14
ottobre

TALE E QUALE SHOW 2015: E’ OPPORTUNO CHE MAX GIUSTI IMITI AL BANO?

Max Giusti in un'imitazione di Al Bano

Sin dal principio la partecipazione di Max Giusti a Tale e Quale Show 2015 aveva fatto discutere. Ci si chiedeva quanto fosse giusto inserire nel cast un imitatore (non è l’unico peraltro). Se da un lato la presenza di professionisti delle imitazioni garantisce un alto livello alle performance, dall’altro rischia di creare uno squilibrio tra i concorrenti e di minare il senso dello show, rivolto più all’intrattenimento che non al tecnicismo.

La partecipazione al programma di Giusti era stata giustificata in conferenza stampa sia da Conti che dal diretto interessato, con una serie di precisazioni. Le motivazioni principali addotte da entrambi sono relative, innanzitutto, al fatto che nel celebrity talent di Rai1 si è chiamati a cantare, esperienza che i personaggi interpretati dai professionisti in gara non hanno mai affrontato. Inoltre Giusti aveva aggiunto che non gli avrebbero fatto fare i suoi cavalli di battaglia.

Ebbene, deve esserci stato un cambio di programma perchè questo venerdì l’ex uomo dei pacchi dovrà impersonare Al Bano, in duetto con Romina Power (interpretata da Cosima Coppola). E’ opportuno proporre ad un imitatore di interpretare uno dei suoi personaggi più forti per poi valutarlo nella stessa classifica degli altri concorrenti “non imitatori”? Lo stesso Giusti, quando nella scorsa puntata ha scoperto il suo “nuovo compito”, è parso meravigliato. Che sia il primo a non esserne felice per il rischio “facilitazione”?

Il pacifismo estremo a cui Conti ci ha abituati abbasserà i toni di questa storia al solito divertimento collettivo o ci sarà spazio per sottolinearne la poca equità e l’incoerenza, anche solo scherzosamente?  E la giuria, come si comporterà, premierà o sottovaluterà l’esibizione, e con quali scuse? A queste ed ad altre domande sapremo la risposta solo nel prossimo episodio di Tale e Quale Show 2015 in onda venerdì 16 ottobre.

Tale e Quale Show: Al Bano non può mancar


Più che un duetto canoro, Al Bano e Romina rappresentano un’istituzione nazionalpopolare che Tale e Quale non si è mai fatta mancare nelle precedenti stagioni. Il personaggio di Al Bano Carrisi è con ogni probabilità il più imitato nella storia di Tale e Quale Show, raccogliendo un totale di sei interpretazioni in sole quattro edizioni. Nell’ordine esatto, dalla prima stagione alla quarta, lo hanno imitato Danilo Brugia, Flavio Montrucchio, Silvia Salemi e Valerio Scanu. Non solo Al Bano come singolo, ma anche il duetto con Romina Power è già stato presentato ben due volte: nello spin off di Tale e Quale Show duetti (Flavio Montrucchio con Pamela Camassa) ed in una mission impossibile di Gabriele Cirilli, per l’occasione letteralmente diviso a metà.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Tale e Quale Show - Francesco Cicchella imita Renga
TALE E QUALE SHOW 2015, QUINTA PUNTATA: VINCE CICCHELLA VERSIONE RENGA. ARGENTERO SCHERZA SUL BUONISMO DELLA GIURIA


Al Bano nella televendita
Al Bano in poltrona non sa starci. E allora le (tele)vende


Max Giusti nelle vesti di Cannavacciuolo
Cucine da Incubo 5 tenta il «boom» con Max Giusti a La Nuova Certosina. Ecco com’è oggi il ristorante


Al Bano e Romina a Standing Ovation
Colpo di scena a Standing Ovation. Romina ad Al Bano: “Amo te e l’Italia”

7 Commenti dei lettori »

1. totino68 ha scritto:

14 ottobre 2015 alle 13:13

Forse non sarebbe giusto un imitatore professionista , ma nel caso di Giusti ritengo che la sua presenza potrebbe essere da stimolo agli altri e poi nel suo caso non sono solo imitazioni parodiate che in passato ha fatto , ma deve cantare come se fosse il personaggio reale e per lui credo non sarà poi così facile come può sembrare , riguardo Albano , ha rempre scimmiottato i suoi gorgheggi e ghirigori vocali , ma non lo ha mai imitato nel canto .



2. grilloparlante ha scritto:

14 ottobre 2015 alle 13:25

Sono d’accordo con totino68. Sarà più un handicap che un vantaggio. Giusti deve far dimenticare la parodia macchiettistica (irresistibile) di Al Bano a cui ci ha abituati da anni a favore di un’imitazione “seria”, non è un passaggio banale.

Anche a Sergio Friscia hanno assegnato due cavalli di battaglia storici, Pino Daniele e Giuliano Sangiorgi, e tutto sommato non ne è stato poi così avvantaggiato. La parodia è cosa molto diversa dall’imitazione. Comunque a questo punto spero che ci facciano rivedere anche il Sergio Friscia / Piero Pelù, che mi faceva morire dal ridere.



3. ciak ha scritto:

14 ottobre 2015 alle 13:49

pur apprezzandolo come “intrattenitore dello spettacolo” devo dire che a me sono proprio certe sue “interpretazioni” a taleequale che non mi piacciono…
quindi non è detto che il “titolo” aiuti…



4. Franco2 ha scritto:

14 ottobre 2015 alle 14:46

“Inoltre Giusti aveva aggiunto che non gli avrebbero fatto fare i suoi cavalli di battaglia.”

Eh? Ma se ha fatto Renato Zero già alla seconda puntata!



5. Alex ha scritto:

14 ottobre 2015 alle 16:32

Proporrei una interrogazione parlamentare per un fatto così grave..



6. david ha scritto:

14 ottobre 2015 alle 18:39

Va però specificata una cosa.. Giusti non ha mai imitato Albano quando canta ma solo nel parlato.. e non è proprio la stessa cosa (anche se ovviamente ne partirà avvantaggiato). Inoltre lui caratterizza molto i personaggi anche estremizzandoli un pò.. quindi dovrà lavorare molto per evitare l’effetto “caricaturale”



7. Laura ha scritto:

15 ottobre 2015 alle 11:19

Anche a Scanu nella scorsa edizione sono stati assegnati personaggi
Vanoni, Oxa…con cui si era già cimentato in giro per il web e non quindi non vedo perchè Giusti non possa imitare Albano.
E comunque si Alex la cosa necessiterebbe un serio e approfondito dibattito :-)))))).
Il programma va preso per quello che è al limite fra il comico ed il trash.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.