15
gennaio

BABY TALENT ALLA RISCOSSA

Stand Up For Your Country

Non li chiameremmo show d’avanguardia e molte critiche che ricevono sono pure comprensibili, tuttavia il popolo sovrano ha ben dimostrato di gradire. Parliamo dei baby talent, genere rilanciato anni or sono da Ti Lascio Una Canzone – e prontamente ripreso da Io Canto – , che, dopo l’iniziale sbornia, quest’anno non ha trovato spazio nei palinsesti nostrani. Eppure il potenziale c’è e basterebbe guardare all’estero per rendersene conto e rimpolpare – con moderazione, s’intende – l’offerta. Se l’Italia si è focalizzata su baby talent canori poco strutturati (ad eccezione dell’ultima edizione di Io Canto che però aveva una serie di limiti), altrove impazzano programmi con bambini dai meccanismi in qualche modo più evoluti.

Pequeños Gigantes: una sfida a squadre tra bambini

In tal senso il pensiero corre al Messico che ha dato i natali a ben due formati di successo: Pequeños Gigantes e Stand Up For Your Country. Il primo, grande successo anche in Spagna su Telecinco, prevede una sfida a squadre composte da bambini (un capitano carismatico, due ballerini e un cantante) ed è stato opzionato da Endemol Italia. A pensarci, il meccanismo a squadre poteva essere anche la declinazione di Amici Kids, baby spin off del programma di Maria De Filippi che, dopo la registrazione di una zero, non è stato schedulato su Canale 5.

Stand Up For Your Country: padri e figli sul palco

Prossimamente su Telecinco anche Levantáte (Stand Up For Your Country), talent show musicale in cui genitori e figli hanno la possibilità di cantare e/o ballare insieme, mettendo in luce il proprio talento di fronte al pubblico. Dopo varie esibizioni, solo le coppie che riusciranno ad avere una standing ovation del pubblico in studio e dei tre giurati potranno passare alle fasi successive del programma, sino alla vittoria finale. Per partecipare bisogna postare il video dell’esibizione di genitori e figli sul web, ed essere sottoposti a votazione. Nel caso, dunque, di Stand Up – i cui diritti in Italia sono in mano a Magnolia – il web, oltre alla dinamica genitore-figlio, è l’elemento in più.

The Voice Kids e Tale e Quale Show Mini per la Rai ma anche per altri broadcaster..

La notorietà del brand, insieme ad un meccanismo consolidato e conosciuto, sono i punti a favore di Tu Cara Me Suena Mini (Tale e Quale Show Mini) e di The Voice Kids che in Italia avrebbero già una collocazione ideale (Rai1 e/o Rai2). Tuttavia sul fronte The Voice, l’ostacolo si chiama Ti Lascio Una Canzone (siamo sicuri che i due format non possano coesistere?). Nulla formalmente impedirebbe a Endemol e soprattutto a Talpa (vista la totale assenza di legami con il programma padre) di portare i formati altrove. Del resto è noto che Piersilvio Berlusconi sia un grande fan del genere e se per The Voice Kids c’è stato già un reale interesse, per Tale e Quale Show c’è addirittura chi ha azzardato clamorose quanto impervie trattative per un trasloco del format originale.

Quale baby talent per Canale 5?

A ben guardare, poi, Canale 5 avrebbe avuto anche lo slot perfetto per un baby talent: il sabato primaverile dopo C’è Posta Per Te al posto di quell’Amici che al sabato proprio non sta bene.



Articoli che potrebbero interessarti


Piccoli Giganti (logo)
Piccoli Giganti: nel cast Giorgino Zacchia. In giuria Benedetta Parodi ed Enzo Miccio


gabriele corsi
BOOM! Piccoli Giganti sbarca su Real Time con la conduzione di Gabriele Corsi. Brescia e Rosolino capisquadra


Simona Ventura pagelle
LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (7-13/3/2016). PROMOSSI POOH E PEQUENOS GIGANTES, BOCCIATA L’ISOLA DEI FAMOSI


Pequenos Gigantes - Stadio
PEQUEÑOS GIGANTES: VINCONO I PICCOLI GUERRIERI DI RUDY ZERBI

15 Commenti dei lettori »

1. Master ha scritto:

15 gennaio 2015 alle 15:39

Trattative per Tale e Quale Show su Canale5?
What? :0



2. kalinda ha scritto:

15 gennaio 2015 alle 15:43

In Italia questi programmi non funzionano a parte Ti lascio una canzone. Se tale e quale andasse su Canale 5 sarebbe un flop pazzesco.



