30
maggio

Un Insinna logorroico, ridondante e a tratti patetico a Carta Bianca. La Berlinguer (per quel poco che ha potuto dire) lo gela: «Diciamo che sbrocchi sempre»

Flavio Insinna, Carta Bianca

Logorroico, ridondante, irrequieto. A tratti pure patetico. Flavio Insinna è tornato a Carta Bianca dopo la polemica con Striscia la Notizia, ma forse era meglio per lui che se ne stesse a casa tranquillo. In diretta su Rai3, il conduttore di Affari Tuoi si è infatti lanciato in un lungo intervento che – se possibile – ha persino peggiorato la situazione già pericolante in cui egli si trovava. Nel tentativo di placare il vortice che lo ha travolto dopo la divulgazione degli ormai noti fuori onda, l’attore è scivolato in un profluvio di retorica e di argomentazioni poco efficaci

Dapprima, Insinna è partito proprio dall’ormai celebre ospitata a Carta Bianca in cui pronunciò un applauditissimo intervento in favore degli oppressi.

I miei amici più intelligenti di me hanno cominciato a dire che non si metteva bene” ha detto l’artista riferendosi ai molti complimenti ricevuti in quell’occasione, “perché questo Paese non ti perdona il talento, il merito e la leggerezza“.

Quella che mi sta succedendo è una roba violentissima. Io ho detto delle cose giuste in modo sbagliato

ha proseguito Insinna, rintuzzato dalla conduttrice Bianca Berlinguer, che lo ha interrotto: “Anche le cose dette erano sbagliate“.

L’ex padrone di casa di Affari Tuoi si è poi scusato per l’ennesima volta con la concorrente fatta oggetto di offese in sua assenza e ha precisato di aver fatto chiamare la Rai per dirsi pronto ad accettare anche un’eventuale multa per quanto accaduto. Le parole si sprecano, si susseguono, annoiano. E a romperne la crescente stucchevolezza ci pensa Bianca Berlinguer, che a fatica riesce ad interrompere il suo ospite.

Hai mai sentito al telefono quella signora?” chiede la conduttrice. E Insinna tace, allarga le braccia. La risposta è no. “La signora se vuole mi perdonerà” dice l’attore, che poi si lascia prendere la mano ed esagera. “Credo di essere stato perdonato da Nostro Signore quando è salito sulla croce” dice. Vabbè, soprassediamo.

Poi, interrogato sul suo carattere talvolta fumantino, l’artista si lascia andare. E attacca il disco:

La verità ci rende liberi. Io sono venuto qui da uomo libero e andrò via ancora più libero (…) Io ero così al primo spettacolo a vent’anni. E’ un contratto che ho con me stesso. Quando recitavo gratis ero così, i registi non mi volevano vedere“.

La Berlinguer lo interrompe e taglia corto. “Diciamo che tu ti rapporti sempre così: sbroccare!” dice. Lo studio scoppia a ridere. “Ma allora me ne vado…” ribatte Insinna, che sorride ma non troppo. L’attore si lascia prendere dalla foga, si mette a citare le sue esperienze di volontariato e infarcisce tutto con frasi accomodanti, buoniste. Roba da preferire le genuine e sincere sfuriate svelate dai fuori onda di Striscia.

Non entro in politica, ho già la mia politica, ho il mio impegno nel sociale, servo da fuori da fuori, da battitore libero, andando ad aiutare dove serve, dove ci sono gli oppressi”

ha aggiunto Flavio, rispondendo ad una domanda su un suo possibile impegno politico futuro.

Infine si parla ancora di Affari Tuoi. “La Rai ha fatto un’inchiesta interna (…) L’indagine ha detto che il gioco è trasparente” spiega Insinna, replicando alle accuse di manipolazione del gioco rivoltegli da Striscia. “Se Affari Tuoi tornerà, non tornerà con me” conclude il conduttore, che nel suo lungo intervento non ha certo rimediato una gran figura. Ossessionato dal voler dare una buona immagine di sé, l’attore è scivolato in un atteggiamento che televisivamente ha finito col penalizzarlo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Flavio Insinna, Carta Bianca
Flavio Insinna torna ospite a Carta Bianca dopo la polemica con Striscia


Mara Carfagna e Alessandra Mussolini
Dalla tv alla politica: ecco la lista di chi è passato dalle telecamere alla Camera


Simona Ventura
Simona Ventura a Carta Bianca: «Le blatte sono sempre quelle e quelle rimangono». Se rifacessi l’Isola… politici di sinistra nel cast


perego-parliamone sabato
La stagione degli «scandali»

13 Commenti dei lettori »

1. Luca ha scritto:

31 maggio 2017 alle 03:43

Diciamo che la pezza è stata peggio del buco
Una persona,ribadisco,insopportabile,a tratti realmente assurda ed incoerente anche con sè stesso e con il suo cervello
Con questa sua religiosità ipocrita e interpretata pro domo sua
Stia lontano dagli schermi televisivi un paio di annetti,tempo durante il quale abbia da riflettere sui suoi comportamenti e sul suo modo di porsi verso agli altri
Poi ,forse,potrà ritornare ,ad essere apprezzato
Ora però si levi dagli zebedei



2. fabio ha scritto:

31 maggio 2017 alle 09:20

Insinna non può cambiare, quello è il suo carattere.
Del Noce ha detto che tutti gli addetti al lavoro sanno com’è, anche le dirigenze.
L’ipocrisia sarebbe che non lo facessero più lavorare, perché l’opinione pubblica lo ha scoperto.
O si tiene così o Ricci ha compito un assassinio.



