27
gennaio

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (18-24/01/2016). PROMOSSI FRASSICA E CADUTA LIBERA, BOCCIATI NETFLIX E HUNZIKER

Paolo Fox

Promossi

9 a Nino Frassica. Il comico siciliano, che ha vissuto fasi alterne nella sua carriera, è in grande spolvero grazie all’incredibile successo di Don Matteo e alla partecipazione a Fuori Che Tempo Che Fa di Fabio Fazio dove fa sfoggio della sua surreale ironia.

8 a Caduta Libera. La messa in onda in inverno e qualche modifica al regolamento hanno giovato al game show di Gerry Scotti che sta registrando ascolti intorno al 19% di share. Probabilmente con l’andare delle puntate calerà e sulla riproducibilità della formula nel tempo nutriamo dubbi, ma per il momento gli inaspettati risultati sono da onorare.

7 al “risveglio” di Paolo Fox. L’oroscoparo di Rai2 si ribella contro Magalli & Co in una sfuriata cult che ha fatto il giro del web (qui l’ultimo “siparietto”). Chissà cosa si nasconde dietro ad alcuni sorrisini…

6 a Iginio Massari. Ospite di Masterchef, il giudice in esterna de Il Più Grande Pasticcere riesce a catturare l’attenzione dell’esigente pubblico del talent show di Sky Uno a dosi di cattiveria. Già soprannominato Iginio Massa(c)ri.

Bocciati

5 a Netflix che non svela i dati d’ascolto. Il direttore di contenuti Ted Sarandos dice che “mettono pressione alla creatività e al talento”, tuttavia è altamente improbabile che internamente le visualizzazioni dei programmi Netflix non costituiscano oggetto di analisi. Piuttosto ci sono altri motivi che spingono il colosso americano al silenzio e sono, dal loro punto di vista (meno da quello del pubblico), comprensibili.

4 all’ennesimo passo falso di Rai1 sul fronte intrattenimento. Sogno e son desto, già reduce da una seconda edizione non troppo brillante e con l’handicap della partenza a distanza di una settimana dal competitor, deve accontentarsi di ascolti mediocri.

3 a Caterina Balivo, ospite di DiMartedì per discutere di banche (!). Il paradosso è che, poi, quando si parla di Rai, la mora conduttrice ha già lasciato lo studio.

2 ad Angie Bowie. L’ex moglie di David aveva l’occasione di nobilitare la sua immagine, accostata nuovamente al Duca Bianco visto il momento delicato, e invece è finita per “sbroccare” miseramente nella casa del GF Vip inglese.

1 a Michelle Hunziker. Sulle pagine de Il Giornale la showgirl svizzera si lamenta del periodo di stallo della tv italiana (fa eccezione Striscia che lei considera amata e attuale) mentre elogia la tv tedesca “sua valvola di sfogo”. Peccato che finora in Germania abbia preso parte per lo più a format esistenti anche nel nostro paese. La tv italiana è in stallo, almeno quanto la sua carriera, da anni legata ai soliti impegni. Forse dovrebbe esser la prima ad osare.



Articoli che potrebbero interessarti


raffaella-carrà
PAGELLE TV DEL 2015: I BOCCIATI


gabriel-garko
LE PAGELLE DELL’ANNO 2016: I BOCCIATI


MARIA DE FILIPPI
LE PAGELLE DELL’ANNO 2016: I PROMOSSI


facchinetti_rachele_mirigliani
LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (5-11/09/2016). PROMOSSI REAZIONE A CATENA E FACCHINETTI, BOCCIATO POLITICS

19 Commenti dei lettori »

1. kalinda ha scritto:

27 gennaio 2016 alle 15:26

Non condivido il 5 a Netflix offrono un servizio che non si può misurare con gli ascolti tradizionali.



2. Lami ha scritto:

27 gennaio 2016 alle 15:34

Quoto Kalinda, dati di ascolto o no, Netflix ci salva dalla sfacelo e dalla vecchiaia della tv italiana.



3. ellis ha scritto:

27 gennaio 2016 alle 15:58

la presenza della balivo in quella trasmissione e’ stato quanto di piu’ inutile ci possa essere, come del resto dovunque…



4. kalinda ha scritto:

27 gennaio 2016 alle 16:15

Paolo chi?



5. Mattia Buonocore ha scritto:

27 gennaio 2016 alle 16:31

@kalinda a maggior ragione, loro hanno dati reali quindi sarebbero ancora più importanti. Non li comunicano ma certamente tengono conto dei dati.



6. kalinda ha scritto:

27 gennaio 2016 alle 16:37

I dati sono la morte della qualità.



7. Nostress ha scritto:

27 gennaio 2016 alle 18:27

Netflix è lontana ANNI LUCE da tutto ciò che riguarda la TV free italiana, fatta dalle solite facce, dai soliti polpettoni, dalla solita spazzatura targata Maria de Filippi, telenovelas brasiliane e miserie umane assortite.
Sky vuole fare troppo la generalista ma si salva sul fronte serie..
w Netflix, la vera novità dell’intrattenimento : on demand, quando vuoi, dove vuoi!
Non penso che a Netflix interessi più di tanto dell’audience visto che non c’è pubblicità .. Immagino che le loro revenues provengano più che altro dagli abbonati..



