The Walking Dead



30
ottobre

THE WALKING DEAD: IN ARRIVO QUARTA E QUINTA STAGIONE?

The Walking Dead

Manca ancora l’ufficialità, ma arriva dagli Stati Uniti la conferma che The Walking Dead potrebbe essere prolungato per almeno altre due stagioni. È questo quanto emerge dall’intervista che Glen Mazzara, showrunner della fortunata serie targata AMC, ha rilasciato al magazine americano Assignmentx.

L’autore di TWD, serie trasmessa in Italia da Fox e giunta alla terza stagione, pur augurandosi che la serie duri a lungo, magari dando vita a spin off, ha però chiarito subito che per ora immagina concretamente “soltanto gli scenari e le ambientazioni per la quarta e la quinta stagione”, dettagli che peraltro non ha condiviso ancora con nessun membro dello staff. “Ma -ha concluso Mazzara per la gioia dei fan- potremmo andare ovunque con questa storia. Se osservate i nostri episodi, vedrete che sono tutti diversi tra loro. Alcuni hanno gli zombie, altri no”*.

Il successo mondiale della serie, che negli USA ha catalizzato l’attenzione di milioni di spettatori, e in Italia sta facendo registrare un buon riscontro di ascolti, ha fatto riflettere gli autori della casa AMC, tanto da spingerli a pensare anche ad un videogame. È ormai ufficiale, infatti, anche la notizia che Activision svilupperà ”The Walking Dead: Survival Instinct”,  in uscita nel 2013.




16
ottobre

THE WALKING DEAD 3: E’ L’ORA DELLA SPERANZA PER RICK GRIMES E GLI ALTRI SOPRAVVISSUTI

The Walking Dead

Dobbiamo entrare uno a fianco dell’altro, questi stronzi non hanno speranze”. Se l’esercito di Sparta, durante l’era antica, era schierato secondo la famosa tecnica della falange, l’ultimo drappello di sopravvissuti all’invasione degli zombie in The Walking Dead non è da meno. E, nell’attesissimo esordio della terza stagione della serie targata AMC, il loro “generale” Rick Grimes li porta sin da subito, compatti, alla conquista della prigione abbandonata, che si era intravista nell’ultima scena della seconda stagione.

Comincia così il nuovo ciclo di episodi di The Walking Dead, andato in onda ieri sera – 15 ottobre – su Fox. Qui non si tratta più, però, di combattere eserciti di soldati più o meno organizzati, bensì orde di zombie assetati solo di sangue umano. Così anche una prigione, di solito simbolo di una pena da scontare, può diventare un ambito rifugio, grazie alla beffarda trovata degli autori. Anche se, a ben vedere, questa prigione ha ben poco di abbandonato, e ancora meno di sicuro.

Ex guardie carcerarie ed ex sceriffi, nel frattempo diventati zombie, risvegliano i loro peggiori istinti, alla vista del gruppo guidato da Rick. Il vero colpo di scena, però, avviene al termine dell’episodio, quando si palesa un gruppo di sconosciuti, che per giunta paiono vivi e vegeti. Saranno una nuova minaccia per i protagonisti che abbiamo conosciuto finora? Lo scopriremo presto, ma ciò che emerge chiaramente da questo primo episodio è la speranza. La prigione abbandonata, all’inizio, rappresenta una speranza concreta di salvezza. Il gruppo di sconosciuti, apparso alla fine dell’episodio, potrebbe rappresentare per il gruppo di Rick la speranza di non essere più soli, contro gli zombie.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


15
ottobre

THE WALKING DEAD 3: GLI ZOMBIE SONO TORNATI. DA STASERA SU FOX

The Walking Dead

Combatti i morti, preoccupati dei vivi”. A sette mesi di distanza dall’ultimo episodio della seconda stagione, l’attesa dei fan è finita: arriva in Italia la terza stagione di The Walking Dead, serie tv americana targata AMC. La serie – firmata da Glen Mazzara, dopo l’abbandono di Frank Darabont, coideatore e regista della prima stagione – è tratta dal fumetto omonimo di Robert Kirkman, e racconta la lotta per la sopravvivenza di un drappello di uomini e donne che combattono contro gli zombie.