3. controcorrente ha scritto:

31 maggio 2017 alle 10:24

condivido questa recensione.. ieri lo vedevo.. ma IMBARAZZANTE… un’esagitato.. un’invasato – in pieno delirio di onnipotenza
ricordiamoci chi ha messo questo elemento su Rai 1 (che proprio ieri e’ stato condannato a pagare 84.000 € a Staffelli per l’aggressione con il microfono) e ci siam detti tutto



4. Giuseppe ha scritto:

31 maggio 2017 alle 10:32

Insinna è psicolabile, ansiogeno, logorroico, delirante, vanaglorioso, inopportuno, scurrile ed ha anche dei difetti.



5. Portatore-Sano ha scritto:

31 maggio 2017 alle 10:33

Ottimo articolo e ottimo contenuto , che condivido. La Berlinguer , per fortuna cercava di intervenire ma lui non la faceva parlare. Oltre alla Motta (lavoratrice Rai) e Labate , cioé coloro i quali stanno dalla parte di Insinna , doveva esserci in studio qualcuno che lo incalzava meglio . E cosi non è stato.



6. RoXy ha scritto:

31 maggio 2017 alle 10:46

Un fantastico Insinna ieri a Carta Bianca, che si è rivelato un animale da palcoscenico. Non lo conoscevo prima, non avendo mai seguito nessuno dei suoi programmi o fiction. Devo dire che il suo stile mi ricorda molto Funari, e lo vedrei bene alla conduzione di un talk preserale di attualità politica, costume e cronaca. Insomma, una sorta di “A Bocca Aperta” di Funari.
L’unica cosa che continuo a rimproverargli è questo continuo chiedere scusa. Qui ti sbagli Flavio, perché non sei tu che devi chiedere scusa, ma sono le bestie di C5 che devono chiedere scusa a te per aver diffuso un audio rubato di una tua conversazione privata. Questo è un reato, e ovviamente la pagheranno in tribunale. Così come il pubblico dileggio al quale ti stanno sottoponendo, per la follia del megalomane canuto che utilizza il mezzo televisivo per le sue squallide vendette personali con la complicità e il placet dei vertici Mediaset che saranno chiamati a rispondere in tribunale per il danno di immagine.
Leggendo certi commenti, mi rendo conto che molti sono dalla tua parte, non mollare e soprattutto sempre a testa alta perché sei una vittima non un carnefice. Anche se Striscia è riuscita a fare il lavaggio del cervello a qualche sprovveduto, facendo credere che tu abbia commesso chissà quale crimine, non hai ammazzato nessuno, non hai fatto niente di cui tu possa colpevolizzarti.
I produttori dell’acqua minerale che hanno sospeso lo spot al contrario avrebbero dovuto tagliare le inserzioni pubblicitarie su Mediaset.



7. Giovanni ha scritto:

31 maggio 2017 alle 11:35

Fintanto che i “difensori” di Insinna saranno come RoXy non ci saranno pericoli.



8. Nina ha scritto:

31 maggio 2017 alle 12:05

E’ stata la verità delle parodie che fanno Sordi, Verdone, De Sica di alcuni italiani. (per intenderci il De Sica di Compagni di Scuola).



9. Nina ha scritto:

31 maggio 2017 alle 12:20

Roxy ma basta con “le bestie di C5″, e tutti quegli altri insulti gratuiti.



10. Nina ha scritto:

31 maggio 2017 alle 12:40

Fabio: ma ti rendi conto che stai ripetendo ciò che ha detto lui? E ti pare che sia una cosa giusta? Io, per esempio, ho sempre cercato di correggere i miei difetti.
Giuseppe: fantastico.



11. Psquared ha scritto:

31 maggio 2017 alle 17:18

Scusate ma com’è che “Bestie di C5″ è un insulto mentre “psicolabile, ansiogeno, logorroico, delirante, vanaglorioso, inopportuno, scurrile ed ha anche dei difetti.” va bene?
Cioè questo ha detto delle robe a porte chiuse, fuori dagli studi, che sono state riferite di nascosto e per voi è una bestia da condannare?
Come dire… è come se vi licenziassero perchè qualcuno spiffera al vostro capo tutto quello che dite di lui quando siete nervosi



12. Alma ha scritto:

31 maggio 2017 alle 22:04

Le bestie sono quelli come Insinna e altra gentaglia falsa della RAI pagati con i nostri soldi…Isinna sei una Bestia cafone volgare…



13. Nimrod ha scritto:

1 giugno 2017 alle 01:44

La Berlinguer trovata nell’ovetto kinder?



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.