8. Mattia Buonocore ha scritto:

27 gennaio 2016 alle 18:32

@nostress quando è che un abbonato disdirà l’abbonamento? Quando smette di guardare. Come fai a capirlo quando smette di guardare. L’on demand non è certo una novità di Netflix.



9. jacaranda liebe ha scritto:

27 gennaio 2016 alle 18:39

A Netflix darei un 10 per la scelta di non pubblicare i dati! E la motivazione che per voi pare troppo semplice, e´ la strada che dovrebbe prendere la tv! A chi servono questi dati? a nessuno, forse forse ai pubblicitari, ma non di certo al pubblico. Mettono ansia, creano dipendenza, basta vedere allo stato attuale dell tv italiana in cui si rimane attaccati solo ai numeri sicuri. per decenni coi soliti programmi. Mi meraviglio che da chi dovrebbe avere interesse in una tv piu creativa, ovvero voi blogger, venga una critica simile. Un contro-senso.. magari avete perso la cognizione di causa, ma dovreste scrivere di show e tv, non dati e statistiche.



10. kalinda ha scritto:

27 gennaio 2016 alle 18:41

quoto Jacaranda liebe



11. Mattia Buonocore ha scritto:

27 gennaio 2016 alle 18:41

@jacaranda liebe amo i dati e le statistiche. Non credo che al pubblico i dati mettano ansia o creano dipendente, i dati auditel contano poi dappertutto non solo in Italia.



12. darix ha scritto:

27 gennaio 2016 alle 18:50

Beh…MIchelle torna in Germania…non ci mancherai di sicuro!!!!



13. jacaranda liebe ha scritto:

27 gennaio 2016 alle 18:58

@mattiabuonocore mi riferivo a chi produce, ma in parte anche al pubblico, non conto le serie che ho amato e che sono state tagliate per ascolti non esaltanti. ma non ha senso perche si parla di intrattenimento, perciö non possono vincere i numeri a prescindere. Io sono abbonata a Netflix da tanto, vivo in Germania e qui era sbarcata tempo fa, tra láltro uso spesso un proxi e guardo la versione usa (che e´davvero lo sballo, un quantitativo gigante e grondante serie esclusive) e molte delle serie che sto amando by Netflix non esisterebbero nemmeno se pure loro ragionassero per ascoltatori. Prova a vedere cio´che ti dico e capirai il perche´questa riservatezza sia oro puro in questa situazione.

Vero pure che i dati contano ovunque, ma ti posso assicurare che non sono cosi significativi in paesi quali Germania e Uk, che entrambi ben conosco vivendo nel primo e avendo vissuto a lungo nel secondo. E pure capisco le passioni altrui, ma ripeto, da commentatori di programmi tv mi aspettavo invece un saluto positivo a questa voglia di liberarsi dai dati per dar respiro ai creativi (e guardando Netflix usa capirai che hanno ragione..)



14. Mattia Buonocore ha scritto:

27 gennaio 2016 alle 19:09

@jacaranda liebe io penso che Netflix i dati li guardi, comunque. E a chi produce servano. I dati bisogna anche saperli interpretare, scomporli. Certo Netflix può permettersi di fare anche ragionamenti di costi e immagine relativamente ai prodotti, che una rete tradizionale chiamata costantemente a dar conto ai pubblicitari e alle ricadute negative in termini di immagine di bassi ascolti non si può permettere. Quello di Netflix è un grosso vantaggio, il mio è anche un discorso di parità di condizioni in uno stesso settore. Conosco bene ciò che propone Netflix e in Italia il catalogo non è un granchè.



15. fabolous ha scritto:

27 gennaio 2016 alle 19:16

ma esattamente che tipo di dati volevi su netflix? non bastano quelli del numero abbonati? alla fine è quello il loro auditel. Non avendo pubblicità, cosa per cui esiste la rilevazione degli ascolti, non mi pare cosi fondamentale. Penso inoltre che rendendo pubblici questi dati, fai un favore alla concorrenza, dando informazioni precise su cosa quel tipo di pubblico vorrebbe, visto che le loro informazioni non sono statistiche ma effettive



16. Mattia Buonocore ha scritto:

27 gennaio 2016 alle 19:19

@fabolous io non voglio nulla, commento ciò che dicono. In realtà gli abbonati in Italia, ad esempio, non sono stati mica comunicati.



17. marcko ha scritto:

27 gennaio 2016 alle 19:41

dare 1 a michelle?
ma non è esagerato?
io ricordo che le pazzie le ha fatte pure lei, fece il film trash con alberto tomba, e nel suo momento d’oro condusse il flop di popstar ,e abbandono’ zelig, alla prima edizione, quando faceva 10milioni a puntata.
non so che alternative le offra la attuale tv italiana, ma non credo esistano altre conduttrici che possano vantare di lavorare con successo al di la delle alpi.



18. Mattia Buonocore ha scritto:

27 gennaio 2016 alle 19:47

@marcko non credo che esistano neanche altre conduttrici straniere che hanno avuto la fortuna di sposare un cantante notissimo al di là delle Alpi.



19. elsa ha scritto:

27 gennaio 2016 alle 20:26

Hunziker impegnata a fare figli che vuole altro????



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.