Un Medico in Famiglia



26
maggio

UN MEDICO IN FAMIGLIA 7: IL MATRIMONIO DI LELE CHIUDE UNA STAGIONE DA DIMENTICARE. CI SARA’ UN SEGUITO?

Giulio Scarpati e Francesca Cavallin in Un Medico In Famiglia

Complice una doppia messa in onda settimanale, arriva prima del previsto il gran finale di Un medico in famiglia 7. Terminano, infatti, questa sera alle 21,15 su Rai 1, le avventure della famiglia Martini, che, in questa settima stagione, hanno appassionato una media di poco inferiore ai 5.000.000 di spettatori con il 20% di share. Ascolti in media con quelli di altre fiction, ma certamente più bassi rispetto al glorioso passato.

Un calo giustificato più che da un’eventuale crisi del settimo anno, da una vera e propria mancanza d’idee e da una realizzazione alquanto approssimativa. Intendiamoci non che in passato la serie prodotta dalla Publispei abbia mai brillato per cura nella stesura dei dialoghi piuttosto che dell’intera linea narrativa.

Pecche e lacune autorali, in parte giustificate da continui forfait dei vari protagonisti, hanno da sempre caratterizzato la fiction e portato gli sceneggiatori a scrivere i più assurdi adattamenti. Mai si era però arrivati alla stesura di una trama così aggrovigliata, con intrecci di storie e vicende, affrontati in maniera superficiale. Una confusione di ruoli, in grado di rendere il tutto troppo caotico e poco credibile.




26
aprile

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (18-24/04). PROMOSSI DE FILIPPI E SCOTTI, BOCCIATI ORRU’ E DUE.

Virginia Raffaele nei panni di Eleonora Brigliadori

10 a Virginia Raffaele, imitatrice di Eleonora Brigliadori a Quelli che il Calcio. Erano anni che una parodia di un personaggio di un reality non si imponeva così prepotentemente all’attenzione. Sarafanna…

9 a Maria de Filippi. La conduttrice risulta da un sondaggio di Tv Sorrisi e Canzoni, che metteva a confronto le donne del piccolo schermo, la più affidabile per il pubblico. A Maria racconterebbero problemi, lascerebbero l’animale domestico e i propri figli. Con buona pace di Ventura e co.

8 all’ipotesi di Antonella Clerici a Miss Italia. La prima donna della Prova del Cuoco, con le sue rotondità, è la miglior scelta possibile per rivitalizzare un programma in stato comatoso da anni. Dopo il successo inatteso di Sanremo se dovesse farcela anche qui, chi la ferma più?

7 a Gerry Scotti che, messe da parte le lamentele verso la rete che lo “sfruttava”, si sta concedendo una stagione massacrante, a dispetto delle intenzioni. Un’”incoerenza” che sembra aver pagato visto che lo Show dei Record sta andando oltre ogni più rosea previsione consegnando a Canale 5 la leadership del giovedi sera. Un’ottima consolazione per la “perdita” del preserale.

6 all’edizione numero 11 di Grande Fratello. Ben pochi show avrebbero saputo resistere per 26 settimane contro i due programmi più visti dell’anno, pur non essendo gli ascolti quelli di un tempo e al di sotto delle potenzialità. Peccato che i contenuti non siano stati all’altezza di un’edizione troppo lunga e confusa delle cui vicende rimarrà ben poco.


26
aprile

DM LIVE24: 26 APRILE 2011. A PASQUA COME A NATALE.

Diario della Televisione Italiana del 26 Aprile 2011

>>> Dal Diario di ieri…

La Redazione comunica

Da oggi e fino a venerdi prossimo, Davide Maggio sarà ospite di Arianna Ciampoli, Laura Freddi e Georgia Luzi su Rai Radio 1 all’interno del programma No Comment in onda dalle 14.45 alle 15.30.

