11
settembre

La Prova del Cuoco: le novità funzionano. Ma la vera forza è ancora Antonella Clerici

La Prova del Cuoco 2017/2018

La Prova del Cuoco 2017/2018

Antonella Clerici è viva e lotta insieme a noi. C’era bisogno di dirlo? Sì. Perché la bionda conduttrice di Rai 1 sembrava essersi quasi ‘adagiata’ in una sorta di fase di stanca e invece rispolvera ancora l’entusiasmo, ma anche l’emozione, di chi ha intenzione di divertirsi prima ancora di divertire. A beneficiarne è La Prova del Cuoco, ripartita oggi con diciotto stagioni sulle spalle e non poche novità.

Ebbene sì, Antonella Clerici si è rimessa in gioco. Non che non lo facesse ultimamente, ma con la nuova edizione de La Prova del Cuoco sembra tornare a farlo con più convinzione e maggiore grinta. Che sia per lei il preludio ad una stagione più soddisfacente delle ultime? Può essere. O, forse, il merito va proprio al mezzogiorno di Rai 1, che riesce ancora a tirare fuori il meglio della conduttrice.

Scanzonata, sempre più ‘goffa’ nel destreggiarsi sui tacchi da un fornello all’altro, assaggia piatti a destra e a manca, interviene a volte con la ‘bocca piena’, come si usa dire a chi mangia e parla contemporaneamente, e non disdegna una bella dose di autoironia. Il tutto riesce a fare da collante alle novità, che spesso – soprattutto nelle prime puntate – sono solite rallentarne il ritmo.

Certo, il cooking show ha comunque bisogno di ingranare la marcia, ma l’ora e mezza di diretta scorre via facilmente, senza che le ricette e le chiacchiere si accavallino in una stremata corsa verso il Tg1 delle 13.30. Persino Anna Moroni si inserisce con i tempi giusti, il che è tutto dire. Azzeccata, lasciatecelo dire, la scelta di dividere Fede da Tinto: il primo è in studio per approfondire con qualche curiosità alcune questioni e tematiche culinarie, mentre il secondo è inviato in giro per l’Italia per far conoscere specialità e tradizioni di alcune località. Insieme erano troppo.

Rinnovata nella sigla e nella grafica, oltre che nel regolamento, alla prima puntata de La Prova del Cuoco 2017/2018 va una nota di merito per lo studio, allestito di nuovo alla Dear, che è stata la casa del programma per tredici stagioni. Circolare, quasi a voler abbracciare cuochi e piatti per sentirne odori e sapori, spiccano i ‘tavoli da cucina’ per la classica sfida tra il pomodoro rosso il peperone verde a forma di enormi padelle su un fornello. Impeccabile.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


La Prova del Cuoco 2016/2017 - Prima puntata
LA PROVA DEL CUOCO: LA RICETTA RESTA BUONA, MA ALCUNI INGREDIENTI SONO SCADUTI (COME ANNA MORONI)


La Prova del Cuoco 2017/2018
La Prova del Cuoco 2017/2018 cambia il regolamento e va in esterna. Antonella Clerici diventa «giudice»


Antonella Clerici - La Prova del Cuoco
La Prova del Cuoco: dalla grafica allo street food, ecco come cambierà il mezzogiorno di Antonella Clerici


La Prova del Cuoco
La Prova del Cuoco lascia Cinecittà e torna alla Dear per la stagione 2017/2018

2 Commenti dei lettori »

1. aleimpe ha scritto:

11 settembre 2017 alle 16:18

Per il 18° anno consecutivo la prima gara Pomodoro-Peperone è con Renato Salvatore da Maccarese….



2. kalinda ha scritto:

11 settembre 2017 alle 18:06

Sinceramente preferivo il clima, l’ambiente e la musica kitsch di un po’ di anni fa….La Clerici sempre brava, Anna Moroni sottotono, Federico Quaranta che ruolo ha? Divise dei cuochi e maestre orribili. Gara iniziale inutile.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.