Tullio Solenghi



5
giugno

FURORE: TULLIO SOLENGHI SPERA GIA’ IN UNA SECONDA STAGIONE. E INTANTO LA MARTINES ANNUNCIA UN COLPO DI SCENA

Furore - Il vento della speranza - Tullio Solenghi

Questa sera andrà in onda la quarta delle sei puntate di Furore – Il Vento della Speranza, la fiction di Canale 5  - oggi 5 giugno 2014 in onda eccezionalmente di giovedì – che sta collezionando buoni ascolti classificandosi come una delle più viste dell’intera stagione Mediaset (qui le anticipazioni di stasera). La narrazione è ancora nel pieno del suo svolgimento ma intanto c’è già chi pensa ad un eventuale secondo capitolo.

Furore: Tullio Solenghi vorrebbe vestire ancora i panni del sindaco Belgrano

Trattasi di Tullio Solenghi, storico membro del trio con Anna Marchesini e Massimo Lopez, che in Furore dà vita ad un bel personaggio: il sindaco Gianluca Belgrano, colui che incarna quel vento della speranza appieno poiché quasi unico cittadino del nord a non guardare con sospetto gli immigranti meridionali. Il sindaco di Lido Ligure è un uomo buono, equo e costruttivo, che tenta di aiutare i nuovi venuti ad ambientarsi e che mal tollera il razzismo imperante intorno a lui.

La natura di questo personaggio è stato il principale motivo che ha spinto Solenghi a darsi nuovamente alla fiction dopo la partecipazione alla nona stagione di Distretto di polizia. E l’esperienza deve essergli piaciuta, visto che dalle pagine di Tv Sorrisi e canzoni auspica un nuovo capitolo delle vicende di Vito, Sara, Concetta: “(ci sarà una nuova stagione?) bisognerebbe chiederlo agli sceneggiatori, io spero di sì. Di solito, se le cose funzionano, si replicano“. E in effetti tutto lascia presagire che un futuro per Furore ci sia, soprattutto perché difficilmente vedremo quello di Baciamo le mani – Palermo New York 1958, l’altro successo Ares di questa stagione il cui finale era già chiuso.

Furore: colpo di scena in arrivo




13
maggio

FURORE: IL VENTO DELLA SPERANZA SOFFIERA’ DA DOMANI SERA SU CANALE 5

Furore - Il Vento della Speranza

Tornano su Canale 5 le tinte forti della Ares Film con una nuova storia fatta di passioni, soprusi, ingiustizie e vendette: da domani – mercoledì 14 maggio 2014 – andrà in onda Furore – Il Vento della Speranza, una serie in sei puntate da settantacinque minuti ciascuna che porta la firma di Teodosio Losito, reduce dalle “fatiche” di Rodolfo Valentino – La leggenda.

Furore – Il Vento della Speranza: con Francesco Testi e Massimiliano Morra anche Tullio Solenghi

E direttamente dalle avventure del latin lover più famoso del mondo arrivano anche Cosima Coppola, Giuliana De Sio, Angela Molina, Elena Russo e Yuri Gugliacci ai quali si aggiungono i volti ormai immancabili nei successi Ares di Francesco Testi, Massimiliano Morra, Alessandra Martines, Sergio Arcuri e Stefano Dionisi. A completare il quadro di un racconto corale, che pullula di personaggi dalle più diverse provenienze ed estrazioni sociali, arriva Tullio Solenghi, che si affaccia nuovamente alla fiction italiana dopo aver interpretato il PM Davide Castelli nella nona stagione di Distretto di Polizia.

Non una storia di criminalità ma una storia di razzismo, di immigrazione. La storia dei Licata, decisi alla fine degli anni ‘50 a trasferirsi dalla Sicilia alla Liguria in cerca di fortuna e costretti a vivere in un mondo ostile dove sentirsi “terroni” e rifiutati. La loro nuova quotidianità nel budello, un fatiscente quartiere di periferia trasformato quasi in un ghetto per gli immigrati, la loro lotta contro i poteri forti e il conflitto che scoppia tra i fratelli Vito (Francesco Testi) e Saruzzo (Massimiliano Morra): l’uno disposto a subire per il bene della famiglia, l’altro deciso a ribellarsi ai soprusi.

Non mancheranno ovviamente le storie d’amore appassionate e sbagliate fin dall’origine, come quella tra Vito e la prostituta Orchidea/Concetta (Cosima Coppola) e quella tra Saruzzo e Irma (Giuliana De Sio), una sindacalista più grande di lui ma che come lui si batte con coraggio per migliorare le condizioni di lavoro degli operai. A seguire, le anticipazioni della prima puntata, in onda domani sera su Canale 5.