Immersi in uno scenario apocalittico, dove le città sono distrutte e gli zombie danno la caccia ai vivi per cibarsi, i pochi sopravvissuti sono guidati da Rick Grimes, un ex poliziotto cui si affidano i protagonisti della serie per salvare sé stessi da un destino che pare segnato. Gli episodi sono contrassegnati da un continuo ricorso ai flashback, che illuminano le vite dei personaggi, precedenti alla disastrosa invasione degli zombie. La serie è contraddistinta anche dalla sistematica rimozione di alcuni tra i personaggi principali, che escono di scena proprio nel momento di massima immedesimazione da parte del pubblico.

Una “cattiveria” rituale, perpetrata dagli autori, che però sembra aver riscosso il favore del pubblico, dal momento che l’ultimo episodio della seconda stagione ha toccato i 9 milioni di spettatori negli Stati Uniti e gli oltre 300 mila spettatori in Italia, performance di tutto rispetto sul satellite. La terza stagione, composta da 16 episodi, ha debuttato ieri, 4 ottobre negli Stati Uniti, e verrà trasmessa a partire da oggi, lunedì 15 ottobre alle 22.45 in Italia su Fox (canale 111 di Sky). Il canale ha deciso di optare per un solo episodio a serata, e già si conoscono i titoli dei primi due: la terza stagione comincerà con “Casa dolce casa”, per proseguire la settimana dopo con “Il risveglio”.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,





25
marzo

ASCOLTI TV USA (18-24/03/2012): BOOM PER THE WALKING DEAD A 9 MLN. DANCING WITH THE STARS FRENA THE VOICE

The Walking Dead

Altro che morti, gli zombie targati AMC sono più vivi che mai: The Walking Dead apre la settimana della tv a stelle e strisce (dal 18 al 24 marzo 2012) mettendo a segno record su record e confermandosi uno dei maggiori successi di quest’annata. L’ultimo episodio della seconda stagione in onda domenica scorsa ha tenuto incollati alla tv ben 8.99 milioni di americani (4.7 di rating nel commerciale), superando tutte le proposte dei quattro maggiori network. Si tratta del miglior risultato ottenuto dalla serie e del più alto ascolto nel target commerciale registrato nella storia della tv via cavo da una serie drammatica.

DOMENICA – Stabile C’era una volta. Nella stessa serata su ABC C’era una Volta (Once Upon a Time) è stabile a 8.69 milioni di telespettatori con l’8% di share e più tardi Desperate Housewives si ferma al 6% con 9.03 milioni di telespettatori. La nuova serie GCB cala al 5% con 6.28 milioni di telespettatori. Su Fox I Simpson e I Griffin arrivano entrambe al 7% di share mentre su CBS CSI Miami non va oltre il 6% con 8.54 milioni di telespettatori.

LUNEDI – Dancing With the Stars vs. The Voice. Al lunedì sera, ad intralciare la corsa di The Voice si intromette la quattordicesima edizione di Dancing With the Stars, seguita al suo debutto da 18.79 milioni di americani con il 9% di share. Per lo storico programma di ABC che vede tra i concorrenti Jack Wagner, il Nick Marone di Beautiful, e il cantante Gavin DeGraw, si tratta della premiere meno seguita di sempre. La leadership sul target commerciale resta comunque salda nelle mani di The Voice che arriva al 12% con 11.95 milioni di telespettatori. Nello stesso slot, How I Met Your Mother resiste con il 10% e 8.15 milioni mentre Dr. House si ferma al 6% con appena 5.94 milioni di telespettatori. Più tardi, Alcatraz si accontenta del 4% con 5.04 milioni surclassato da Due uomini e mezzo al 9% con 11.47 milioni di telespettatori. Nell’ultimo slot della serata, Smash cala al 6% con 6.56 milioni di telespettatori ma niente paura: è stato già rinnovato per una seconda stagione.


