18
settembre

Quelli che il Calcio: il contenitore domenicale di Rai 2 è diventato un «mappazzone»

Luca e Paolo con Mia Ceran - Quelli che il Calcio

Luca e Paolo con Mia Ceran - Quelli che il Calcio

Se non fossimo a conoscenza delle ventiquattro edizioni passate, oggi saremmo qui a dire che Quelli che il Calcio non ha motivo di esistere. In una giornata di riposo come è da tradizione la domenica, il programma di Rai 2 condotto da Luca e Paolo diventa quasi ‘controproducente’ per la fatica che si fa nel seguire tre ore di totale confusione.

Altro che miscela di sport, spettacolo, musica e intrattenimento. Il nuovo Quelli che il Calcio è più un piatto organizzato alla rinfusa, troppo abbondante, senza un’anima e uno stile, aggrappato alle ricette di una volta ma cucinato e presentato male. Per dirla alla Bruno Barbieri di MasterChef? Un ‘mappazzone‘.

Tra le note dolenti c’è la conduzione multipla. Non che il solitario Nicola Savino sia stato sempre impeccabile, ma vedere Luca e Paolo così spaesati in studio dà proprio la sensazione del disagio, che i due sono invece soliti arginare. Finché si aggrappano al copione riescono nel loro intento, ma Quelli che il Calcio non è Camera Cafè e qualche battuta e gag studiate a tavolino non bastano per portare a casa tre ore di diretta. Intervengono spesso insieme, disturbandosi, oppure, per non accavallarsi, non intervengono proprio. E’ in questi ‘buchi’ che dovrebbe almeno inserirsi Mia Ceran, ma la cartelletta in mano non dà certo la patente di padrona di casa. Alla giornalista, però, va data fiducia.

Inspiegabile la quasi assenza di colori, per una trasmissione che ha nel suo dna il divertimento. Una grafica spenta, a tratti incomprensibile, va ad arricchire (si fa per dire!) uno studio mezzo vuoto, dove la band dei Jaspers è messa in un angolo, fuori da ogni inquadratura; gli ospiti e gli opinionisti sono ‘imbalsamati’ dietro a un bancone alla destra dello schermo, mentre alla sinistra un tavolo bianco accoglie la postazione tecnica di Emanuele Dotto. In mezzo girano a vuoto i tre conduttori.

Ma se si esce dallo studio la situazione non è certo migliore, anzi. Il Chiosco di Kebab con Federico Russo, allestito in Corso Sempione a Milano, ha tutta l’aria di una Edicola Fiore dei poveri, mentre Mimmo Magistroni (Dj Angelo) in spiaggia non strappa risate nemmeno ai ‘pulcini’, alle prese con la riproposizione dei gol appena segnati sui campi di Serie A. E se l’inviato Francesco Mandelli ci mette la faccia e vola fino a Helsingborg, in Svezia, per entrare nel Museo dei Fallimenti, un applauso va a Ubaldo Pantani per la sua riuscita imitazione del tecnico della Juventus Massimiliano Allegri.



Articoli che potrebbero interessarti


Luca e Paolo - Quelli che il Calcio
Quelli che il Calcio al via con Luca e Paolo. Federico Russo inviato in un «chiosco di kebab»


Luca e Paolo - Camera Cafè
Camera Cafè si è fermato a dieci anni fa. Costante ricerca della risata facile… che non arriva!


Luca e Paolo
BOOM! Luca e Paolo su Rai2 con Quelli che il calcio e Camera Cafè


Uno Mattina Estate, Mia Ceran e Alessio Zucchini
UNO MATTINA ESTATE: MIA CERAN E ALESSIO ZUCCHINI PERFEZIONISTI. MA MANCA UN PIZZICO DI LEGGEREZZA (CHE CON LA RINALDI ERA GARANTITO!)

3 Commenti dei lettori »

1. Claudio75 ha scritto:

18 settembre 2017 alle 12:32

La verità è che è un programma che non ha più senso di esistere.. quest’anno poi la situazione è degenerata l’introduzione di luca e paolo come comici e conduttori non funziona.



2. ale88 ha scritto:

18 settembre 2017 alle 14:38

ma c’è ancora dj angelo?? io pensavo (speravo) che con la dipartita di Savino se ne andasse pure lui…



3. ale ha scritto:

19 settembre 2017 alle 15:07

Concordo! Ma che senso ha mettere 3 conduttori in una trasmissione che storicamente ne ha sempre avuto uno e andava bene così? Nella prima puntata quest’anno per 20 minuti hanno fatto condurre Fabio Fazio che ha fatto vedere come si conduce sto programma. Ma a chi è venuto in mente di mettere Luca e Paolo? Comunque anche Savino all’esordio faceva bassi ascolti.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.