31
maggio

ALESSANDRA AMOROSO A DM: “MI PIACE CONDIVIDERE LA FORTUNA. IL MIO SUCCESSO E’ ANCHE QUELLO DELLA MIA #BIGFAMILY”. IL CONCERTO DI MILANO IN ONDA SU MEDIASET

Alessandra Amoroso al Forum di Assago - ph. Ikkio

Alessandra Amoroso al Forum di Assago - ph. Ikkio

Mercoledì scorso, alla finale di Amici, commentando un’esibizione di Elodie, ho detto che uno dei percorsi più belli fatti nel talent di Maria De Filippi è quello di Alessandra Amoroso. La ragione è una sola: la straordinaria empatia che la cantante salentina è riuscita a creare con il suo pubblico.

Il sold out del concerto-anteprima di ieri a Milano, unitamente all’entusiasmo di chi vi ha preso parte, ne sono la testimonianza. Ci sono stato anche io e, subito dopo il concerto, ho fatto due chiacchiere con Alessandra. Si parte da una versione a cappella di Comunque Andare… 

Allora, non si sente un caxxo. Per cui, se io ti dicessi (cantando): “Comunque andare…

[Alessandra continua a cantare il suo pezzo a cappella] “Che le spine si fanno sfilare e se chiudo gli occhi sono rose e il profumo che mi rimane...”

Oh, questo era il mio desiderio: un concerto privato sul divano.

Assolutamente.

A parte che prima mi hai detto: “baciami stupido“… una delle mie canzoni preferite.

Ah sì?! Menomale. Fuori una: ho detto la cosa giusta…

Carina, molto, sul palco…

Grazie…

Alla fine del concerto hai fatto dei ringraziamenti che mi fanno pensare che il concerto vada in onda…

I ringraziamenti ti fanno pensare che il concerto vada in onda…. beh, continua a pensarlo. (ride, ndDM)

Andrà dopo l’estate secondo me, perchè hai chiuso con Vivere a colori.

Sì. Si è pensata un scaletta… sai quando rientri ai bis, è il momento più bello, quando vedi che la gente ti vuole ancora sul palco. Chiudere con Vivere a colori era anche un po’ per prenderli in giro, no?

Perchè?

Perchè poi ta-taaaaa si ricompare. Quindi è un po’ uno scherzo che gli abbiamo fatto, è molto divertente. I ringraziamenti mi piacciono molto, ci tengo molto a farli.

Li hai fatti sinceramente.

Si. Ci tengo proprio tanto tanto.

Mi vorrei soffermare su… evito.

Evita.

Comunque andare... dove? Dove vuole andare Alessandra Amoroso?

Comunque andare… lontano dalle parole della gente, lontano dalle critiche, sempre più vicino alla mia famiglia, sempre più vicino alle persone che si meritano amore, sempre più vicino a quelle persone che hanno bisogno di amore, di sostegno, di forza…

Non so se hai seguito mercoledì Amici.

Manco.

Ti ho citata perchè sei stata una delle artiste venute fuori da Amici che ha creato il rapporto più bello col pubblico, quanto ad empatia. Nella carriera quanto ha influito questo aspetto?

Beh, se parliamo con me di pubblico, io ho cercato di creare una famiglia… Io chiamo il mio pubblico la Big Family, ci sfanculiamo proprio come si fa tra sorelle, tra cugini, ci diamo i consigli, io mi faccio dare i consigli, ho incontrato anche i nonni in questa Big Family. Guarda, io dico sempre: sono come loro, ho avuto la fortuna di diventare cantante, di fare della mia passione il mio lavoro, e a me piace condividere le gioie, mi piace condividere la fortuna. Cioè il mio successo è anche quello degli altri tendenzialmente, e soprattutto grazie agli altri, grazie a loro. E a me piace quello che abbiamo costruito e che stiamo costruendo e che sono sicura continueremo a costruire.

Penso sia la chiave…

E’ basato su amore, fiducia, rispetto, quello che ha una famiglia.

Che ti manca della Alessandra Amoroso ragazza comune? Quand’è che senti, se la senti, la voglia di dire: “mamma mia che bello quando giravo per strada e non mi rompeva le palle nessuno”.

Allora… Detta così sembra un po’ brutta…

Ma è vero…

Il fatto che qualcuno ti possa riconoscere è sempre bello, soprattutto quando vai nella tua città e vedi che la gente ti vuole bene. Perchè magari per gli altri fare una foto, un autografo, è la cosa più bella del mondo e a me non costa nulla tendenzialmente. All’inizio era più strano, cioè dicevo: “sto girata di scatole perchè mi è successa una cosa a casa, perchè non lo posso dire?! Perchè non mi posso incazzare?!”. Poi crescendo ho capito che forse alle persone non è giusto far vedere quello, perchè siamo in un’epoca in cui è più facile odiarsi e soffrire che amarsi. E allora se mi metto pure io a dire cose del genere diventa una tragedia, quindi andando avanti con gli anni ho cercato di non fare questa cosa qua.