Furore – Il Vento della Speranza: anticipazioni prima puntata del 14 maggio 2014


19
aprile

DAVID DI DONATELLO 2012: LA CERIMONIA IN DIRETTA SU RAI MOVIE IL 4 MAGGIO

David di Donatello 2012

Puntuale come ogni anno, al termine della stagione cinematografica, torna l’appuntamento con i David di Donatello, gli ambiti e prestigiosi riconoscimenti destinati a premiare le migliori produzioni e i più amati protagonisti del grande schermo. Per tutti gli appassionati di cinema, l’appuntamento è fissato per venerdì 4 maggio all’Auditorium Conciliazione di Roma. La cerimonia, giunta alla sua 56^ edizione, sarà trasmessa in diretta, dalle 17.30, su Rai Movie, e in differita alle 23.20 su Rai1 e Rai Internazionale.

La sfida in questa edizione è tra Marco Tullio Giordana con Romanzo di una strage (16 candidature), Nanni Moretti con Habemus papam (15 candidature) e Paolo Sorrentino con This Must Be the Place (14 candidature). Tutti e tre si contendono il premio per il miglior film insieme ai fratelli Taviani con Cesare deve morire (8 nomination) e Terraferma di Emanuele Crialese (3 candidature).

I cinque registi gareggiano anche per la miglior regia insieme a Ferzan Ozpetek, con Magnifica presenza (8 nomination). Moretti, Taviani, Giordana e Sorrentino si sfidano anche per la miglior sceneggiatura insieme a Francesco Bruni con Scialla! e, per il miglior produttore, con il film Io sono lì di Andrea Segre, candidato anche come miglior regista esordiente insieme a Stefano Sollima per ACAB, Alice Rohrwacher per Corpo celeste, Guido Lombardi per La-bas e lo stesso Francesco Bruni. 





6
maggio

DAVID DI DONATELLO 2011: IN DIRETTA SU RAI MOVIE LA FESTA DEL CINEMA ITALIANO.

David Di Donatello 2011

Preceduta da una scia di polemiche dovute alle mancate candidature per il film rivelazione dell’anno Che bella giornata di Checco Zalone (presente esclusivamente nella categoria miglior canzone originale), si terrà questo pomeriggio la consegna dei prestigiosi David di Donatello. La cerimonia, giunta alla sua 55^ edizione, andrà in onda alle 17.00 in diretta dall’Auditorium della Conciliazione di Roma su Rai Movie e in differita alle 23,20 su Rai 1 e Rai Internazionale. Padrone di casa per il quinto anno consecutivo sarà Tullio Solenghi, pronto con il suo piglio e la sua ironia, a dare maggiore ritmo a una serata da sempre caratterizzata da un clima sin troppo austero.

La cerimonia arriva a conclusione di una stagione particolarmente fortunata per il nostro cinema, dimostrata da incassi record e dalla stessa serata, che vede in lizza nelle varie categorie, un totale di ben 27 titoli. Maggior numero di candidature, 13, per Noi credevamo di Mario Martone, 10 a Benvenuti al Sud di Luca Miniero, 8 a La nostra vita di Daniele Luchetti, a pari merito con Basilicata coast to coast di Rocco Papaleo, 20 sigarette di Aureliano Amadei e Vallanzasca, gli angeli del male di Michele Placido, 4 a Una vita tranquilla di Claudio Cupellini.

Nell’ambito della cerimonia si assegneranno inoltre i David Speciali alla Carriera votati dal Consiglio Direttivo dell’Accademia; Il Premio David per il miglior documentario di lungometraggio e quello per il miglior cortometraggio, votati da una giuria presieduta da Andrea Piersanti e composta da Francesca Calvelli, Enzo Decaro, Paolo Fondato, Enrico Magrelli, Mario Mazzetti, Paolo Mereghetti e il Premio David Giovani, assegnato da un’altra giuria composta da più di seimila studenti delle scuole superiori di tutta Italia. Quest’anno, in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia, un David speciale sarà consegnato al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano al Quirinale.


7
maggio

DAVID DI DONATELLO: IN SECONDA SERATA SU RAIUNO I PREMI AL CINEMA ITALIANO. VIDEO INTERVISTA AL CONDUTTORE TULLIO SOLENGHI.

I David di Donatello giungono alla 54^edizione. La cerimonia di premiazione si terrà all’Auditorium Conciliazione a Roma e verrà presentata per il secondo anno consecutivo da Tullio Solenghi. La cerimonia andrà in onda alle ore 18.30 in diretta su Raisat Cinema mentre i telespettatori delle generaliste dovranno accontentarsi di una differita in onda alle ore 23.20 su Raiuno, dopo la serata finale di Ciak si canta! (anche se il programma di Pupo continuerà con due speciali “estate” fino al 21 maggio).