3. marco_bonanno ha scritto:

15 gennaio 2015 alle 15:48

@utente master

Confermo le trattative e l’interessamento per Tale e Quale! Sul quale avrebbe messo gli occhi…Maria De Filippi, che approfiterebbe dei problemi di rinnovo con l’Endemol



4. Master ha scritto:

15 gennaio 2015 alle 16:09

Marco, che notizia shock :D

Tale e Quale con Maria?



5. kalinda ha scritto:

15 gennaio 2015 alle 16:27

Secondo me però Maria non lo condurre be. Anche in giuria non sarebbe credibile forse è un programma adatto per piazzare gli ex Amici.



6. giorgia ha scritto:

15 gennaio 2015 alle 16:27

il nome più adatto per condurre un talent con i bambini secondo me sarebbe quello della Hunziker…



7. kekko27 ha scritto:

15 gennaio 2015 alle 16:34

Difficile che cio accada..anche se me lo auguro! Tale e quale rinnovato con la mente della de filippi per me fa il botto! Speriamo



8. Peppe93 ha scritto:

15 gennaio 2015 alle 16:50

Non credo che la rai si lasci scappare Tale e quale.



9. Groove ha scritto:

15 gennaio 2015 alle 17:21

Tale e quale su Canale 5??? Ma daiii!!!! Spero di no, non ce lo vedo proprio su Canale 5 e poi non credo che la Rai si lasci scappare il suo talent di punta, tutte voci che poi non avranno nessun fondamento reale, comunque sono d’accordo che al posto di Amici al sabato potrebbero puntare su altro, anche su un baby-talent, però a me non è che piacciano molto i talent di bambini, se proprio dovessero puntare sui bimbi su Canale 5 preferirei una nuova edizione di Chi ha incastrato Peter Pan con Paolo Bonolis, per me quello è un format che ha ancora molto da dare, e poi si discosterebbe dal resto.



10. Marco89 ha scritto:

15 gennaio 2015 alle 17:37

Perche’ la Rai avrebbe problemi per il rinnovo di Tale e Quale con Endemol? Se dovesse accadere, ormai mi aspetto la qualunque, per Rai1 sarebbe un colpo duro, durissimo.



11. giacomo bartoluccio ha scritto:

15 gennaio 2015 alle 17:38

ODIO e mi vengono le convulsione su questo genere di programmi con bambini canterini ammaestrati come scimmiette, che cantano canzoni per grandi agghindati come i bambini da catalogo o da pitti bimbo



12. iki ha scritto:

15 gennaio 2015 alle 18:09

Perchè Rai1 si lascerebbe scappare TeQ?
Perchè Mediaset offre di più.
Come è stato per IGT tra Mediaset e Sky.
Oggi le regole della tv le fanno le case di produzione(Endemol,Magnolia,Fremantle etc.)
Comunque spero di no TeQ a Canale5



13. federiko24 ha scritto:

15 gennaio 2015 alle 18:57

Oh mio dio che shock! Tale e Quale a Canale 5! É una vera bomba-rumors!
Sarebbe uno shock anche per Rai 1 che si vedrebbe sottratto il programma di punta…Canale 5 invece farebbe un ottimo acquisto…inizia bene questo 2015!



14. XxdanyxX ha scritto:

15 gennaio 2015 alle 19:14

ok, canale 5 è interessata al tale e quale show…
ma far iniziare prima le nuove produzioni? :D
quest’anno iniziano un casino di nuovi programmi su mediaset, Rising Star (a stra rischio flop visto che solo in israele ha funzionato) e Shark Tank (versione americana STUPENDA, spero chiamino Briatore come squalo in italia) su tutte…

ma sarebbero da definire talent programmi come Rising Star, The voice, Amici (vi prego torniamo al nome saranno famosi) e Tale e Quale?

il problema è che gli unici veri e propri talent che io per esempio ho seguito sono solo quelli di Sky, fatti da dio.
Tale e quale lo vedo solo come un gioco, e The Voice in quanto a fabbricare talenti non ci è riuscito, ne in italia ne nel resto del mondo.
amici lo vedo solo come intrattenimento (coreografie stupende e direttori molto bravi), anche se talenti come Annalisa, Dear Jack e Emma (che non apprezzo) li ha dati.
X Factor è seriamente l’unico che ha uno studio del talento dietro, tra vocal coach e Sony Music perennemente attaccata per studiare al meglio il concorrente.



15. fill ha scritto:

16 gennaio 2015 alle 13:35

questi insulsi programmi con i bambini, x me, hanno strarotto!!!
ma lasciateli giocare senza metterli in pista x soddisfare genitori frustrati.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.