15
settembre

Domenica In: Benedetta Parodi corre in aiuto della sorella Cristina (e lascia Discovery)

Cristina e Benedetta Parodi

Cristina e Benedetta Parodi

L’unione (familiare) fa la forza: l’antico adagio può essere perfettamente applicato alla nuova edizione di Domenica In. Oltre a Cristina Parodi la trasmissione del dì di festa di Rai 1 si avvarrà della presenza di sua sorella, Benedetta Parodi, attualmente impegnata su Real Time con la quinta stagione di Bake Off Italia.

Domenica In: Benedetta Parodi affiancherà la sorella Cristina

É bene sottolineare, stando alle informazioni trapelate su Dagospia e Blogo, che non dovrebbe trattarsi di una doppia conduzione. Alla guida del contenitore si troverà, difatti, la già annunciata Cristina, mentre Benedetta sarà chiamata molto probabilmente a svolgere una funzione di supporto. Al momento, sebbene manchi solo un mese all’inizio della nuova Domenica In, non è ancora dato sapere con precisione quali saranno gli spazi che verranno attribuiti alla minore delle Parodi.

Da sempre desiderose di condividere l’esperienza della conduzione, per Cristina e Benedetta questa sembrerebbe essere a tutti gli effetti l’occasione più propizia. Pur avendo avuto in passato, e a più riprese, la possibilità di dividere la stessa telecamera -si pensi, fra le varie circostanze, all’intervista che le ha viste protagoniste nel 2016 a L’Arena di Massimo Giletti e ancora a Sanremo 2013- si è sempre trattato di episodi sporadici ed estemporanei. Ora, invece, per le Parodi è arrivato il momento di collaborare, di interagire concretamente, dividendosi segmenti e contenuti. Chissà che l’imprevedibilità di Benedetta non serva a dare smalto ad una Domenica In che, quantomeno sulla carta, rischiava di essere eccessivamente ingessata. La mossa, dunque, sembra azzeccata.

Benedetta Parodi lascia Discovery

L’arrivo di Benedetta su Rai1 dovrebbe sancire la fine del suo legame con Discovery, iniziato nel 2013. Non è un mistero, del resto, che l’ex giornalista, pur soddisfatta del successo di Bake Off, avesse voglia di “tornare ai fornelli”. É facile, infatti, immaginare che a Domenica In non mancheranno le sue ricette, quelle che su Real Time non hanno trovato grande riscontro nei programmi La Cuoca Bendata e Molto Bene. Per ora dal gruppo guidato da Marinella Soldi preferiscono non commentare la notizia di quella che appare come una grave perdita. Da Food Network, prossimo ad unirsi a Discovery, al canale Nove, bisognoso di volti noti, passando per Real Time (ultimamente contenutisticamente sempre più “al limite”) e il portale Dplay, le possibilità di impiego per Benedetta sarebbero (state) molteplici.

Anche Lippi e Panatta a Domenica In

Dovrebbero far parte del cast 2017/2018 dello storico contenitore di Rai 1 anche il presentatore Claudio Lippi (fra i concorrenti di Tale e Quale Show 2017) e l’ex tennista Adriano Panatta, protagonisti nella passata stagione di Meglio tardi che mai, chiamati ad indossare le vesti dei ‘vicini di casa’.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Cristina Parodi - Domenica In
Domenica In: le Parodi si separano ma il risultato non cambia


Domenica In - Cristina e Benedetta Parodi
Domenica In: le Parodi convincono, Panatta e Lippi meno. La cronaca nera grande intrusa di un pomeriggio all’insegna della leggerezza


Domenica In
Domenica In al via su Rai 1. Con le Parodi anche Lippi, Panatta, Fiaschi, Lillo e Greg. Tra gli ospiti Fracci e De Sica


Cristina e Benedetta Parodi - Domenica In
Domenica In: Benedetta Parodi in cucina per la merenda e la cena

17 Commenti dei lettori »

1. RoXy ha scritto:

15 settembre 2017 alle 19:41

La “meritocrazia” renziana in Rai.



2. kalinda ha scritto:

15 settembre 2017 alle 19:52

Non lascia Discovery non ha un contratto in esclusiva.



3. giauz ha scritto:

15 settembre 2017 alle 20:17

adesso sarebbe secondo me necessario allungare un po’ il programma… magari trasmettere quel programma di Bebe Vio all’interno di Domenica In come succedeva tanti anni fa quando era un contenitore nel vero senso della parola



4. anonimo ha scritto:

15 settembre 2017 alle 20:22

Sta a vedere che la Parodi ci sorprenderà .. tutti danno per spacciata questa DomenicaIn ma potrebbe rivelarsi una sorpresa .. ottima la presenza di Benedetta e di Claudio Lippi.

