7
ottobre

PORTA A PORTA, ASSOCIAZIONI GAY CONTRO BRUNO VESPA. FABIO CANINO: “SE CI FOSSE UNA LOBBY TU SARESTI A PULIRE I CESSI”

Bruno Vespa, Lobby gay all'attacco di Francesco

Associazioni gay all’attacco di Bruno Vespa. Il conduttore Rai è stato oggetto di severe critiche da parte di alcuni esponenti della comunità omosessuale per un titolo comparso a Porta a Porta nella puntata di lunedì scorso. Nel programma della rete ammiraglia del servizio pubblico si parlava del caso Charamsa e nel vidiwall alle spalle del giornalista compariva la seguente scritta: “Lobby gay all’attacco di Francesco“.  Tanto è bastato per scatenare il vespaio.

Sono proprio incazzato! Stasera Vespa ha aperto porta a porta con la schermata che vedete, e poi ha pure aggiunto: “i gay seri sono preoccupati per quello che è successo”. Allora voglio sapere dalla Commissione Rai se è tollerabile che milioni di persone debbano sempre essere offese riconducendole a inesistenti lobby gay, se è mai possibile che la nostra vita sia mischiata con le lotte di potere interne alla gerarchie cattoliche, se è sopportabile che mai nessuno possa replicare a questo scempio della verità. Altro che Servizio Pubblico, questo è Servizietto Vaticano!!” ha tuonato Aurelio Mancuso, Presidente Equality.

A chiarire le intenzioni di quel titolo è stato lo stesso Bruno Vespa, con un tweet:

Il conduttore si è ulteriormente spiegato in trasmissione: “era evidente che non ci riferissimo alle associazioni gay“, precisando di aver riportato – apprezzandola – anche la dichiarazione della leader storica del mondo gay, Imma Battaglia.

Ci riferivamo a dei movimenti che ci sono in una frazione piccola ma abbastanza insidiosa del mondo cattolico che, guarda caso, se ne viene fuori con una cosa di questo genere alla vigilia di un sinodo sulla famiglia” ha ribadito Vespa.

Quindi, nessuna discriminazione. E in effetti, nella puntata oggetto di critiche, la discussione si è limitata al caso Charamsa e all’ambito vaticano. Il titolo ‘incriminato’, inoltre, non è stato posto come un assunto incontestabile, bensì come oggetto di possibile confutazione già in apertura di dibattito. “E’ corretto questo titolo?” ha infatti domandato lo stesso Bruno Vespa all’ospite Massimo Franco, intavolando il confronto.

Le opinioni espresse in studio, tuttavia, sono state critiche rispetto alla clamorosa rivelazione di Charamsa, quindi ciò che si potrebbe rimproverare alla trasmissione Rai è eventualmente una mancata polifonia sull’episodio specifico. Ma non certo una discriminazione nei confronti dei gay, che di fatto non abbiamo ravvisato né nei toni, né nelle intenzioni. Di lobby gay, peraltro, si era parlato in tempi non sospetti anche sui principali giornali. Ma nessuno, in quel caso, si stracciò le vesti.

Costantino Della Gherardesca vs Bruno Vespa

Di parere opposto, però, è stato Costantino Della Gherardesca, che su Facebook si è scagliato contro Bruno Vespa. Riferendosi al suo programma, il conduttore di Pechino Express non ha usato mezze misure:

Non è televisione di servizio pubblico, ma soprattutto non è buona televisione se non rispecchia la società in cui viviamo. La propaganda spiccia, mafiosa, avulsa dalla società reale, ha avuto il suo canto del cigno negli anni della TV di Berlusconi. E’ arrivato il momento di spazzarla via. Eliminare in modo definitivo queste carcasse balbettanti è un dovere della nuova dirigenza RAI

Fabio Canino vs Bruno Vespa

Ancora più pesante il commento di Fabio Canino:

E così al Vespone, accusato di intolleranza, è stata riservata… tolleranza zero. Tutto coerente, no?

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Al Bano
Al Bano annuncia il ritiro dalle scene il 31 dicembre 2018 – Video


Bruno Vespa, Porta a Porta
Roberto Fico vs Bruno Vespa: «Ha un contratto da artista, Porta a Porta va esclusa da campagna elettorale»


Brigitte-Bardot
Porta a Porta: Bruno Vespa intervista Brigitte Bardot


Bruno Vespa, Porta a Porta
BERLUSCONI: “VESPA SAREBBE IL LEADER MIGLIORE PER IL CENTRODESTRA”. MA IL CONDUTTORE LO GELA

5 Commenti dei lettori »

1. Giuseppe ha scritto:

7 ottobre 2015 alle 17:47

Anch’io, istintivamente, avrei aperto con quel titolo, perché è una delle cose (giornalisticamente parlando) che è venuta subito in mente quando i media hanno diffuso la notizia in discussione.

Ma è anche un titolo molto riduttivo rispetto al tema in gioco.



2. Marco Leardi ha scritto:

7 ottobre 2015 alle 17:58

Il titolo, come tutti i titoli, è una sintesi. Colpisce piuttosto la reazione scomposta del mondo gay rispetto ad una discriminazione che, in realtà, non è mai avvenuta.



3. Giuseppe ha scritto:

7 ottobre 2015 alle 18:57

Infatti il problema non è la discriminazione nei confronti dei sacerdoti che fanno coming out e perdono il posto, ma la morale omofobica e sessuofobica della Chiesa e l’influenza che essa ha sulle scelte politiche e sulla mentalità (per ora) prevalente in Italia.



4. Nina ha scritto:

8 ottobre 2015 alle 09:53

Che gran cavolata ha detto Costantino della Gherardesca.



5. Andrea ha scritto:

8 ottobre 2015 alle 23:27

Sono gay e questo Papa mi sta ampiamente antipatico. Posso entrare a far parte della lobby?



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.