Io non voglio mettere il dito nella piaga però avresti dovuto fare la coach ad Amici, mi pare. So il motivo.

Fare la coach ad Amici è una cosa tanto grande e mi piacerebbe tanto, perchè vorrebbe dire mettere tanta roba in più nella mia saccoccia, nella mia valigia e, cavolo, sarebbe una bella cosa per me, molto forte sinceramente.

Addirittura? Più di Sanremo?

Sono due cose differenti, io sono cresciuta in quel posto lì, stavo dietro, soprattutto nel mio anno in cui dovevo cantare, ballare, recitare, fare musical… so quanto è difficile fare tutte queste cose davanti a una giuria che magari ogni volta ha qualcosa da dire. Adesso è cambiato tanto Amici, non so se potrei essere all’altezza.

Ma dai! Tu hai sempre questa modestia che è la chiave di tutto, non sei fintamente umile, lo sei davvero… dai piangi, hai sempre pianto! Voglio le lacrime (ridiamo, ndDM)

Solo se c’è qualcosa che mi fa piangere, sennò no.

A proposito di pianti, una delle tue cose più belle è stato il tuo flashmob a piazza di Spagna…

In piazza di Spagna c’è stato Cinque passi in più. Non era un flashmob, era una presentazione.

Mi è piaciuto tanto perchè si percepiva che tu, scendendo quelle scale, stessi dicendo a te stessa: “guarda dove sono arrivata, non me lo sarei mi aspettato”.

Ma io lo dico dal 2008-2009, da quando ho vinto, sinceramente.

Costanzo direbbe: cosa c’è dietro l’angolo?

Dietro l’angolo c’è la mia famiglia che m’aspetta.

Grande. In bocca a lupo.

Crepi.



Articoli che potrebbero interessarti


Alessandra Amoroso
Alessandra Amoroso – Vivere a colori: stasera su Fox Life il docufilm dedicato alla cantante salentina


ALESSANDRA AMOROSO-GASTEL152144
ALBUM PIU’ VENDUTI NELLA PRIMA META’ DEL 2016: TRIONFA ALESSANDRA AMOROSO. I SANREMESI ASSENTI DALLA TOP20


Lino Banfi
Lino Banfi a DM: «Un Medico in Famiglia chiude? Magari lo sapessi! La produttrice mi ha detto che si fa, ma solo la Rai può deciderlo»


Elettra Lamborghini
Elettra Lamborghini a DM: «Gli uomini mi annoiano, le donne hanno qualcosa di differente. Nel mio futuro? Meno salotti TV e una carriera musicale in America»

7 Commenti dei lettori »

1. NeA ha scritto:

31 maggio 2016 alle 16:55

CHE BELLA CHE È. E,soprattutto umile



2. Nunzio ha scritto:

31 maggio 2016 alle 16:55

CHE BELLA CHE È. E,soprattutto umile
:)



3. Mimma Meo ha scritto:

31 maggio 2016 alle 19:42

Davide Maggio: Complimenti alla Amoroso, ma anche Marco Mengoni ha una empatia unica e straordinaria con il suo pubblico oltre ad aver fatto un tour da record con 16 sold out comprese le e due Arene di Verona. Ma forse tu non sei stato a nessuno dei concerti di questo tour e giustamente non sei informato di ciò.



4. Stefania Stefanelli ha scritto:

31 maggio 2016 alle 19:50

@Mimma Meo: ma Mengoni non viene mica da Amici, cosa c’entra? Ascolta bene prima di partire a razzo…



5. Mimma Meo ha scritto:

31 maggio 2016 alle 19:55

Mi riferivo al commento principale ovvero l’empatia con il pubblico. E non parlo solo di Mengoni anche di altri giovani cantanti.



6. silvana859 ha scritto:

2 giugno 2016 alle 18:33

ma si parla sempre solo e solo diAlessandra Emma, come se ad amici avessero partecipato solo loro ne sono usciti di cantanti molto ma molto piu brave solo che loro non sono pompate come ste due, Davide non faccio nomi ma sappiamo tutti chi sono!!



7. giglio ha scritto:

4 giugno 2016 alle 14:55

Mimma Meo il tour di Marco è stato fantastico tutti sold out veri con parterre in piedi ,ad Assago so di certo che con i posti a sedere si ha una capienza inferiore di 2.500 persone. Ma le due amiciane sono talmente pompate….il concerto in tv manco fosse Adele. Detto questo stimo l’Amoroso la trovo molto simpatica e una bella persona . La De Filippi per loro è una vera macchina da guerra protette e stagnanti in tv.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.