  • Sostituzioni last minute

Domy-paolaperego ha scritto alle 21:32

A Canale5 hanno deciso all’ultimissimo minuto di sostituire il film il 7 e l’8 di Ficarra e Picone con il Pesce innamorato di Pieraccioni!

  • A Pasqua come a Natale

Vincenzoo ha scritto alle 23:37

Il secondo episodio di “Un Medico in Famiglia”, andato in onda nel giorno della Pasquetta, è ambientato nelle festività natalizie. Per la serie: fare di tutta l’erba un fascio.

  • Il Punto G

lauretta ha scritto alle 19:03

Al Maurizio Costanzo Talk, Diaco afferma che Galeazzi, dopo l’appellativo di Costanzo, ora avrebbe una pagina su Facebook in cui viene definito ‘il punto G del Maurizio Costanzo talk’.





14
aprile

UN MEDICO IN FAMIGLIA: E’ ARRIVATA LA CRISI DEL SETTIMO ANNO?

Un Medico in Famiglia 7

Tornano questa sera con due nuovi episodi le avventure della famiglia Martini, partite lo scorso 27 marzo nella prima serata della domenica e in seguito trasferite al prime time del giovedì. Una scelta azzardata da parte dei vertici di Rai 1 che nella serata domenicale hanno preferito puntare sulla nuova fiction Un passo dal cielo con protagonista Terence Hill. Se da una parte la serie tv, ambientata in Alta Val Pusteria, ha pienamente raggiunto le aspettative portando a casa oltre 6 milioni di spettatori, dall’altra Un medico in famiglia sembra aver sofferto lo spostamento alla giornata infrasettimanale.

I due episodi della scorsa settimana sono stati rispettivamente seguiti da 5.322.000 spettatori (18,62% di share) e 4.697.000 spettatori (18,81% di share). Ascolti in linea con molte altre fiction trasmesse dalla stessa Rai1 ma decisamente inferiori ai risultati delle precedenti edizioni, per una serie considerata da sempre fiore all’occhiello della tv pubblica. Già nel 2007, la quinta stagione abbandonò la storica collocazione domenicale per la serata del giovedì. Gli ascolti calarono, ma all’epoca si preferì attribuire le colpe del mancato interesse alla svolta indiana presa dalla sceneggiatura. La nuova famiglia capitana da Kabir Bedi, in effetti, ben poca attrattiva suscitò nel pubblico, al punto da sparire nel nulla nella stagione successiva.

Nel 2009, invece, la messa in onda della fiction al martedì non sembrò risentire del cambiamento portando a casa ascolti record che, negli episodi finali, riuscirono ad abbattere persino il muro degli 8 milioni. Il passaggio dal giorno festivo a quello feriale, in realtà, non sembrerebbe l’unica causa del calo d’ascolti che andrebbe ricercato altrove. Un grande handicap è indubbiamente rappresentato dall’assenza di una figura storica come quella di Nonno Libero, vera colonna portante della serie: un’assenza pesante, quella del personaggio interpretato da Lino Banfi, che non può essere in alcun modo sostituita dal neo-nonno Lele, ancora troppo legato al ruolo di padre e soprattutto di fidanzato.


4
aprile

DM LIVE24: 4 APRILE 2011. GIORDANA RAPPA, LA DEL BASSO RITORNA, PLATINETTE RIFIUTA.

Diario della Televisione Italiana del 4 Aprile 2011

>>> Dal Diario di ieri…

  • Nuovo rap di Giordana

mats ha scritto alle 17:30

A Domenica 5, nuovo rap di Giordana contro Guendalina. Per scherzo, Parpiglia comunica che Mario Fargetta ha chiamato per produrre il disco di Giordana e Guendalina, forse ignara del fatto che la Panicucci è la moglie di Fargetta, ha risposto: “direttamente dal manicomio ha chiamato!”

  • Chi non muore si rivede

lauretta ha scritto alle 21:54

A Un medico in famiglia fa la comparsa una vecchia conoscenza : l’ex gieffina Cristina Del Basso.

