25
luglio

Wind Summer Festival 2017: ecco chi ha vinto

Ermal Meta - Wind Summer Festival 2017

Ermal Meta - Wind Summer Festival 2017

A Piazza del Popolo a Roma, su Canale 5 e Radio 105 sono risuonate per quattro serate le canzoni dell’estate. Ma chi sono i vincitori del Wind Summer Festival 2017? Nel corso dell’ultima puntata sono stati assegnati due premi speciali ad altrettanti big della musica italiana ed è stato proclamato il vincitore finale nella gara che ha visto protagonisti sei giovani artisti.

Wind Summer Festival 2017: Earone premia Fabri Fibra/Thegiornalisti, Radio 105 Ermal Meta

Il Wind Summer Festival 2017, nella puntata finale registrata domenica 25 giugno, ha scelto i due brani vincitori dell’estate: si tratta di “Pamplona” di Fabri Fibra ft. Thegiornalisti e “Ragazza Paradiso” di Ermal Meta.

Il Premio Wind Summer Festival, assegnato da Earone (la società che fornisce all’industria musicale le rilevazioni airplay radio e tv in tempo reale) è andato a Fabri Fibra e Tommaso Paradiso dei Thegiornalisti per il brano “Pamplona”, che è risultato al primo posto nella classifica dell’airplay radiofonico, avendo conquistato il maggior punteggio tra tutte le canzoni proposte dagli artisti sul palco di Piazza del Popolo. Il pezzo è il secondo singolo estratto dall’album Fenomeno del rapper di Senigallia.

Il Premio Radio 105, invece, assegnato dalla radio ufficiale del Wind Summer Festival in base alle preferenze espresse dal pubblico sul sito 105.net durante le quattro puntate, se l’è aggiudicato Ermal Meta con “Ragazza Paradiso”. Il singolo è il secondo estratto dall’album Vietato Morire dopo il brano omonimo con il quale il cantautore albanese ha partecipato al Festival di Sanremo 2017, che gli è valso il terzo posto e il Premio della Critica.

Wind Summer Festival 2017: I Desideri vincono tra i giovani

La gara tra i giovani ha visto trionfare I Desideri con “Uagliò“, canzone che dà il titolo anche al loro album. Il duo campano, dopo aver superato Amara nella puntata d’esordio, ha avuto la meglio in finale sugli altri due finalisti Shade e Mahmood.

Il verdetto è stato deciso dagli artisti big protagonisti al Wind Summer Festival 2017, insieme alla giuria di giornalisti musicali e televisivi del web presenti dietro le quinte del programma, tra i quali anche noi di DavideMaggio.it.

Wind Summer Festival 2017: chi sono I Desideri

I Desideri, come detto, sono due fratelli campani, originari di Caserta: il 21enne Salvatore Desideri e il 20enne Giuliano Desideri. Nascono, di fatto, a stretto contatto con la musica, essendo figli del popolare artista melodico-napoletano Nico Desideri.

A decretare un’immediata popolarità, soprattutto sul web, è il brano “Made in Napoli” (ft. Clementino), il cui video ufficiale supera le 22 milioni di visualizzazioni sul loro canale YouTube. Il pezzo viene anche scelto come colonna sonora del film di Luca Miniero La scuola più bella del mondo con Christian De Sica, Rocco Papaleo, Angela Finocchiaro e Lello Arena. Altri brani, invece, sono stati scelti per la colonna sonora della serie tv Gomorra.

I Desideri sono giovani ed eclettici, a cui sta un po’ stretta la definizione di artisti melodici in quanto il loro sound abbraccia il pop, il rap e strizza l’occhio alla dance. Ed è proprio interpretando cover nazionali ed internazionali di vari generi che hanno riscosso sul web un successo in costante crescita, tanto che i loro social contano ormai diverse centinaia di migliaia di followers.



Articoli che potrebbero interessarti


Corinne Clery
Pagelle TV della settimana (16-22/10/2017). Promossa Veronica Pivetti. Bocciati Corinne Clery e Fabri Fibra


Emmy Awards 2017
Emmy Awards 2017: tutti i vincitori – Foto


Wind Summer Festival 2017 - Ultima puntata
Wind Summer Festival 2017: la scaletta dell’ultima puntata


Wind Summer Festival - Terza puntata
Wind Summer Festival 2017: la scaletta della terza puntata

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.