1
agosto

LA RAI CI RICASCA: MINE VAGANTI TRASMESSO SU RAI 4 CON IL BOLLINO ROSSO. MA E’ DAVVERO UN “PROGRAMMA NOCIVO PER I MINORI”?

Mine Vaganti

Evidentemente a Mamma Rai non era bastata la lezione di qualche settimana fa, quando dalla messa in onda della serie TV americana Le regole del delitto perfetto su Rai 2 erano state tagliate le scene di baci e passione tra ragazzi gay. Evidentemente non le era bastata l’indignazione di chi aveva coniato e diffuso su Twitter l’hashtag #RaiOmofoba, e nemmeno le dure prese di posizione della produttrice Shonda Rhimes e di Jack Falahee, attore tra i protagonisti della serie. Ci si era difesi parlando di un “eccesso di pudore”, per poi correre ai ripari trasmettendo due sere dopo la versione “uncensored”.

Non ci è voluto molto tempo (esattamente tre settimane) per ricascarci. Ieri sera alle 21 Rai 4 ha trasmesso il film di Ferzan Ozpetek Mine Vaganti. Una esilarante commedia del 2010 che, per i pochi che non l’hanno vista, ha tra i protagonisti Riccardo Scamarcio, Lunetta Savino, Elena Sofia Ricci: un film corale, come tipico di Ozpetek, che in una colorata Puglia racconta intrecci e intrighi tipici della famiglia italiana. E tra questi intrecci e intrighi, se ne facciano una ragione, è inserita anche la storia di un ragazzo gay (Tommaso, il protagonista del film interpretato da Scamarcio) che deve fare i conti – soprattutto – con la sua famiglia.

La messa in onda era stata addirittura orgogliosamente annunciata con un tweet di Giancarlo Leone, ex direttore di Rai 1 e da qualche mese al coordinamento editoriale dei palinsesti tv:

Ma al momento della visione, per gli spettatori del film è arrivata la sorpresa. Mine vaganti era trasmesso con il “bollino rosso”, ossia con lo specifico invito a non mostrare la pellicola a un pubblico di bambini. Avete capito bene, una strisciolina di colore rosso ha campeggiato per tutta la durata del film – a tratti persino comico – sotto il logo di Rai 4: scelta inspiegabile secondo molti, che ancora su Twitter hanno fatto notare l’accaduto tra le polemiche. “Film come Mine Vaganti DEVONO essere visti dai minori, così imparano che il mondo non è bianco o nero, ma colorato”, scrive un utente. “Mine Vaganti trasmesso con il bollino rosso. Io me lo ricordo come una divertente e brillante commedia, mi devo essere perso le scene XXX”, commenta un altro.

Ebbene, secondo l’AgCom – Autorità per le garanzie nelle comunicazioni – il bollino rosso è da apporre in caso di “programmi nocivi per i minori”, mentre per il Ministero dello Sviluppo Economico si parla invece di programma “sconsigliato a un pubblico di minori”. Poco cambia, la questione è una: Mine Vaganti è un film che sei anni fa, quando parlare di omosessualità era forse più difficile di oggi, era riuscito con delicatezza e normalità a inserire questa tematica nella quotidianità di una famiglia italiana. Un pezzo di un mosaico, di pari dignità e di pari importanza rispetto agli altri tasselli, che per questo merita di essere trattato alla stessa maniera e non di essere “bollato” come non adatto a un pubblico di minori.

Una pellicola come questa, e l’ipotesi non ci sembra nemmeno troppo azzardata, dovrebbero vederla proprio i bambini (googlando abbiamo scoperto che qualche insegnante lo ha mostrato a scuola), perché non è marchiando un film a tematica gay che si arriva all’accettazione dell’omosessualità. Anzi. Semmai si ottiene esattamente l’effetto contrario. Ma se è vero che errare è umano e perseverare è diabolico, a questo punto il dubbio sorge spontaneo. Si tratta davvero di una discriminazione deliberata da parte del servizio pubblico italiano?

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Mine Vaganti
BOLLINO ROSSO SU MINE VAGANTI, RAI 4 CHIEDE SCUSA: “UNA SVISTA CHE CI RINCRESCE”


I TheShow con il nostro Marco Leardi
DavideMaggio.it nella Social House dei TheShow. «Qui è molto più faticoso che a Pechino Express» – Video


TheShow - Social House
Social House: i TheShow si improvvisano restauratori sul web e su Rai 4


amy winehouse
Amy: la Winehouse rivive nel documentario di Rai4

7 Commenti dei lettori »

1. heiii ha scritto:

1 agosto 2016 alle 12:37

Prima di tutto non ho capito perchè sia andato su Rai 4 e non su Rai Movie dove sarebbe stato più adatto.Ma allora sono proprio omofobi! Mine Vaganti è una bellissima commedia ambientata a Lecce che tratta del tema dell’omofobia nel migliore dei modi.Non ci sono scene di sesso, di nudo o di sangue, ma solo qualche casto bacio gay…Ma ora diranno che il bollino rosso gli è scappato ma non era loro intenzione. OMOFOBIIII



2. osservo ha scritto:

1 agosto 2016 alle 13:04

E’ una vergogna! Non ci sono altre parole.

@giovanni, articolo condivisibile dall’inizio alla fine!



3. xxxxx ha scritto:

1 agosto 2016 alle 14:27

Se non c’erano scene scabrose avrebbero potuto passarlo con il bollino giallo…



4. Travis ha scritto:

1 agosto 2016 alle 14:58

Per me rimane più sconcertante la crescente perdita di identità per Rai4, che per tramettere film come questo, le partite e The Voice ha completamente ignorato il suo target e preso in giro gli appassionati di serie tv. Sempre meno anime e sempre meno film action, per non parlare di serie come Haven e Extant non riconfermate e di fatto tranciate di netto, visto che non sono previste nemmeno sui canali a pagamento. Ecco, invece di bollini rossi, concentratevi sul mancato rispetto per il pubblico.



5. GC ha scritto:

1 agosto 2016 alle 15:18

Beh, non credo (o almeno spero) che l’abbiano messo per il protagonista omosessuale. Io non ho visto il film, mica c’erano scene di sesso?



6. flaky ha scritto:

1 agosto 2016 alle 15:34

io ormai l’ho capito da tempo (brokeback mountain super tagliato anni fa su rai 2… ed era pure in seconda serata) in Rai ci sono uno o più dipendenti omofobi, anche perché con tutto il rispetto per la fantastica marchesini, alle 16:30 del pomeriggio mi trasmetti senza censure uno spettacolo dove parla esplicitamente di rapporti sessuali e poi mi metti il bollino rosso a Mine Vaganti, manco fosse un por*o !!!
P.S. quel o quei dipendenti, prima con HTGAWM tagliato e ora con il bollino V.M. 18 per Mine Vaganti si staranno o starà vendicando per aver dovuto “sopportare” i simboli rainbow a Sanremo 2016 (io scherzo nel post scriptum, ma potrebbe pure essere vero, dato che chi odia una categoria di persone spesso non ragiona per niente… -.-)



7. GC ha scritto:

2 agosto 2016 alle 11:39

@flaky Ma come fai a paragonare film dove ci sono scene di sesso alla sessuologa interpretata dalla GRANDISSIMA Anna Marchesini? Il primo è puro por*o, la seconda è pura comicità di una grande artista. Prima di scrivere commenti, ragiona.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.