11
marzo

OMICIDIO VARANI, IL PADRE DELL’ASSASSINO A PORTA A PORTA. CRITICHE A VESPA, MA LO SCANDALO NON E’ IL SUO SCOOP

Valter Foffo - Porta a Porta

Valter Foffo - Porta a Porta

Archiviate le critiche per l’intervista ai Casamonica, stavolta Bruno Vespa è finito sotto accusa per aver ospitato a Porta a Porta Valter Foffo, il padre di Manuel, uno dei due giovani che ha confessato di aver seviziato e ucciso Luca Varani. A poche ore dal violento misfatto consumatosi a Roma, l’uomo è comparso negli studi del popolare programma Rai, dove ha rilasciato la propria testimonianza sul gesto omicida compiuto dal figlio assieme ad un amico “solo per vedere che effetto fa“. Apriti cielo.

Per l’intervista realizzata, c’è chi ha accusato Bruno Vespa di sciacallaggio, di aver tradito la missione del servizio pubblico. E tra gli indignati ci sono stati anche personalità autorevoli. Il deputato Pd Michele Anzaldi, ad esempio, si è domandato se l’intervista al padre del carnefice fosse opportuna e se la Rai dovesse chiedere scusa per quanto trasmesso.

Severa anche la critica del senatore forzista Augusto Minzolini, che ieri su Twitter ha tuonato: “a vedere il padre di uno dei due carnefici di Roma a Porta a porta, ti accorgi che la Rai non ha più senso. È un moloch informe“. Tuttavia, ad ascoltare tali rimproveri, che sui social hanno trovato facile eco, non si capisce quale sarebbe stato il peccato commesso da Vespa. Forse quello di aver intervistato il genitore di un assassino reo confesso e di averne registrato in esclusiva le dichiarazioni?

Se fosse questa l’accusa, dovremmo convenire che il conduttore Rai ha semplicemente fatto il suo mestiere – quello del giornalista – svolgendolo peraltro con abilità, visto che il suo programma è riuscito ad aggiudicarsi lo scoop. Forse la testimonianza di Valter Foffo avrà comprensibilmente lasciato perplesso qualcuno, ma è pur vero che l’uomo è stato anche incalzato dalle domande di Bruno Vespa. Di monologo non si può certo parlare.

A lasciare basiti è piuttosto il fatto che il padre dell’omicida abbia scelto di presentarsi in uno studio televisivo proprio a poche ore dalla scoperta dell’atroce delitto. Con voce pacata al punto da risultare inquietante, l’uomo si è sottoposto all’interrogatorio di Vespa e ha messo la propria faccia davanti alle telecamere, descrivendo il figlio come “un ragazzo modello, contro la violenza, molto buono“. Ciascuno elabora lo shock a modo proprio, ma questo atteggiamento ci sembra quantomeno incomprensibile.

Qualcuno ha rimproverato a Porta a Porta di aver perso credibilità con questa discussa intervista. La medesima critica formulata dopo l’ospitata dei Casamonica. Ma consentiteci un pizzico di cinismo: forse, se il programma in questione non fosse stato autorevole, il padre del reo confesso omicida non avrebbe accettato di presentarvisi. Potere della tv.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Bruno Vespa, Porta a Porta
BERLUSCONI: “VESPA SAREBBE IL LEADER MIGLIORE PER IL CENTRODESTRA”. MA IL CONDUTTORE LO GELA


Bruno Vespa.
PORTA A PORTA RIPARTE DAL TERREMOTO E DA RENZI. VESPA CONTRO FICO: “INTIMIDATORIO CON ME”


Bruno Vespa
BRUNO VESPA A DM: PORTA A PORTA PROGRAMMA DI RIFERIMENTO IN SINTONIA COL PUBBLICO. SANTORO IN RAI? UNA BUONA NOTIZIA


porta a porta, barbara lezzi vs mario orfeo
PORTA A PORTA, LA GRILLINA LEZZI VS ORFEO: “DIRETTORE PD1″. VESPA DIFENDE IL COLLEGA, FICO LO VUOLE QUERELARE

4 Commenti dei lettori »

1. Filippo ha scritto:

11 marzo 2016 alle 11:51

Vicenda incommentabile.
L’omicidio fa fare ascolti, è diventato lucro per la tv. Uno schifo



2. osservo ha scritto:

11 marzo 2016 alle 12:00

Ho trovato la presenza di questo signore a Porta a Porta fuoriluogo, considerato che ci è andato il giorno successivo alla confessione del ragazzo, suo figlio. Mi sono chiesto dove fosse il dolore, lo stupore, lo shock di un padre. Oggi, di tutta questa storia è forse la cosa che mi sconcerta di meno: trovo sia molto più grave la morbosità con cui viene narrato questo delitto, ogni 5minuti gli articoli online vengono aggiornati con una parola in più detta dai ragazzi nelle loro confessioni altalenanti. Tv e quotidiani on line (nei quali compare come notizia d’apertura!!!!!!) raccontano dettagli troppo, davvero troppo particolareggiati. All’opinione pubblica certe cose non dovrebbero essere raccontate….il pubblico soffre di morbosità e vuole sapere?!?!? Chissenefrega…non accontentatelo!



3. ellis ha scritto:

11 marzo 2016 alle 13:19

viene sempre attaccata la d’urso, che non apprezzo x niente, ma lui e il suo programma sono peggio…”giornalisti” che mentre raccontano hanno la bava come hannibal lecter:(
personalmente non me ne frega niente di com’era una bestia assassina “prima”… i familiari x me se ne possono stare a casa davanti ad uno specchio e disprezzarsi all’infinito…



4. ISABELLA ha scritto:

11 marzo 2016 alle 16:51

Effettivamente più che diritto di cronaca è curiosità eccessiva. Ormai la cronaca nera ha invaso i programmi TV e secondo me si sono varcati un po’ i limiti. Sarebbe bene che tutte le reti facessero un passo indietro , compreso anche certi programmi sulle reti crime dove ” si recitano” gli omicidi. Meglio dei buoni gialli basati sulla fantasia.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.