1
aprile

Furore: solito clima di festa ma con Greco in gran forma

furore

Furore

L’originale una spanna sopra le imitazioni. Ieri sera il ritorno di Furore su Rai2 -con l’edizione “20 years”- ha riportato tutti negli anni novanta. Arbitro di gara è di nuovo Alessandro Greco, in studio si respira lo stesso clima di festa di un tempo, il tifo da stadio non è cambiato e le due squadre sono ugualmente scatenate. Qualcosa però è cambiato: ci sono Gigi e Ross (“smilzo e baffetto” come li chiama il conduttore titolare) a capitanare lo schieramento maschile e quello femminile. I concorrenti vip sono invece un collage di vecchia e nuova generazione, tra i quali si accende subito la competizione. E se da una parte, spicca la personalità di Max Giusti, dall’altra a dargli del filo da torcere, c’è un’incontenibile Tina Cipollari.

Furore: il Tina Show dell’esordio

Non passa, infatti, un quarto d’ora dal fischio d’inizio e la prima tronista della storia si trova faccia a faccia con il giudice di gara a proporgli il pezzo forte tra i suoi tormentoni. Così, dopo il primo e unico punto guadagnato dai rivali, guardando Greco dritto negli occhi, gli regala un sonoro: “No Maria io esco”. E subito dopo chiede spiegazioni: “Chi ha osato dire che io ho stonato?”. Si salvi chi può, le sfide continuano e lei non sta un secondo al suo posto. Il conduttore dal canto suo, osa commentare: “…Tina Cipollari è stata proprio una Gemma e viene subito fulminato con lo sguardo. Infine, dalla squadra avversaria invocano: “Calmate Tina altrimenti ci accavalliamo con Uno Mattina”. Poco dopo si troverà anche a imitare le movenze di Lady Gaga sul bancone (qui il video). Sarà stata l’atmosfera dello scontro “uomini e donne” ma l’opinionista del pomeriggio di Canale 5, probabilmente in accordo con gli autori, ci ha messo pochissimo a conquistarsi la piazza, facendo capire chiaramente “chi comanda” in situazioni del genere.

Furore è ancora un riempipista

Parentesi Cipollari a parte, il quiz musicale, alla rentrèe sul piccolo schermo, è ancora un “riempipista”. Si canta tanto (e si canta davvero), si riguardano contributi video targati 1997 -all’epoca della prima edizione- ridendoci sopra, e si entra nel gorgo di un vintage che non smorza e quasi appassiona. Il format e il presentatore (ieri molto in forma) ricalcano fedelmente (forse troppo) lo schema di un tempo: i giochi cult come le Canzoni interrotte o il Karaoke arcobaleno regalano sempre quelle “note dolenti” che solo i più stonati sanno garantire e il match si accende di suoni e colori tipici di un dancefloor. Anche i due ex padroni di casa di Made in Sud, tra le novità di questa stagione, confermano una buona presenza scenica, a loro agio nel ruolo degli animatori di turno.

Insomma, la prima è andata, ma rimangono altre tre puntate in cui non sarà facile tenere alta l’attenzione, perchè il déjà-vu, puntata dopo puntata, non lo aiuterà certo a mantenere mordente. Molto dipenderà anche dalla scelta dei prossimi concorrenti.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


made in sud
Rai2, variazioni di palinsesto: Made in Sud, Furore, ‘50 modi per far fuori papà’ e lo show di Virginia Raffaele


Virginia Raffaele
Palinsesti Rai 2, primavera 2017: spiccano il ritorno di Furore e lo show di Virginia Raffaele


Furore
Furore: domani l’ultima puntata con Luxuria e Raffaella Fico. A giugno speciale Summer


Virginia Raffaele Facciamo che io ero
Facciamo che io ero: lo show di Virginia Raffaele, dal 17 maggio su Rai2

9 Commenti dei lettori »

1. Luca ha scritto:

1 aprile 2017 alle 12:19

Pure in Rai è arrivata la cipollara
Che schifo



2. Luca ha scritto:

1 aprile 2017 alle 12:22

Pure in Rai è arrivata la cipollara
Che schifo
Sta diventando sempre più grassa al punto che è obbligata ad indossare sempre dei vestaglioni che le coprono tutto il corpo
Io non capisco a chi possa piacere una donna così volgare
Ora la pago pure con i miei soldi …



3. ciak ha scritto:

1 aprile 2017 alle 13:21

greco è bravo
e merita anche altro
gigi e rossss ben amalgamati
tutto sommato un bel passatempo, leggero e mai volgare
unico appunto stonato da fare lo studio milanese,… quello degli anni 90 era più bello



4. kalinda ha scritto:

1 aprile 2017 alle 13:22

è stato un bel ritorno, secondo me gli ascolti saliranno.



5. marco ha scritto:

1 aprile 2017 alle 14:50

Devo dire , che lo guardavo da piccolo e ieri dopo averlo visto devo fare i complimenti a Endemol per come lo hanno riportato in onda.
Gli originali anche se vecchi sono sempre migliori…

Positivo:
ottimo restyling
ottimo greco

Negativo:
inutili:gigi e ross (potevano anche non esserci e fare risparmiare soldi al rpogramma)
i vincitori: le donne ieri non meritavano affatto… stonatissime



6. marco ha scritto:

1 aprile 2017 alle 14:51

Devo dire , che lo guardavo da piccolo e ieri dopo averlo visto devo fare i complimenti a Endemol per come lo hanno riportato in onda.
Gli originali anche se vecchi sono sempre migliori…

Positivo:
ottimo restyling
ottimo greco

Negativo:
inutili:gigi e ross (potevano anche non esserci e fare risparmiare soldi al programma)
i vincitori: le donne ieri non meritavano affatto… stonatissime



7. Manuela ha scritto:

1 aprile 2017 alle 14:56

ottimi greco ed il restyling

davvero inutili gigi e ross



8. xxxxx ha scritto:

1 aprile 2017 alle 16:06

marco: ti ricordo che nella squadra delle donne c’era Maria Concetta Cipollari, che, in quanto personaggio di Maria De Filippi, magicamente gli va sempre tutto bene e fare quello che vuole.
Uno dei personaggi più irritanti del panorama televisivo attuale.
Ero incuriosito dal programma perché da piccolo lo guardavo, ma se, come scritto, ha troneggiato (ahahahahah) la signora allora mi sa che inizierò a guardarlo dalla seconda puntata, sperando nella non-scelta di Tina per la seconda volta.



9. roberto ha scritto:

1 aprile 2017 alle 18:55

Ricordo ospiti come lino Banfi, Renzo Arbore o bud Spencer…oggi il top è la signora cipollari…sarebbe stato meglio fare delle repliche



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.