15
settembre

Piazzapulita, Rula Jebreal vs Nicola Porro: «Uomo bianco che urla addosso ad una donna come me» – Video

Piazzapulita, Rula Jebreal vs Nicola Porro

Chi ha paura dell’uomo bianco? Se la domanda vi sembra surreale (ed in effetti lo è), forse non avete assistito all’altrettanto incredibile scontro verbale avvenuto ieri sera a Piazzapulita tra Rula Jebreal e Nicola Porro. Nel corso del dibattito su La7, la giornalista palestinese se l’è presa con il vicedirettore de Il Giornale rivolgendogli un rimprovero alquanto bizzarro: quello di essere “un uomo bianco”.

Durante il confronto, Rula Jebreal si è rivolta a Porro – che in quel momento la stava pungolando sul tema della Brexit – così:

Chiedi i dati della Banca mondiale, ma non solo questo. Intanto non devi arrabbiarti e diventare rosso quando parli di diritti della donna e poi sei un uomo bianco che urla addosso ad una donna come me. Quindi ti prego, abbassa i toni“.

L’argomentazione, di per sé immotivata, ha suscitato il sorriso del conduttore Corrado Formigli e qualche comprensibile brusio in studio. A quel punto, Porro ha restituito il colpo alla collega:

Guarda che se qualcuno non è d’accordo con te non è sessista!

ha esclamato il giornalista. Ma la Jebreal doveva ancora scatenarsi: di seguito, infatti, Rula ha accusato Il Giornale (per cui Porro lavora) di aver fatto una campagna contro lo ius soli perché dietro c’era “un’idea di razza pura, di persone che assomigliano a te, che parlano come te, che ascoltano te”.

“Sei sessista, non mi fai parlare!”

le ha replicato Porro, provocandola. Poco più tardi, però, la giornalista palestinese ha assestato (a se stessa) il colpo di grazia, regalando alla prima puntata stagionale di Piazzapulita un momento quasi spassoso. Facendosi tutta seria, infatti, ad un tratto la Jebreal si è lamentata così:

Sono in minoranza qui, unica donna musulmana di colore contro tre, quattro uomini bianchi“.

E aridaje con la storia dell’uomo bianco. “Non fare la vittima” ha chiosato lo stesso conduttore Formigli, che ieri sera – al di là di questo episodio – ha messo in onda una puntata valida nei contenuti. Ci riferiamo soprattutto al pregevole reportage iniziale girato a Raqqua dallo stesso giornalista: un documento che, nell’ambito dei talk, ha confermato il primato di Piazzapulita nella trattazione degli esteri.



Articoli che potrebbero interessarti


Piazzapulita
PIAZZAPULITA: “TRUMP RIGURGITO BIANCO”. JEBREAL E FRIEDMAN ROSICONI A STELLE E STRISCE


Michael Moore
PIAZZAPULITA: INTERVISTA A MICHAEL MOORE. SU LA7 IL PALADINO ANTI-TRUMP


Piazzapulita, l'orto di Daniela Santanchè
PIAZZAPULITA: DANIELA SANTANCHE’ IN DIRETTA DAL SUO ORTO. MOMENTO (AGRI)CULT SU LA7


Piazzapulita, Massimo D'Alema
Piazzapulita, D’Alema si infuria con Damilano: «Lei è uno stupido!» – Video

10 Commenti dei lettori »

1. Nina ha scritto:

15 settembre 2017 alle 11:34

Io non capisco come si possa guardare una trasmissione del genere, se non farsi quattro risate. Siamo alla follia totale! Comunque grande Porro, un gigante rispetto a certi nanetti.



2. Nina ha scritto:

15 settembre 2017 alle 11:35

Io non capisco come si possa guardare una trasmissione del genere, se non farsi quattro risate. Siamo alla follia totale! Comunque grande Porro, un gigante rispetto a certi nanetti.
PS: il reportage non l’ho visto, ma lo vedrò, in quello Formigli è bravo, non come Capuozzo ovviamente, ma ci sa fare.



3. RoXy ha scritto:

15 settembre 2017 alle 12:06

Chi sono i “very” razzisti in Italia? In questo video la risposta.



4. Marco Urli ha scritto:

15 settembre 2017 alle 15:03

Rula docente all’università di Miami. Docente di cosa non è dato a sapere.
Una che è stata fidanzata con il conte imprenditore Pietro Antisori Vittori, ex marito di Patrizia Pellegrino.
Una che ha avuto relazioni con registi come Julian Schnabel, musicisti del calibro di Roger Waters.
Una che è stata sposata con un banchiere americano figlio di un partner di Goldman Sachs.
Per carità non vi è nulla di riprovevole ma che almeno non ci prenda in giro con quel fintissimo atteggiamento retorico vittimistico.



5. vinny ha scritto:

15 settembre 2017 alle 15:32

A me sembra che lei la Boldrini e la kyenge non siano preparate e si nascondono dietro l’essere donna o peggio il colore. Porro è un grande professionionista. Poi questa storia di essere rispettate perchè donne che vuol dire? se dici sciocchezze ti assumi la responsabilità.Ormai in Italia si ha il timore di dire negro perchè parlano di razzismo.Perchè non parliamo delle tante discriminazioni che subiamo noi se si considera poi che i soldi sono nostri.Ogni giorno vengono criticate le donne dello spettacolo ma non fanno tutto sto chiasso ma guai a criticare le miss nere o le veline.Iniziate ad avere argomenti maturi e intelligenti il rispetto verrà automaticamente



6. Nina ha scritto:

15 settembre 2017 alle 16:26

Eh ragazzi, che dire avete solo che ragione! (mi si permetta la forma brutta)



7. Francesco93 ha scritto:

15 settembre 2017 alle 17:48

Gnocca senza testa, così venne definita ai tempi di Annozero. Touché.



8. controcorrente ha scritto:

15 settembre 2017 alle 18:01

si’.. poi son sicuro che nel suo mondo musulmano.. la farebbero parlare molto di piu’.. vero ??



9. Nina ha scritto:

15 settembre 2017 alle 18:12

Ciao controcorrente, hai ragione! Come se le musulmane non avessero problemi con i loro correligionari.



10. Adele C. ha scritto:

17 settembre 2017 alle 17:08

Non capisco perchè Formigli la invita,parla sempre solo lei,copre le voci degli altri,impedisce agli altri ospiti di parlare,interrompendo continuamente. Mamma mia che vittimismo ridicolo,adesso se una è donna,nera e musulmana deve parlare per forza solo lei,sennò sei razzista,sessista,ecc. Chissà nei paesi musulmani tipo Arabia Saudita quanto la facevano parlare? Al posto di Porro mi sarei alzata e sarei andata via e l’avrei lasciata a parlare da sola. Il dialogo non può essere un monologo dove parla uno solo e pretende di avere sempre ragione a prescindere facendo la vittima.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.