15
gennaio

L’ANGELO DI SARAJEVO: LA FICTION CON BEPPE FIORELLO SI SPOSTA E EVITA SCHERZI A PARTE

L'Angelo di Sarajevo

Rai 1 corre ai ripari. Questa settimana infatti la prima rete della tv di Stato ha subito un duro colpo, uscendo perdente dalla sfida serale del lunedì contro la prima puntata de Le Iene presentano Scherzi a parte. Per l’occasione era stata schierata la miniserie Ragion di Stato, con Luca Argentero e Saadet Aksoy, sull’onda dei numerosi successi mietuti dalle fiction Rai nel corso dei mesi precedenti. Eppure non è bastato. La prima serata di Canale 5, guidata da Capitan Bonolis, ha raccolto davanti al video più di 6 milioni di spettatori, mentre l’altro capitano, Capitano Rosso alias Luca Argentero, a stento ne ha conquistati la metà (qui i dati completi), per poi essere battuto di nuovo, anche se per poco, la sera successiva dai vampiri di Twilight.

I dati parlano chiaro e non è un caso che Rai 1 abbia deciso di rivedere il suo palinsesto per la prossima settimana. Lunedì 19 gennaio, infatti, era prevista la messa in onda della miniserie L’Angelo di Sarajevo con Beppe Fiorello, tratta dal romanzo di Franco Di Mare Non chiedere perché, che racconta la storia di un giornalista televisivo e della sua esperienza da inviato di guerra a Sarajevo. Ma in questo modo sarebbe stato inevitabile un secondo scontro con la muraglia Scherzi a parte, che tra l’altro lunedì prossimo chiuderà l’esperimento con l’ultima delle due puntate previste. Un azzardo probabilmente controproducente, con il rischio di “bruciare” un altro prodotto – ancora più ambizioso – confezionato per il pubblico di Rai 1.

Sono state ragionevolmente queste le – sagge – considerazioni che hanno portato la Rai a spostare la prima delle due parti de L’Angelo di Sarajevo da lunedì 19 a martedì 20 gennaio (la seconda puntata andrà in onda mercoledì 21), nella speranza che, eliminata la minaccia Bonolis,  la fiction possa avere la giusta luce per emergere, andando in scontro diretto con avversari di sicuro meno “temibili”.

Cambio tecnico tattico dunque nella scuderia di Rai 1, messa questa volta a dura prova dalla ruvidità delle Iene nella loro personale rilettura del programma regno degli scherzi di Canale 5 che, dopo l’affaticata edizione dell’ultimo anno, in cui sembrava poco chiara la strada da percorrere, è ripartito con risultati molto soddisfacenti. Dopo la débâcle del Capitano Rosso di Luca Argentero, il pericolo sembra essere scampato per L’Angelo di Beppe Fiorello.



Articoli che potrebbero interessarti


C'è posta per te
2015 IN TV, UN ANNO DI SUCCESSI (PRIMA PARTE)


Grande fratello rimane al lunedi
CANALE 5: GRANDE FRATELLO RIMANE AL LUNEDI. SCHERZI A PARTE (ANTICIPA) AL MARTEDI E PANARIELLO AL GIOVEDI


Kaspar Capparoni SOlo per Amore
Variazioni palinsesti Mediaset: Bring The Noise e Solo per Amore 2 scappano dallo show di Virginia Raffaele


Eccezionale Veramente 2017
La7, cambia il palinsesto: Bianco e Nero alla domenica, Eccezionale Veramente al lunedì

4 Commenti dei lettori »

1. Marco Urli ha scritto:

15 gennaio 2015 alle 14:25

Pessima scelta preventiva della Rai.
I telespettatori della fiction Di Beppe Fiorello su Raiuno e quelli della banda Parenti-Bonolis sono decisamente agli antipodi.



2. Gabriele Gnocchi ha scritto:

15 gennaio 2015 alle 16:45

La fiction con Argentero era stupida, melensa, fuori dalla realtà e volgare. Costruita intorno alla sola idea di vedere Argentero spogliato.
Questa con Fiorello sono sicuro sarà bella e di livello.



3. vicky ha scritto:

15 gennaio 2015 alle 16:57

Fiorello e i suoi ruoli scontati, mai che stupisca il pubblico!!!!!



4. Giuseppe ha scritto:

15 gennaio 2015 alle 19:04

Beppe Fiorello ha interpretato Giuseppe Moscati, Salvo D’Acquisto, Domenico Modugno, Joe Petrosino…e ora interpreta Franco Di Mare.
Se il trend è questo la prossima volta interpreterà un lombrico.
La novità è che Fiorellino stavolta non schiatterà come al solito visto che Di Mare lotta e combatte con noi.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.