20
gennaio

MEDIASET, PIANO 2017-2020: PREMIUM SOSTENIBILE ANCHE SENZA CALCIO E APERTA AD ALLEANZE

Piersilvio Berlusconi, Mediaset

Su Premium, Mediaset non intende giocare al ribasso. Anzi. Nell’incontro avuto a Londra con analisti ed investitori finanziari, il vicepresidente del Biscione Piersilvio Berlusconi ha rilanciato la strategia sulla pay tv, prevedendo una rifocalizzazione e un taglio dei costi. L’obiettivo del piano triennale 2017-2020 è, in sostanza, quello di invertire la rotta e di permettere a Premium – oggi in perdita di 100 milioni l’anno – di contribuire in modo significativo al miglioramento dei margini operativi di Mediaset Italia. Ecco le cifre dell’operazione.

Secondo le stime presentate alla comunità finanziaria, Premium dovrebbe dare un contributo di 200 milioni di euro su una crescita totale di 468 milioni di utile operativo prevista per Mediaset Italia entro il 2020. L’intera manovra dovrebbe reggersi su cinque linee di intervento: 90 milioni dovrebbero arrivare dall’incremento delle quote di mercato sul mercato pubblicitario italiano (dal 37,4% attuale al 39%), 45 milioni dal miglioramento del mix di investimenti e ottimizzazione, 10 milioni dall’esecuzione del piano industriale sulle attività radiofoniche, 123 milioni da miglioramenti organizzativi. E 200 milioni, appunto, dal nuovo progetto su Premium.

L’intenzione dichiarata è quella di rendere la pay tv “sostenibile indipendentemente dall’esito delle aste sui diritti del calcio“, che il Biscione non intende più strapagare come avvenuto con la Champions (investimento che non ha dato i risultati sperati). Quello sul calcio sarà quindi “un approccio opportunistico“, mentre sul fronte dei contenuti è prevista l’apertura a contenuti di terzi, sfruttando gli accordi con altre piattaforme OTT per quanto riguarda le serie e il cinema.

Nel piano strategico si prevede inoltre, entro la fine del 2017, il lancio di nuova piattaforma gratuita (a differenza di Infinity) e con pubblicità, con la library dei contenuti dei canali in chiaro fruibili on demand. Nell’ottica di uno snellimento della macchina operativa, si punta infine alla separazione della piattaforma tecnologica dall’attività editoriale.

Il piano prevede di sviluppare il nostro core business, cioè la tv gratuita, e in particolare l’estensione dei contenuti su tutte le piattaforme digitali. Con quello che ha creato negli ultimi anni, Mediaset ha una forza abbastanza unica (…) I numeri sono positivi e gran parte li avremmo fatti comunque al di là di Vivendi” ha dichiarato Piersilvio Berlusconi.

Le future mosse del colosso francese, però, non sono certo irrilevanti. E lo stesso piano strategico presentato dai vertici di Mediaset dovrà tenerne conto. Le reali intenzioni di Vivendi – che assicura di voler stipulare un’alleanza col Biscione - sono oggetto di scrupolosa attenzione.

Come Mediaset siamo aperti a qualunque proposta possa creare valore e avere un senso industriale. Ma nessuna proposta ci è arrivata, noi non sappiamo altro rispetto a quello che leggiamo sui giornali (…) Per noi è bene accetta qualunque cosa vada nel senso di creare valore per Mediaset. Il problema è se stiamo parlando di cose che vanno in quel senso o dell’interesse di un solo azionista” ha affermato Berlusconi al riguardo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Champions League 2012 - Chelsea campione
CHAMPIONS LEAGUE, BERLUSCONI JR. APRE AD UNO SCAMBIO CON SKY


Italia 2 - PierSilvio Berlusconi
ITALIA 2, LA NUOVA CREATURA DIGITALE TERRESTRE DI PIERSILVIO BERLUSCONI


Sky Go, Netflix tv on demand
Sky Go, Premium Play e Netflix anche all’estero: l’Europa abolisce il geoblocking


Mediaset - Piersilvio Berlusconi, Fedele Confalonieri, Giuliano Andreani
Mediaset: ecco gli stipendi 2016 dei top manager. Berlusconi guadagna 1,4 milioni, Confalonieri 3,5

3 Commenti dei lettori »

1. masterx ha scritto:

20 gennaio 2017 alle 12:50

Mah… Rimango allibito veramente. PierSilvio è indadeguato alla carica che ricopre per i continui fallimenti . Speriamo Vivendi gli dia una svegliata… in bocca al lupo



2. RoXy ha scritto:

20 gennaio 2017 alle 13:21

Quest’uomo sta distruggendo l’azienda costruita da suo padre, fermatelo!!!



3. XxdanyxX ha scritto:

20 gennaio 2017 alle 16:25

Avrei sempre detto che di fronte ad un passo indietro di Mediaset sul fronte Pay Sky si sarebbe subito fatta avanti, ma secondo le condizioni esposte dal nuovo piano mi sembra un po’ difficile…
Nell’estate 2015 proprio su questo sito lessi di un presunto interessamento di sky a Premium, ma bisogna vedere se è ancora così …



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.