turchia



3
dicembre

Telenovelas: l’impero turco

Binbir Gece

Binbir Gece

In Italia, forse, si sa poco ma il maggiore esportatore di fiction al mondo dopo gli Stati Uniti è la Turchia. Grazie ai suoi melodrammi superclassici ma anche ad alcune serie che strizzano l’occhio al genere thriller, il paese della Mezzaluna riesce da ormai quindici anni ad esportare i suoi prodotti in tutta l’Asia, l’Africa e nell’est Europa. Nel 2014 ha poi compiuto il grande salto nei mercati occidentali, America Latina in testa.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,




18
maggio

EUROVISION SONG CONTEST 2013: TV TURCA NON TRASMETTE L’EVENTO PER COLPA DEL BACIO LESBO?

Esibizione della Finlandia all'ESC

Polemica in Turchia per la trasmissione della finale dell’Eurovision Song Contest 2013, che si terrà stasera. La rete pubblica turca, TRT, ha annunciato che non trasmetterà il contest poichè potrebbe avere un ascolto inferiore rispetto all’anno scorso, vista la loro assenza.

Ma a sentire i gruppi LGBT turchi le ragioni sarebbero diverse da quelle citate dalla rete pubblica dell’ex impero ottomano. La decisione sarebbe stata presa per non trasmettere il bacio saffico che si vedrà in una delle esibizioni, più precisamente durante l’esibizione finlandese. La rappresentante del paese scandinavo, Krista Siegfrids, vestita con un abito da sposa molto seducente termina la sua performance baciando una delle ballerine per rivendicare i diritti della comunità omosessuale. La Turchia avrebbe già annullato la trasmissione della seconda semifinale per lo stesso motivo.

Ricordiamo che quest’anno il Paese non partecipa per protesta contro il nuovo voto della giuria di qualità e per la rinnovata presenza dei “Big five”, ossia le cinque nazioni (tra cui l’Italia) che vanno di diritto in finale.


19
agosto

CONVERTI L’ATEO E ZONE XTREME: LA NUOVA FRONTIERA DEI REALITY. LI VEDREMO MAI IN ITALIA?

Converti l’Ateo

Metti nella stessa stanza un imam musulmano, un prete cristiano, un rabbino ebreo, un monaco buddista, dieci atei e miriadi di telecamere: cosa ottieni?

Un nuovo Credo? Probabile, forse possibile, ma non è questo quello che vogliono Seyhan Soylu, famoso transessuale turco noto ai più come “Sisi”, e Ayşe Önal, Miss Turchia 1999, ideatori di una nuova frontiera del reality. Quello che inseguono è il successo: la formula per raggiungerlo si chiama Tövbekarlar Yarışıyor, ovvero Converti l’ateo. L’ultima frontiera del religious reality show andrà in onda a partire da settembre su Kanal T, giovanissima rete turca. I capi spirituali delle religioni più diffuse al mondo si sfideranno a colpi di dogmi, al fine di persuadere, ogni settimana, almeno uno dei dieci atei partecipanti ad aderire al proprio credo. In premio, per l’ateo convertito, un viaggio nel luogo di culto simbolo della religione che si è scelto di adorare.

Stando all’intervista rilasciata all’Hürriyet Daily News & Economic Review da Ahmet Özdemir (qui potete leggere alcuni stralci dell’intervista), Converti l’ateo è una formula unica al mondo, che “aiuterà a capire meglio i diversi credo religiosi”, i quali ormai fanno parte del melting pot in cui quotidianamente viviamo. Come ha più volte ribadito Ahmet Özdemir, direttore di Kanal T, “ognuno è libero di credere in quello che vuole. Il nostro programma non vuole forzare nessuno. E può trasformarsi in una opportunità per gli atei di dire quello che pensano.”.