. Un’operazione indubbiamente furba ma molto intelligente, quella di Taodue.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Rosy Abate La Serie - Paola Michelini
Rosy Abate – La Serie: anticipazioni terza puntata di domenica 26 novembre 2017


Rosy Abate - La Serie: Paolo Pierobon e Giulia Michelini
Rosy Abate – La Serie: anticipazioni seconda puntata di domenica 19 novembre 2017


Rosy Abate - La serie - 1
Rosy Abate – La Serie: tutti i personaggi


Rosy Abate La Serie - Paolo Pierobon e Giulia Michelini
Rosy Abate – La serie: Giulia Michelini torna su Canale 5 con la sorella Paola. La Trama

7 Commenti dei lettori »

1. Anna ha scritto:

13 novembre 2017 alle 14:51

Prima puntata bellissima, emozionante e commovente. Giulia Michelini è l’attrice numero uno che abbiamo in Italia! Viva Rosy Abate!



2. Marco89 ha scritto:

13 novembre 2017 alle 14:59

Superlativa Giulia Michelini, attrice di una bravura straordinaria, non ci sono parole per descriverla. Numerose ieri le scene che mi hanno fatto commuovere, e questo grazie anche alla sua espressività, che con una minor quantità di scene d’azione rispetto al passato emerge ancora con più forza. La prima puntata mi ha convinto molto, non avevo dubbi, tantissima qualità, la storia funziona e potrebbe coinvolgere emotivamente anche un pubblico diverso da quello di Squadra Antimafia, e questo è un merito.
Finalmente Rosy è tornata.



3. tina ha scritto:

13 novembre 2017 alle 17:22

Semplicemente UNICA.



4. Sardigna ha scritto:

13 novembre 2017 alle 17:40

Questa fiction ha riproposto le gesta di 2 fuoriclasse che impersonano Rosy e Da Silva. La Michelini essendo così brava ha meritato una serie tutta incentrata su di lei.
E i 5 milioni di telespettatori hanno giustamente permesso a Canale5 di vincere la serata.



5. Oris ha scritto:

19 novembre 2017 alle 18:35

Rosy e De Silva sempre number One, ma una curiosità quel demente di poliziotto senza nessuna espressione chi la scelto? è da dove viene, è un flop.

Per il resto tutto spettacolare.



6. Andrea ha scritto:

19 novembre 2017 alle 18:38

Complimenti al cast sopratutto a Rosy e De Silva.

Il pseudo poliziotto fa cagare.



7. Nelda ha scritto:

19 novembre 2017 alle 22:23

Ma con tanta violenza sulle donne in Italia serviva proprio riproporla in TV?



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.