Truffa



3
ottobre

Condannato il padre delle Selassiè: «Ha fatto della truffa una ragione di vita»

Le Sorele Selassiè

La favola delle principesse è finita come un incubo. Il padre di Clarissa, Jessica e Lulù Selassiè, Makonnen Hailé Selassie (che in realtà si chiamerebbe Giulio Bissiri), è stato condannato a sei anni di carcere. Definito dal giudice -  come riporta la tv svizzera – uno che “della truffa ha fatto una ragione di vita” e che “ha usato i soldi delle sue vittime per fare una vita da nababbo“, ha messo su un’articolata operazione ai danni di alcuni uomini d’affari.




29
settembre

Scandalo al GFVip: il padre delle principesse Selassié arrestato per truffa e falsità in documenti

Principesse gf

Le Principesse del GF Vip 7

Da principesse a Cenerentole. La bugia sulla laurea era solo l’antipasto su quello che le rampanti sorelle di Grande Fratello Vip 2021 nascondono del loro presente e del loro passato. Nessuno in quel di Cinecittà sapeva, infatti, che il signor Aklile Berhan Makonnen Hailé Selassié fosse stato arrestato lo scorso giugno in Lussemburgo per poi essere estradato in Svizzera. Attualmente si trova in carcere con l’accusa di truffa e falsità in documenti


23
aprile

Supervivientes, Valeria Marini parla della truffa subita dalla madre Gianna Orrù che a sorpresa appare in collegamento. “Sono qui per uscire da un anno tremendo”

Supervivientes

Supervivientes

Valeria Marini comincia a ritagliarsi uno spazio a Supervivientes. Nella puntata di ieri, dopo un divertente scambio di battute con il conduttore Jorge Javier Vázquez (lei gli dice ‘ti amiamo’, lui: ‘ma non mi conosci!’), Vale (così vuole essere chiamata) ha avuto modo di parlare del rapporto con sua madre e della truffa subita dalla donna. Nel corso del terzo galà della versione iberica dell’Isola Dei Famosi, andato in onda ieri sera su Telecinco, il conduttore, mostrando le immagini di una Valeria preoccupata, ha rivelato al pubblico spagnolo il raggiro che sarebbe costato a Gianna Orrù ben 325.000 euro.





26
marzo

Finto reportage sulla ‘Ndrangheta venduto a Discovery: 4 indagati per truffa in concorso

Clandestino - Mafie italiane

Avevano girato un falso reportage sulla ‘Ndrangheta in Lombardia ed erano riusciti a venderlo a  Italia per 425 mila euro. La società televisiva, ignara del raggiro, lo aveva persino trasmesso sul nel novembre 2019. A due anni dall’accaduto, la Procura di Milano ha emesso un avviso di conclusione delle indagini preliminari ed informazione di garanzia nei confronti di quattro persone (una residente in Italia, le altre tre in Spagna) con l’accusa di truffa in concorso.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,


28
gennaio

Barbara D’Urso: «Siamo stati truffati» – Video

Pomeriggio Cinque

Pomeriggio Cinque

Barbara D’Urso fa sentire la sua voce. Da qualche giorno, Pomeriggio Cinque si sta occupando della storia di Giovanna, una signora di 89 anni che vive da cinque anni, insieme al figlio, in un garage di Ostia senza acqua né riscaldamento. La vicenda ha fatto breccia nel cuore dei telespettatori, in particolare in quello di un uomo che aveva scritto alla trasmissione per mettere a disposizione dei due un alloggio e offrire un lavoro.





4
aprile

Gettoni d’oro, truffa alla Rai: indagati cinque funzionari della Zecca

Rai, gettoni d'oro

Il raggiro sui interessava i giochi a premi di alcune trasmissioni Rai. Tra di esse, La Prova del Cuoco, Affari tuoi, I Fatti vostri, Super Brain. Ad operarla sarebbero stati cinque fra funzionari ed ex funzionari del Poligrafico e Zecca dello Stato, che sono stati denunciati dalla Guardia di Finanza per truffa aggravata e frode in pubbliche forniture. Secondo l’accusa, gli indagati avrebbero finto di produrre gettoni d’oro facendoli però risultare come emessi tramite documentazioni false, con l’obiettivo di ottenere incentivi legati al raggiungimento degli obiettivi di gestione.


5
ottobre

MINGO, L’EX INVIATO DI STRISCIA LA NOTIZIA ACCUSATO DI TRUFFA A MEDIASET

Mingo De Pasquale

Avrebbe truffato Mediaset per 170mila euro con la complicità di sua moglie. La Procura di Bari ha chiuso le indagini su Domenico De Pasquale, in arte Mingo: l’ex inviato di Striscia la Notizia è accusato di essersi fatto pagare dieci servizi televisivi che denunciavano episodi di malaffare in realtà mai verificatisi e frutto di fantasia. Oltre all’attore barese, le indagini hanno coinvolto anche la moglie Corinne Martino, amministratrice della società Mec Produzioni Srl, che aveva sottoscritto il contratto con Mediaset.


15
dicembre

“ARRIVA LA D’URSO, METTETE LE LUMINARIE”. MA E’ UNA TRUFFA

Barbara DUrso

Per rendere più credibile la truffa avrebbero usato anche il nome di Barbara D’Urso. A insaputa della conduttrice, ovviamente. I soliti ignoti, stavolta, hanno aguzzato l’ingegno: a San Costanzo (PU), alcuni cittadini hanno ricevuto telefonate da sconosciuti che li invitavano a recarsi in Comune per ritirare le luminarie in vista dell’arrivo in paese delle telecamere di Canale5. In realtà, si trattava di un raggiro.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,