Capitolo Parodi B. fa bene a lasciare Discovery e anzi , sia la Rai che Mediaset dovrebbero non farsi scappare i propri artisti e recuperare quelli che sono andati via (Giusti, Papi, Crozza, Bisio) poichè la concorrenza sta iniziando ad intensificarsi e si rischia di perdere la leadership dei due network televisivi per eccellenza.



5. Giovanni ha scritto:

15 settembre 2017 alle 20:35

Costoro hanno trovato l’Eldorado (pagato da noi) andandosene da Mediaset.



6. marco urli ha scritto:

15 settembre 2017 alle 21:29

Che cosa penosa. Dunque vanità, snobberia e banalità al quadrato.
Ma perchè darla vinta così facilmente alla tv spazzatura concorrente?



7. Ada ha scritto:

15 settembre 2017 alle 22:09

BrAva Roxy , ste due super antipatiche renziane. PENOSE NOIOSE.di qua` e di la` penose..altri flop della RAI pagati , anzi rubati dalla nostra bolleta.VERGOGNA



8. lordchaotic ha scritto:

15 settembre 2017 alle 22:29

roxy che dice la solita idiozia ^^



9. totino ha scritto:

15 settembre 2017 alle 22:42

Giovanni , innanzitutto noi non paghiamo nessuno perchè gli artisti sono pagati dalla pubblicità e dagli sponsor , noi paghiamo solo i dipendenti e i giornalisti Rai , evviva l’ignoranza . Si scrive El Dorado .



10. Giovanni ha scritto:

15 settembre 2017 alle 23:08

Totino io sarò ingnorante ma tu sei un emerito maleducato supponente.



11. Davide Maggio ha scritto:

16 settembre 2017 alle 02:05

totino: che gli artisti vengano pagati con la pubblicità mi giunge proprio nuova :-)



12. Nicolas ha scritto:

16 settembre 2017 alle 06:23

E’ da incubo solo l’idea, mi ricorda il ritorno delle sorelle Carlucci la vendetta! Incapace la piccola, se la cava e se la tira Cristina.



13. Luca ha scritto:

16 settembre 2017 alle 09:14

Ha ragione Roxy
La Parodi è in Rai non certo per la sua abilità nel condurre e per il suo sorriso
Ricordo che il marito Giorgio Gori è sindaco di centro-sinistra
Che poi questi sono due dei migliaia che sono saliti sul carro dei vincitori renziani di qualche anno fa e sono di sinistra con portafogli pieni pieni tutti tendenti verso uno scappellamento a destra
E’ anche bravina,per carità,ma non al punto di farle condurre 4 ore di Domenica In
Se poi aggiungiamo Claudio Lippi che , invecchiando ha perso la verve ironica per far posto ad una trombonaggine insopportabile,mi fanno concludere che faranno ascolti ancora inferiori a quelli di Baudo della passata stagione



14. Portatore-Sano ha scritto:

16 settembre 2017 alle 10:39

Ora si capisce perchè la De Filippi non è voluta traslocare a Discovery , perche’ è un’azienda che investe poco. Pensate ai prime time di NOVE , quasi tutte repliche di film storici , le novità sono programmi sotto costo e di cucina. Insomma se vuole diventare “generalista” deve investire di più , come sta facendo Sky con Tv8



15. luigi ha scritto:

16 settembre 2017 alle 11:47

il marito della Parodi e’ il prossimo candidato del PD renziano come governatore lombardo , e la moglie e la cognata fanno carriera in rai . W l’Italia



16. totino ha scritto:

17 settembre 2017 alle 00:09

Purtroppo per chi vive di ignoranza , quello che ho detto è vero , andatevi a leggere la legge che regolamenta il servizio pubblico e che è stato approvato dalla commissione di vigilanza rai presieduta da un 5 STELLE e non da un PD , sono atti pubblici .



17. lyck ha scritto:

17 settembre 2017 alle 02:08

Trovo interessante l’accoppiata che darebbe una svolta giornalistica che sostituirebbe l’arena di Giletti e nello stesso tempo di intrattenimento che la renderebbe comunque un po meno noiosa della domenica in di Baudo, anche se considerando che ci sono tanti presentatori e artisti lasciati a casa potevano fare una scelta migliore.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.