25
settembre

Maurizio Crozza a Che fuori tempo che fa, su Rai1. Le esclusive non esclusive di Discovery

Fabio Fazio, Maurizio Crozza

Ma a Discovery ci sono o ci fanno? Di fronte alla notizia che Maurizio Crozza aprirà le puntate del nuovo Che fuori tempo che fa con una copertina ironica (stasera il debutto in seconda serata su Rai1), si resta perplessi. 

Alla faccia dei denari sborsati per l’esclusiva triennale con Crozza, non si capisce infatti come l’emittente possa ora concedere al ben remunerato comico di fare un saltino in Rai una volta la settimana. Il tutto, a pochi giorni dall’inizio di una nuova ed impegnativa stagione di Fratelli di Crozza proprio sul Nove che ha avuto un tiepidissimo riscontro di pubblico. La cosa diventa ancor più paradossale se si pensa che, lo scorso anno, Discovery aveva fatto i salti mortali ed aveva dato fondo alle casse per chiudere le trattative con l’artista ligure, sul quale la stessa Rai aveva inizialmente messo gli occhi, tanto da richiederlo poi in prestito per il Festival di Sanremo di Carlo Conti.

Gli ascolti, in realtà, hanno poi dimostrato che il Nove non aveva fatto poi ’sto grande affare. E ora, come se non bastasse, al debutto stagionale Maurizio ha dimezzato i propri telespettatori (a La7 era a +119%). Ma sapete qual è il vero colmo? Che è lo stesso Crozza a ironizzare sul nuovo canale che dallo scorso anno ospita il suo show (“forse farei più share in pizzeria“, dice nella prima puntata di quest’annata tv); vero è che le comparsate da Fazio instillano il dubbio che quelle ironie celassero un fondo di verità.

In tutto ciò, impossibile non vederci la longa manus di Beppe Caschetto, l’agente di Crozza, che anche in questo caso ha gestito un proprio artista con disinvoltura, portando l’affaticato comico ligure a prendere ossigeno sulle ariose vette raggiunte in Rai da Fabio Fazio, che pure appartiene alla sua scuderia. Intanto, a Discovery acconsentono ad esclusive-nonesclusive, lasciando mano libera all’agente, abdicando così ad una logica più determinata che male non farebbe. D’altro canto è lapalissiano che puntare su personaggi di successo (altrove) non abbia portato bene a quella che vorrebbe essere, ma non è, la rete generalista del gruppo americano.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Maurizio Crozza.
MAURIZIO CROZZA SUL NOVE DA MARZO


Fabio Fazio
Che Tempo Che Fa: listini pubblicitari ritoccati al ribasso. Ecco i tariffari a confronto


Fabio Fazio
Rai Sport, polemica dopo Italia-Svezia: «Avremmo voluto più spazio su Rai 1». Ma Fazio incombeva


Fabio Fazio
Pagelle TV della settimana (9-15/10/2017). Promosse Antonella Elia e Simona Izzo. Bocciati gli alibi di Che (Fuori) Tempo Che Fa

7 Commenti dei lettori »

1. pietrgaf ha scritto:

25 settembre 2017 alle 12:25

ora come ora fa comodo a tutti e 4 farsi pubblicità…
a Discovery e Crozza per recuperare telespettatori per il venerdì sera sul 9; a Fazio e Rai per acchiappare telespettatori il lunedì sera contro il grande fratello. Sicuramente Crozza troverà il modo di far parlare di se per quello che dirà da Fazio, così sarà solo che pubblicità per tutti.



2. XxdanyxX ha scritto:

25 settembre 2017 alle 12:37

@pietrgaf esattamente, anche se comunque il “malcontento” espresso in questo articolo è veritiero: non fa altro che sottolineare la deriva di Discovery in Italia. Aveva apparentemente messo gli occhi su Fazio e non ci è riuscita, hanno si Crozza per 3 anni ma con un programma fatto bene che non rientra nelle corde del canale. Hanno Saviano che usano per 3 puntate “speciali” l’anno (ok, non sto dicendo che sia super popolare e amato, ma sicuro usato meglio avrebbe buoni riscontri). Rifare il programma del racconto dell’anno per fotografie in cui Jovanotti era ospite? Un programma si pesante, ma molto importante e piacevole.
Boh, sono molto perplesso, il palinsesto quest’anno non aveva praticamente novità, e aggiungiamoci il fatto che la Parodi ora se ne va via…



3. Alberto ha scritto:

25 settembre 2017 alle 12:56

Anch’io stessa idea del primo commentatore @pietrgraf: fa comodo sia alla Rai, sia al canale Nove, ed ancora sia a Fabio Fazio, sia a Maurizio Crozza. Avere una ‘finestra’ anche in Rai, la più grande azienda televisiva, specialmente culturale, è sempre un privilegio e le esclusive di cui parla l’autore di questo articolo non reggono…



4. FedEx ha scritto:

25 settembre 2017 alle 14:33

Canale Nove che stenta davvero ad avere un’identità, probabilmente l’unica cosa buona che hanno è Boom.



5. Sabato ha scritto:

25 settembre 2017 alle 14:35

Che bello ritrovare Crozza in Rai! Finalmente recupererà la visibilità che il canale Nove, per ovvi motivi, non gli può dare e, allo stesso tempo, arricchirà la “nuova” seconda serata del lunedì di Rai1.
In un video appena pubblicato su Twitter, Fazio ha annunciato gli ospiti della puntata di stasera di Che Fuori Tempo Che Fa (Fabio De Luigi, Veronica Pivetti, Mario Tozzi e tanti altri) e poi ha chiuso simpaticamente dicendo “Vi aspetto stasera, ore 23:35; non abbiamo il campanello, però lo sapete che siamo noi” (con chiaro riferimento al campanello di Porta A Porta).



6. giacomo bartoluccio ha scritto:

25 settembre 2017 alle 14:59

mi sembra che si sia scoperta l’acqua calda. In tv comandano gli agenti, più dei direttori e degli editori stessi. Però mi sembra un non problema. Sappiamo che una tv minore beneficia della esposizione mediatica su una rete maggiore, La7 beneficiava della finestra che crozza aveva a Ballarò, era uno spot bello e buono dello spettacolo del venerdì. La stessa cosa si voleva fare tra la7 e Discovery solo che Cairo non ha voluto sborsare i soldi per uno spot camuffato da partecipazione di uno show che poi sarebbe andato sulla concorrenza. Mi sembra un non problema. Discovery fa bene a non imporre l’esclusiva totale



7. Nina ha scritto:

25 settembre 2017 alle 15:13

Saviano più spesso? Ma stiamo scherzando? E’ troppo scarso.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.