  • No di Platinette a Santoro

domy-paolaperego ha scritto alle 23:02

Platinette ha raccontato un aneddoto che la lega a Michele Santoro. “Sono stata invitata un paio di volte in trasmissione da Santoro, – spiega a Maria Latella durante l’intervista di ‘Scusi, lei è favorevole o contrario?’, – inviti poi ritirati dopo una prima telefonata con una redattrice che chiedeva in anticipo i contenuti delle mie risposte. Dopodiché non mi hanno più chiamato”.





28
marzo

UN MEDICO IN FAMIGLIA: L’AFFETTO PER I PROTAGONISTI GARANTISCE IL SUCCESSO E PERDONA LE PECCHE DEGLI SCENEGGIATORI.

Un Medico in Famiglia 7, il cast

Buon riscontro di pubblico per Un medico in famiglia che tornato sugli schermi di Rai 1 con la settima stagione è stato seguito da 6.387.000 spettatori e il 22,14% di share nel primo episodio e da 5.947.000 e il 26,24% di share nel secondo. Un’accoglienza di tutto rispetto per l’amatissima famiglia Martini che a distanza di 13 anni spinge ancora tanti telespettatori a seguire le vicende della famiglia più allargata d’Italia.

Una delle ragioni potrebbe risiedere nel target di pubblico intergenerazionale al quale la fiction si rivolge riuscendo a catturare, dunque, l’attenzione dei bambini, dei ragazzi, ma anche degli adulti e degli anziani. Un medico in famiglia è a tutti gli effetti, nella tv di oggi, uno dei pochi prodotti  in grado di riunire davanti al piccolo schermo l’intero nucleo familiare.

Un altro elemento di successo è sicuramente dovuto all’ atmosfera positiva che aleggia nella fiction dando vita, per finzione, ad una realtà più che rassicurante, perfetta per un pubblico alla ricerca di distensione e svago davanti alla tv. Alzi la mano chi non ha mai pensato almeno una volta di andare a vivere a casa dei Martini in quella villetta in cui tutto invita alla tranquillità e alla leggerezza, dove anche nei momenti più difficili si respira un’atmosfera confortante. Basta un po’ di buona volontà e tutti i problemi  si risolvono senza fatica alcuna.


27
marzo

UN MEDICO IN FAMIGLIA: TUTTI I NUMERI DI UN SUCCESSO LUNGO 13 ANNI

Un Medico in Famiglia

Nel dicembre del 1998, i telespettatori italiani reduci dalle vicende strappalacrime del pediatra Paolo Magri alias Massimo Dapporto in Amico Mio, ma soprattutto fortemente provati dalla guerra a colpi di amniocentesi e visite ginecologiche tra Barbara D’Urso in la Dottoressa Giò (Rete 4) e Elisabetta Gardini nelle vesti di Laura Andrei in Una donna per amico (Rai 1), tutto potevano augurarsi, meno che un’ennesima fiction a carattere ospedaliero. Difficilmente avrebbero pensato che dietro il titolo Un medico in famiglia, si nascondesse un’offerta ben diversa rispetto alle più classiche fiction con protagonisti i camici bianchi.

Le avventure della famiglia Martini, partite il 6 dicembre del 1998, riescono in breve tempo a conquistare il pubblico, portando la serie a registrare ascolti al di sopra dei 10 milioni di spettatori. Un totale di 52 episodi in onda sino al 30 maggio, quando il gran finale con Lele (Giulio Scarpati) che dichiara il suo amore alla cognata Alice (Claudia Pandolfi), incolla al video quasi 11 milioni di persone (45,41% di share).  Un successo senza precedenti, per una serie andata in onda sesta sosta per 25 settimane, diventando l’appuntamento per eccellenza della domenica sera in tv.  Una vetrina importante per  Scarpati e la Pandolfi, ma soprattutto un’occasione di rilancio per Lino Banfi, che grazie al ruolo di Nonno Libero riesce a reinventarsi attore di fiction di successo. Il finale aperto con protagonisti Lele e Alice, crea grande attesa per la nuova serie, le cui riprese iniziano ad appena 15 giorni dalla fine della messa in onda della prima stagione. I nuovi 26 episodi, trasmessi da Rai 1 a partire dal 27 febbraio 2000, confermano il successo, portando la serie ad una media di circa 10 milioni di spettatori ed uno share del 37%.