19
marzo

ASCOLTI TV USA (11-17/03/2012): TORNA L’ORA LEGALE E IL TARGET COMMERCIALE SI “DISPERDE”. OTTIMO THE WALKING DEAD (6.88 MLN)

Grey's Anatomy

La settimana della tv a stelle e strisce (dall’11 al 17 marzo 2012), la prima dopo il cambio d’orologio che ha segnato il passaggio all’ora legale, si apre con una vittoria di ABC nel prime time di domenica. Sugli ascolti sembra aver pesato il cambio d’ora (generalmente provoca un calo di pubblico tra il target commerciale): Once Upon a time tocca il suo record negativo nel target dai 18 ai 49 anni con l’8% di share e 9.29 milioni di telespettatori. Subito dopo, Desperate Housewives si ferma al 6% con 8.39 milioni mentre la nuova serie GCB cresce al 6% con 7.12 milioni di telespettatori.

DOMENICA – The Walking Dead batte tutti nel commerciale. Nella nuova collocazione domenicale, Harry’s Law si ferma al 3% con 9.05 milioni di telespettatori mentre subito dopo Celebrity Apprentice ottiene il 5% con 6.45 milioni di telespettatori. Su CBS The Good Wife si accontenta del 4% con 9.88 milioni di americani davanti alla tv mentre nell’ultimo slot della serata CSI Miami raccoglie 10.72 milioni di telespettatori con il 5% di share. Tra le reti via cavo, continua lo straordinario successo di The Walking Dead che, con il penultimo episodio della seconda stagione, conquista su AMC ben 6.88 milioni di telespettatori, superando nel target commerciale tutti gli altri programmi della serata. Da segnalare anche il risultato di Oprah’s Next Chapter che con ospite la figlia di Whitney Houston, arriva a 3.49 milioni di telespettatori, segnando il miglior risultato del neonato network OWN (Oprah Winfrey Network).

LUNEDI – The Voice, Smash e Alcatraz in calo. La serata di lunedì è vinta da NBC grazie al risultato di The Voice, seguito da 14.51 milioni di americani, share del 14%. L’ascolto è in calo rispetto alla scorsa settimana ma anche in questo caso potrebbe aver influito il cambio d’ora. Anche Smash cala al 6% con 7.04 milioni di telespettatori. Su Fox, Alcatraz si ferma al 4% con 5.07 milioni di telespettatori. Su ABC, il finale di The Bachelor ottiene 9.23 milioni di telespettatori con l’8% di share nella prima parte e 9.87 milioni con l’8% di share nella seconda.





27
febbraio

ASCOLTI TV USA (19-25/02/2012): CROLLANO ALCATRAZ E SMASH. BENE THE WALKING DEAD, THE VOICE MEGLIO DI AMERICAN IDOL NEL COMMERCIALE

The Voice US

Nell’ultima settimana della tv a stelle e strisce (dal 19 al 25 febbraio 2012), senza la concorrenza dei Grammy Awards, Once upon a time cresce leggermente e si porta a 9.84 milioni di telespettatori (8% di share nel target dai 18 ai 49 anni), mentre Desperate Housewives si ferma al 5% (7.65 milioni di telespettatori) contro il 7% de I Griffin (5.47 milioni) in onda nello stesso slot. Risultato discreto per l’episodio numero 500 de I Simpson, fermo al 7% con 5.77 milioni di americani davanti alla tv. Più tardi su CBS, The Good Wife cala a 9.73 milioni di telespettatori (5%) mentre CSI Miami arriva a 10.03 milioni con il 6% di share. Sulla rete via cavo AMC, prosegue il successo di The Walking Dead: dopo lo straordinario risultato con cui la scorsa settimana è ripresa la seconda stagione (8.10 milioni di telespettatori), domenica la serie ha tenuto incollato alla tv 6.89 milioni di americani.

