18
novembre

CANONE RAI: DIECI RATE MENSILI IN BOLLETTA. ECCO LA NOVITA’ IN ARRIVO

Rai

Dieci rate mensili per la tassa più odiata dagli italiani. Il governo cambia di nuovo idea sulle tempistiche di riscossione del nuovo canone Rai. Un emendamento delle relatrici alla legge di Stabilità, infatti, prevede che il pagamento dell’imposta avvenga “in 10 rate mensili, addebitate sulle fatture emesse dall’impresa elettrica aventi scadenza del pagamento immediatamente successiva alla scadenza delle rate“. Il testo sarà presentato a breve in commissione Bilancio al Senato.

Il provvedimento sul canone Rai subisce così l’ennesima modifica. In un primo momento, le ipotesi avanzate per il pagamento erano quelle di un’unica rata a febbraio o, in alternativa, di 6 rate bimestrali da 16,66 euro. Ora si cambia di nuovo: stando a quanto si apprende da fonti parlamentari, i 100 euro di canone verranno spalmati su dieci rate mensili (da gennaio a ottobre) addebitate direttamente in bolletta.

Le rate s’intendono scadute il primo giorno di ciascuno dei mesi da gennaio ad ottobre. L’importo delle rate è oggetto di distinta indicazione nel contesto della fattura emessa dall’impresa elettrica e non è imponibile ai fini fiscali. Le imprese elettriche possono effettuare il versamento entro il giorno 20 del mese successivo a quello di incasso e comunque l’intero canone deve essere riscosso e riversato entro il 20 dicembre” si legge nell’emendamento, come riporta l’Ansa.

Inoltre, in sede di prima applicazione, “le rate scadute all’atto dell’entrata in vigore della presente legge sono cumulativamente addebitate nella prima fattura successiva al primo luglio 2016“. Questo significa che la nuova modalità di pagamento funzionerà a pieno regime dal 2017, ma – per motivi di adeguamento – nel quarto bimestre del prossimo anno verranno già addebitati in bolletta 70 euro mentre i restanti 30 saranno riscossi nei mesi successivi. Il canone riguarderà soltanto i contratti domestici e sarà destinato soltanto ai residenti.

Mentre i relatori mettono a punto le ultime modifiche al testo, il nuovo canone Rai resta terreno di scontro politico. Nelle scorse settimane, intervenendo a diMartedì su La7, Roberto Fico ha affermato che gli introiti dell’imposta non andranno nelle casse di Viale Mazzini ma serviranno a coprire le mancate entrate della Tasi. Il Presidente della Vigilanza Rai ha poi definito definito l’operazione un gioco delle tre carte da parte del governo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Rai
CDA RAI, PANICO PER LA RIDUZIONE DEL CANONE: “RILEVANTI CRITICITÀ, CONTERREMO INVESTIMENTI”


Matteo Renzi
CANONE RAI NEL 2017 RIDOTTO A 90 EURO. IL PROVVEDIMENTO NELLA LEGGE DI STABILITÀ


Rai
RAI: APPROVATO IL BILANCIO 2015. PERDITA INFERIORE AI 30 MLN, CALANO I RICAVI PUBBLICITARI


Rai
CANONE RAI: IL CONSIGLIO DI STATO BOCCIA IL DECRETO. A RISCHIO LA PRIVACY DEI CITTADINI

4 Commenti dei lettori »

1. BohBeh ha scritto:

18 novembre 2015 alle 14:17

Pillola amara talmente addolcita che ora sono a rischio diabete.



2. DON IVANO ha scritto:

18 novembre 2015 alle 16:36

Se l’idea è quella di recuperare i mancati introiti della Tasi, praticamente si ha solo un cambio di nome per una tassa…



3. Giuseppe ha scritto:

18 novembre 2015 alle 16:47

Trovatina propagandistica.



4. Gianni ha scritto:

18 novembre 2015 alle 19:22

E’ così dura per un disoccupato storico l’idea di dover pagare indistintamente belle cose e immense porcherie!
Potessi scegliere quali trasmissioni “pagare” sarebbe tutto più facile (e la Rai avrebbe molte sorprese se questo fosse possibile)!
E in ogni caso per una Rai che mi ha tolto le dirette della Formula1, molte partire del mondiale e che paga solo quei 3-4 conduttori miliardari invece di proporre facce nuove preferirei non dare un’euro per principio.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.