Un medico in famiglia, diventa quindi un vero e proprio fenomeno televisivo,  tutti conoscono le avventure della famiglia Martini. Dopo un’attesa lunga 3 anni e le fallimentari trattative per poter vedere ancora nel cast Lele e Alice, ormai sposi, la terza stagione prende il via il 16 marzo 2003. Lino Banfi diventa il protagonista assoluto, sulle cui spalle pesa l’intera famiglia. L’arrivo di Pietro Sermonti nei panni del nuovo medico in famiglia Guido Zanin, e la sua storia d’amore con la primogenita di casa Maria Martini, riescono a mantenere inalterato il clima e il successo della fiction. La media d’ascolto è di 8.184.000 spettatori con uno share del 30 % circa.


26
marzo

UN MEDICO IN FAMIGLIA 7 AL VIA DOMANI SERA SU RAI 1. GRANDI ASSENTI LINO BANFI E PIETRO SERMONTI

Un Medico in Famiglia 7, il cast

Ci siamo, il conto alla rovescia è già iniziato, poche ore ci separano ormai dalla partenza della settima stagione di Un medico in famiglia. Inizia infatti domani sera alle 21.30 su Rai 1 una nuova saga dei Martini. La famiglia più allargata della tv italiana è pronta a tornare con 26 nuovi episodi, in onda per 13 prime serate. Una nuova serie segnata da defezioni importanti come quella di Lino Banfi, finalmente Libero di nome e di fatto dalla fiction che per anni lo ha visto protagonista, e quella di Pietro Sermonti, deciso ad interrompere definitivamente la sua esperienza nella serie. Per il dottor Guido Zanin, nessuna partenza per l’Australia e neppure un misterioso naufragio in mare, ma un decisamente più realistico incidente stradale nel quale ha perso la vita.

Le vicende dei Martiri riprenderanno a tre anni da quel  tragico incidente. Tutta la famiglia si stringerà attorno a Maria (Margot Sikabonyi), che cercherà di tornare alla normalità dedicandosi anima e corpo al lavoro. L’amore, però, in quel di Poggio Fiorito è sempre in agguato. Maria portando la piccola Palù (Sofia Corinto) all’asilo, conoscerà  Marco (Giorgio Marchesi), aitante giornalista e padre single di un compagno di asilo della bambina, con il quale instaurerà un legame piuttosto tormentato. A complicare ulteriormente la situazione anche l’entrata in scena di Francesco (Giovanni Scifoni), uno psicologo del Tribunale dei Minori, che dopo alcuni malintesi e divergenze professionali si invaghirà di Maria.

Anche il capofamiglia Lele (Giulio Scarpati), avrà come suo solito il suo bel da fare in campo sentimentale. La strada verso il  matrimonio con l’amata  Bianca (Francesca Cavallin) è ostacolata da numerosi imprevisti. La mancanza di alcuni documenti sul  divorzio della bella cioccolataia dall’ex marito Gus (Paolo Conticini) rallenterà i preparativi per il lieto giorno. Lo stesso Gus, arricchitosi dopo aver inventato un videogioco rivoluzionario, tenterà di riconquistare l’ex moglie e la figlia Inge (Yana Mosiychuk) creando più di una preoccupazione a Lele. Nel frattempo il dottor Martini, tanto saggio nel dispensare consigli  ai figli, quanto immaturo e facile all’innamoramento, pur amando Bianca, non rimarrà indifferente al fascino di Virginia (Giorgia Surina), giovane dottoressa che collabora con lui nella ricerca sulla granulomatosi di Wegener.