28
settembre

Flavio Insinna conduce La strada senza tasse. Rai3 ‘riabilita’ il conduttore dopo le polemiche con Striscia

Falvio Insinna, La strada senza tasse

Da ‘re dei pacchi’ a uomo della strada (senza tasse): la metamorfosi televisiva sta per essere completata. Dopo le polemiche per gli imbarazzanti fuori onda di Affari Tuoi e la convocazione a Cartabianca da parte della Berlinguer, ora Flavio Insinna si presenta al pubblico in nuove e ripulite vesti. Con un programma tutto suo. Da fine novembre, l’ex volto di Rai1 condurrà infatti La strada senza tasse (titolo di lavoro Andiamo a governare), un esperimento sociale che porterà una piccola comunità ad autodeterminarsi  per cinque settimane.

Ispirato al format ‘The day the government left’, andato in onda sia sulla Bbc sia sulla tv pubblica danese, il programma metterà alla prova gli abitanti di una strada di Eboli, i quali non pagheranno le tasse ma dovranno gestire da sé quei servizi che il comune erogava in cambio delle imposte (illuminazione stradale, raccolta dei rifiuti, biblioteche, scuolabus…). I cittadini in questione riusciranno a fare a meno dell’amministrazione pubblica o la loro convivenza civile andrà al collasso?

Flavio Insinna seguirà l’esperimento sociale nei panni dell’inviato sul campo, che proverà a capire le ragioni e a dare voce agli abitanti della strada. Il conduttore documenterà come i protagonisti gestiranno in totale autonomia e per cinque settimane il budget corrispondente alle tasse dovute e, di conseguenza, ai corrispettivi servizi.

Non più mattatore al gioco dei pacchi. L’Insinna voluto dalla Rai3 di Stefano Coletta avrà il volto gentile di chi si mischia alla gente comune. A lanciare l’attore in questo suo nuovo ruolo, intanto, ci ha già pensato Bianca Berlinguer, che lo ha arruolato come inviato speciale del suo talk show e commentatore in studio dei suoi stessi servizi. “Ha un approccio spontaneo quando incontra le persone” ha affermato la giornalista.

Flavio Insinna a Cartabianca – Antonio Ricci commenta

Il ritorno sulle scene di Insinna, che – nonostante le smentite del nuovo direttore di Rai3 – ha il retrogusto di una riabilitazione dopo le polemiche con Striscia, non è passato inosservato ad Antonio Ricci. L’ideatore del tg satirico non gli ha risparmiato la propria punzecchiatura.

Io pensavo a delle pene per Insinna, ma una così grossa come fare l’inviato per Bianca Berlinguer non me la aspettavo e non lo auguravo né a lui, né a Bianca. Povero uomo, povera donna, povera tv pubblica. Ho visto due linguaggi che non possono andar bene insieme: l’algido rigore della Berlinguer con l’esondante travalicare tutto di Insinna. Non mi sembra una convivenza che funzioni. Poi si può far tutto, ognuno ha le sue perversioni

Chissà se il patron di Striscia continuerà a sbertucciare Insinna anche nel suo percorso sulla Strada senza tasse, che dovrebbe andare in onda in seconda serata (inizialmente era previsto in prima).

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Le ragazze del '68
Le ragazze del ‘68: su Rai3 le ventenni che hanno ’sovvertito le regole’. C’è anche la sorella di Enzo Paolo Turchi


Guess_my_age_03
Le Pagelle della Settimana TV (25-09/01-10/2017). Promosso Guess My Age. Bocciato Marco Predolin


Michela Murgia, Chakra
Chakra: a Michela Murgia non servono effetti speciali. Spazio alle idee, ma manca quella sana cattiveria


Alessandro Baricco
Steinbeck, Furore: Baricco legge (gratis) lo scrittore statunitense in prima serata su Rai3. «Ma su Rai5 sto meglio»

5 Commenti dei lettori »

1. Travis ha scritto:

28 settembre 2017 alle 16:38

Certo che da un lato è brutto che Insinna ne esca indenne e riabilitato dopo i fatti di Affari Tuoi (almeno delle scuse, non so) ma dall’altro Ricci, anche nella risposta data adesso, è proprio una “adorabile” carogna.



2. Alex ha scritto:

28 settembre 2017 alle 18:07

In fondo, non si può condannare a vita nessuno, nonostante si facciano gravi errori… Lo insegna la vita e la società che bisogna dare al prossimo almeno un’altra possibilità. In fondo, Insinna, ha lasciato Rai Uno (a parte qualcosina…) e quell’odioso gioco dei pacchi che ci aveva un po stancato (e non c’entra Striscia la Notizia). E’ bello che un personaggio famoso si ‘metta di nuovo in gioco’ facendo altre cose, più a contatto con il quotidiano. E’ anche un modo per ricominciare.



3. Luca ha scritto:

29 settembre 2017 alle 14:45

Condannare a vita certamente NO
però almeno un annetto fuori dagli zebedei televisivi potevano lasciarlo,dopo essere stato smascherato da Striscia
Sempre più convinto che abbia raccomandazioni ai piani mooolto alti



4. roberto ha scritto:

30 settembre 2017 alle 09:12

Dei pacchi proprio non se ne poteva più. Un programma cosi’ idiota e diseducativo ha fatto impazzire Flavio che non poteva cambiare canale.



5. Fra X ha scritto:

30 settembre 2017 alle 15:37

Insinna è diventato il Mel Gibson nostrano! XD



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.