Nell’ambito della cerimonia si assegneranno i quattro David Speciali alla carriera a Tonino Guerra, Lina Wertmüller, Bud Spencer e Terence Hill, votati a norma di Statuto dal Consiglio Direttivo dell’Accademia, il Premio David per il miglior documentario di lungometraggio e quello per il miglior cortometraggio, votati da una Giuria presieduta da Andrea Piersanti e composta da Francesca Calvelli, Enzo Decaro, Paolo Fondato, Enrico Magrelli, Mario Mazzetti, Paolo Mereghetti e il Premio David Giovani, assegnato da un’altra Giuria composta da più di seimila studenti delle scuole superiori di tutta Italia, che verrà consegnato da Luigi Abete, Presidente di BNL-Gruppo BNP PARIBAS.

La serata sarà ricca e celebrerà il cinema italiano che anche in questa stagione ha ottenuto buoni consensi dalla critica e ottimi incassi. In pole position con ben 18 candidature c’è “La prima cosa bella” di Paolo Virzì che dovrà vedersela con il film di Giorgio Diritti “L’uomo che verrà” con 16 candidature e con “Vincere” di Marco Bellocchio che ne ha ottenute 15. Tra i favoriti anche “Baarìa” di Giuseppe Tornatore in lizza per 14 statuette e “Mine vaganti” di Ferzan Ozpetek, per 12. L’appuntamento è per questa sera in seconda serata su Raiuno.

Nel frattempo, dopo il salto, video intervista al conduttore Tullio Solenghi a cura del nostro Carmelo Aurite e TUTTI I VINCITORI:





15
agosto

DISTRETTO DI POLIZIA 9: AL X TUSCOLANO ARRIVANO TULLIO SOLENGHI E NATASHA STEFANENKO

Ah commissà! Semo in pericolo!”.. “fèrmate o sparo!”: quanti ricordi, ispettore Mauro Belli! Probabilmente il ritorno del poliziotto interpretato da Ricky Memphis in “Distretto di Polizia” sarebbe invocato da molti fans ancora speranzosi, ma forse è meglio evitare “sedute spiritiche mediatiche” e lasciare il corpo e lo spirito dell’ispettore ovunque essi siano, perché di nuova “riesumazione-a-favor-di-sequel” proprio non ce n’è bisogno.


9
marzo

UN TRIO DA ARCHIVIARE CONTRO UNA CORRIDA SEMPRE IN FORMA

Non Esiste più la Mezza Stagione VS La Corrida @ Davide Maggio .it

Non è andata come si sperava e probabilmente non poteva che essere così.

Se il ritorno di Anna Marchesini, Tullio Solenghi e Massimo Lopez nella composizione originaria voleva celebrare, dopo 25 anni, tre personaggi adesso artisticamente in discesa, l’obiettivo non è stato raggiunto.

Non Esiste Più La Mezza Stagione, titolo molto Ballandi ma poco “azzeccandi”, è stato un programma dallo scarsissimo appeal che si è limitato, al pari di Ieri e Oggi in TV in onda su Rete4 a notte fonda, a riproporre spezzoni storici di vecchie, seppur indimenticabili gag.

I vari promo che impazzavano sulle reti della tv di Stato lasciavano sperare in ben altro tipo di show. L’originale trovata dell’intercettazione telefonica faceva supporre che il Trio sarebbe tornato in una veste senz’altro al passo coi tempi dopo 16 anni di riposo.

Fuori luogo perchè inadatto al prime time del sabato sera dell’ammiraglia della Rai e fuori tempo per aver proposto uno show datato e… già visto.

Non s’erano visti, invece, i tre componenti del Trio così fuori forma. Una quasi irriconoscibile Anna Marchesini, un Tullio Solenghi che è più divertente negli spot Lavazza e un Massimo Lopez unica eccezione ma con una pesante eredità cangurottesca da scrollarsi di dosso.

E l’inopportunità di uno show così strutturato è stata chiara sin dai primi minuti quando è stata avvertita l’impellente necessita di impugnare il telecomando per cambiare canale, a favore delle concorrenza.

La cosa singolare è che, da ieri, Canale5 ripropone uno show altrettanto datato ma che, nonostante l’età decisamente più veneranda di quella del trio, riesce ad essere ancora apprezzato e gradito dai telespettatori.

Ma così non è stato e il telespettatore si è imbattuto in un revival fuori luogo e soprattutto fuori tempo.

Continua a leggere il post :