24
aprile

REPORT: INCHIESTA SUI GETTONI D’ORO ‘TAROCCATI’. CHI FA LA CRESTA SULLA RAI?

Report, gettoni d'oro

Chi fa la cresta sulla Rai? Report si prepara a trasmettere un’inchiesta di ‘valore’ (economico), destinata ad avere un seguito. Nella puntata di stasera – 24 aprile – il programma di Milena Gabanelli indagherà sui “gettoni d’oro” che il servizio pubblico elargisce ai vincitori dei suoi giochi a premi. Secondo quanto emerso dalle ricerche del giornalista Sigfrido Ranucci – autore del reportage – in ogni chilo d’oro assegnato vi sono cinque grammi di materiale non prezioso, ai danni dei vincitori della stessa Rai. Il fornitore dei lingotti? Banca Etruria.

Ad innescare l’inchiesta di Report, che stavolta fa le pulci in casa propria, è stata la segnalazione di Maria Cristina Sparanide, che nel 2013 ha vinto 100mila euro nella trasmissione Red or Black, in onda su Rai1. Come anticipato dal Corriere della Sera, la signora riceve quattro gettoni da 20mila euro (la somma trattenuta va in tasse, ma questo il concorrente lo sa) commissionati alla Zecca dello Stato. Una lettera del Poligrafico dello Stato la invita però a pagare anche l’Iva sebbene – spiega il servizio di Ranucci – l’imposta non sia dovuta sull’oro per investimento come quello in lingotti o gettoni.

Non è finita. A carico del vincitore, infatti, risulta esserci anche un ulteriore calo del 2% dovuto alla fusione: così, a conti fatti, la signora Sparanide intasca poco più di 64mila euro a fronte dei 100mila vinti in tv. Ma la vera sorpresa deve ancora arrivare e riguarda la qualità del metallo. Dopo la valutazione di un’azienda orafa e la conferma di un laboratorio specializzato accreditato dal ministero per le analisi legali, Report svela che quello assegnato alla vincitrice è oro 995, quindi non purissimo. Significa che per ogni chilo ci sono 5 grammi di altro metallo non prezioso, sebbene la Rai lo abbia acquistato come oro purissimo.

Dove vanno a finire – si chiede Report – quei grammi d’oro sottratti? Si consideri che, come precisato da Milena Gabanelli, la Rai compra ogni anno dai 6 ai 10 milioni di euro di gettoni d’oro dalla Zecca, quindi fate i conti. E da chi si rifornisce in questo caso la Zecca? Da Banca Etruria, istituto finito di recente nella bufera e sotto inchiesta. La Zecca ha acquistato “milioni di euro in lingotti d’oro per trasformarli in gettoni della Rai, per anni e senza bando di gara” denuncia il giornalista di Report.

E’ la banca che ci fa il prezzo più basso” ha fatto sapere la Zecca, aggiungendo che “il 20 per cento è stato controllato in ingresso, secondo le nostre procedure di qualità, ed è risultato oro 999“. In ogni caso, la stessa Zecca ha presentato un esposto alla Procura. Tutti i dettagli verranno trasmessi questa sera a Report.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Sigfrido Ranucci, Report
Report, Sigfrido Ranucci risponde a Benigni e alla polemica sui vaccini. La Rai apre un’istruttoria


Benigni, Report
Roberto Benigni querela Report sul caso Papigno. E l’inchiesta sui vaccini Hpv finisce in polemica


Sigfrido Ranucci.
Report: Sigfrido Ranucci è all’altezza, inchieste più popolari. Gabanelli ha fatto scuola


Report, Sigfrido Ranucci
Report: dal 27 marzo la nuova stagione con Sigfrido Ranucci al posto di Milena Gabanelli. Ecco le inchieste (video)

4 Commenti dei lettori »

1. Giuseppe ha scritto:

24 aprile 2016 alle 21:30

Come dire? Il mondo è piccolo…e pieno di gufi.



2. luigi ha scritto:

25 aprile 2016 alle 10:38

una curiosità : ma perchè in tv pagano ancora in gettoni d’oro svalutando la vincita in maniera enorme e creando difficoltà a chi la riceve? non sarebbe meglio un bel bonifico :)



3. xxxxx ha scritto:

25 aprile 2016 alle 10:48

@luigi: nei giochi televisivi, si fa così perché la legge italiana impedisce la vincita di denaro contante



4. luigi ha scritto:

25 aprile 2016 alle 20:55

grazie xxxxx…. ma che tristezza l’italia



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.