LUNEDI – Ottimi ascolti per The Voice. Ancora un risultato eccezionale al lunedì per The Voice (confermato da Antonio Marano per il prossimo autunno di Rai2): il quarto appuntamento con le audizioni è stato seguito da 16.04 milioni di americani con ben il 15% di share. Sul fronte CBS, How I Met Your Mother si mantiene stabile sui 9.68 milioni di telespettatori con il 10% mentre su Fox, Dr. House ne cattura 7.08 milioni con il 6%. Su The Cw, Gossip Girl arriva alla soglia del milione di telespettatori (appena l’1% di share). Nel secondo slot, Due uomini e mezzo si rialza a 13.33 milioni di telespettatori con il 10% di share mentre Alcatraz affonda a 5.98 milioni con solo il 4%. Stesso destino per Smash (qui altre info sulla serie) che si ferma al 6% con 6.47 milioni di telespettatori contro i 10.40 milioni che si sintonizzano nello stesso slot per Hawaii Five-0 (7% di share).

MARTEDI – NCIS imbattibile. Al martedì, NCIS sfiora i 20 milioni di telespettatori (19.29 milioni) con il 10% di share. Buon ascolto per Glee e New Girl, le due serie targate Fox, entrambe all’8% di share rispettivamente con 7.46 milioni di telespettatori e 6.27 milioni. Molto bene anche NCIS Los Angeles che nel commerciale arriva al 7% con 15.47 milioni di telespettatori mentre non convince la nuova serie paranormale di ABC, The River che, dopo il debole esordio, cala ancora a 4.80 milioni di telespettatori (4% di share). Nell’ultimo slot della serata, Unforgettable registra il 5% di share con 10.70 milioni di individui.


31
dicembre

DM CHARTS: GLEE E HOW I MET YOUR MOTHER SI DIVIDONO IL TITOLO DI MIGLIOR SERIE TV DEL 2011. SEGUE AMERICAN HORROR STORY

Glee e How I Met Your Mother sono le migliori serie tv del 2011

Per il popolo di DM sono GleeHow I Met Your Mother le due migliori serie tv del 2011. Il risultato dei voti raccolti nei due sondaggi (qui sul blog e sulla nostra pagina Facebook) decreta una secca parità nella sfida tra le dieci proposte della DM Chart. La popolare sitcom trasmessa negli Stati Uniti da CBS rimane al vertice delle preferenze nonostante le sue sette stagioni sulle spalle, affiancata dalla creatura di Ryan Murphy che conferma la sua enorme popolarità in rete più ancora che in tv. Proprio nel 2011, How I Met Your Mother ha avuto modo di conquistare il pubblico trovando spazio nel pomeriggio di Italia1 che ne ha trasmesso la quinta e sesta stagione in prima tv in chiaro.

Glee invece pur restando un pezzo forte del palinsesto di Fox Italia, è stata scelta sempre da Italia1 per riaccendere la fascia del preserale nei primi mesi del 2011, senza però sfondare negli ascolti come ci si poteva aspettare. La serie ambientata al McKinley High School, ha debuttato quest’anno al cinema e rimane un fenomeno televisivo per migliaia di appassionati anche in Italia. Resta un dato di fatto e cioè che nella classifica generale, How I Met Your Mother e Glee si portano a casa insieme il 42% delle preferenze, quasi la metà di tutti i voti pervenuti.

Terzo posto per American Horror Story: la terrificante serie creata da Ryan Murphy e Brad Falchuk conquista il 10% dei voti. Nonostante il recente debutto su Fox Italia e la collocazione in seconda serata, le vicende della famiglia Harmon hanno creato una platea di coraggiosi affezionati. Seguono a ruota tutte le altre: NCIS con l’8% supera di un solo voto The Mentalist, seguiti a breve distanza da I Pilastri della Terra (8%). Netta parità tra Game of Thrones e The Walking Dead: entrambe si accontentano del 7% nonostante il fiume di critiche positive che si sono garantite durante l’anno.

Dopo il salto la classifica completa.


30
dicembre

DM CHARTS, VOTA LA MIGLIOR SERIE TV DEL 2011

Vota la Miglior Serie Tv del 2011

Dai fasti di Friends, X-Files e ER, passando per Lost e Prison Break, fino ai più recenti successi: la storia della televisione e quella di molte generazioni passa anche per le serie tv che ancora oggi rimangono un’isola felice per chi non digerisce gli stereotipi della fiction italiana. Per premiare la miglior serie tv dell’anno, abbiamo selezionato i titoli più acclamati e quelli più popolari in rete ma soprattutto tra quelli che abbiamo ritenuto più meritevoli per senso critico, con un occhio di riguardo anche agli ascolti sia nel contesto italiano che internazionale.

Le votazioni sono aperte sia su DM che sulla nostra pagina Facebook. Per esprimere la vostra preferenza avete tempo fino alle 23.59 del 30 dicembre 2011. Ed ecco la Top 10 che abbiamo scelto per la DM Charts:

American Horror Story (FX) – Fox. Una coppia e la loro figlia adolescente si trasferiscono da Boston a Los Angeles, inconsapevoli che la loro nuova casa è stata in passato teatro di torture ed efferati omicidi. Creata da Ryan Murphy e Brad Falchuk, già autori del successo di Glee. Il pilot è colmo di urla e scene raggelanti, ma è lo stile uno dei punti di forza di questa serie coraggiosa almeno quanto i suoi intrepidi appassionati. E poi c’è Constance, la misteriosa vicina di casa interpretata da Jessica Lange. Ascolti: 229.000 spettatori per il primo episodio su Fox Italia.

Game of Thrones (Il trono di spade) (HBO) – Sky Cinema 1. Nel gioco dei troni, una guerra senza esclusione di colpi, si affrontano le dinastie dei Sette Regni di Westeros, dove le estati possono durare decenni e gli inverni un’intera vita. Nudi, sesso, violenza, tradimenti, sangue e decapitazioni: le scene crude, come i paesaggi in cui prendono vita, hanno fatto di questa serie uno degli eventi più attesi del 2011. La cura con cui sono stati realizzate le ambientazioni e l’abilità degli attori hanno garantito a Game of Thrones una pioggia di nomination e la vittoria, tra gli altri, di due Emmy Awards, tre Scream Awards e un Television Critics Association Awards come miglior nuovo programma. Ascolti: 358.000 telespettatori per i primi due episodi in onda su Sky Cinema 1.

Glee (FOX) – Fox e Italia 1. Alti e bassi per i talenti del Glee Club al McKinley High School. Un fenomeno non solo televisivo ma che è debordato nel campo musicale e ha addirittura invaso le sale cinematografiche. Lanciata da Fox, Italia 1 ha provato con evidente ritardo a farne uno dei suoi marchi di fabbrica per rilanciare la fascia del preserale, ma i risultati sono stati tutt’altro che incoraggianti. La critica è stata più tiepida nel giudicare gli episodi della seconda stagione, anche se non sono mancati nuovi riconoscimenti come le 12 nomination per i Primetime Emmy Awards 2011. Forse più all’estero che in Italia, Glee rimane una delle serie più popolari e ad alto tasso di affezione da parte del pubblico.

Qual è la migliore serie tv del 2011?

  • American Horror Story (10% con 74 Voti)
  • Game of Thrones (7% con 50 Voti)
  • Glee (21% con 145 Voti)
  • How I Met Your Mother (21% con 149 Voti)
  • I Pilastri della Terra (8% con 54 Voti)
  • Misfits (4% con 26 Voti)
  • NCIS (8% con 60 Voti)
  • The Mentalist (8% con 59 Voti)
  • The Walking Dead (7% con 50 Voti)
  • True Blood (6% con 39 Voti)

Voti Totali : 706

Loading ... Loading ...