Rai Premium



14
maggio

FICTION MAGAZINE: IL ROTOCALCO TERRIBILMENTE ANACRONISTICO DI RAI PREMIUM

Arianna Ciampoli

Che la fiction sia l’arma vincente della Rai lo sappiamo noi e lo sanno soprattutto in Viale Mazzini, al punto dedicarle uno dei 13 canali tematici della tv pubblica, Rai Premium. Il canale per veri affictionati trasmette ormai repliche sia italiane che straniere, intervallate da alcune piccole produzioni mirate. Tra queste spicca il rotocalco settimanale, Fiction Magazine, attualmente in onda ogni domenica alle 9:50 (non credete al sito ufficiale quando dice 10:05) e poi in replica alle 19:30 e alle 00:50.

Anche quest’anno a condurlo è Arianna Ciampoli, che ogni settimana ospita uno o due personaggi per parlare di set, eventi e produzioni vecchie e nuove in una terrazza tristemente ricreata in chroma key. L’idea è buona, ma il programma risulta ogni volta terribilmente anacronistico, ospitando i protagonisti di fiction appena concluse o prossime all’epilogo, parlando di eventi ormai vecchi di una settimana e mai dando anticipazioni o notizie sulla fiction che verrà. Al massimo, una volta l’anno, una piccola anteprima.

Sembra quasi il giornale del giorno prima e guardando la puntata viene spontaneo pensare che sia la replica di quella della settimana precedente perché le cose che racconta ormai le sappiamo già tutti a memoria. La parte più moderna è addirittura quella in cui Marina Loi scova nella videoteca Rai un programma del passato remoto e ce lo illustra. Ché almeno lì siamo nell’ambito del vintage, che va sempre di moda.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,




6
aprile

DM LIVE24: 6 APRILE 2013. JULIA SU RAI PREMIUM, JILL COOPER TORNA SU HSE24, DIRE FARE BACIARE SU REAL TIME

Jill Cooper

Jill Cooper

>>> Dal Diario di ieri…

  • Julia arriva su Rai Premium

Dopo i passaggi sulle generaliste Rai che l’hanno confermata come una delle soap europee di maggior successo, Julia – La strada per la felicità arriva su Rai Premium, dal lunedì al venerdì alle 19.30 a partire dall’8 aprile. La vicende iniziano con la scomparsa di Max Van Weyden durante un reportage in un paese sudamericano, sconvolto dalla guerra civile. Sarà la moglie e fotoreporter Nina Bergmann che andrà alla sua ricerca, dopo aver affidato la figlia Paula al padre di Max. Persa ogni speranza e credendolo ormai morto, Nina deciderà di tornare a casa. Ma al suo ritorno dovrà affrontare numerosi problemi con il suocero e la sorella di Max che la costringeranno a fuggire con la piccola Paula.

  • Jill Cooper torna su HSE24

È una Jill Cooper come non l’avete mai vista quella che torna in esclusiva sull’emittente HSE24. Parla di fitness, certo, ma racconta una filosofia di vita più dolce, ispirata al benessere, al rispetto di sé, dei propri ritmi e di uno scorrere del tempo vitale fluido e dolce. Jill Cooper sarà la consulente di benessere a 360°: dall”11 aprile prossimo avrà il ruolo di ‘expert’ degli show e di ‘consulente globale’ nella selezione dei prodotti che verranno testati e approvati da lei prima di essere proposti ai Clienti. La selezione sarà fatta con l’idea di permettere a tutti un corpo soprattutto sano e in forma a qualsiasi età.

  • Dire, fare, baciare su Real Time

Strati di makeup eccessivi, ciglia finte, spray abbronzanti e sorriso bianco smagliante avranno vita breve nella nuova serie “Dire, Fare, Baciare”, in onda dal 6 aprile, ogni sabato alle ore 14:00, su Real Time (Canale 31 Digitale Terrestre Free, Sky canali 124 e 125, Tivùsat Canale 31). Il primo show al mondo sul ‘makeunder’ smonta l’apparenza per ritrovare la sostanza di ragazze e ragazzi dallo stile finto e costruito. Presentato dalla cantante britannica JENNY FROST, nel programma spetta al pubblico dire se vorrebbero baciare, sposare o evitare le future vittime del POD, un computer di revisione personale. Dopo la trasformazione, il pubblico, gli amici e i parenti diranno ciò che pensano del «new look» e dopo, la presentatrice Jenny Frost ritornerà dalla protagonista della trasformazione per vedere se ha mantenuto il suo look o meno.


6
febbraio

ROBERTO NEPOTE (DIRETTORE RAI GOLD) A DM: SE RAI4 E’ LA TV DELLE SERIE, PERCHE’ MANDA I FILM IN PRIME TIME? IN ARRIVO SU RAI MOVIE CHIABOTTO E CALA’

Roberto Nepote

Continua la nostra chiacchierata con Roberto Nepote. Nella seconda parte dell’intervista (qui la prima), il Direttore di Rai Gold parla dei rapporti con la Rai4 di Carlo Freccero, delle strategie e dei nuovi volti di Rai Premium e Rai Movie e ne approfitta per dire la sua su alcuni programmi che trova altamente diseducativi

Che rapporti ci sono tra Rai Gold e Rai4?

Noi non abbiamo problemi con Rai4. Non capiamo soltanto perchè se Rai4 è la tv delle serie deve mandare dei film in prima serata. Ha serie bellissime ma sono arrivati anche a programmare film per cinque sere a settimana. I generi poi non sono tanti – considerando che i film di tipo sentimentale e familiare sono ad appannaggio delle generaliste – e va a finire che ci scambiamo i film tra noi.

Anche Rai Premium, canale delle fiction, ha mandato delle serie…

Da aprile scorso, ha circa 7 ore di programmazione extraeuropea e abbiamo aperto con successo la fascia delle telenovelas. Non lo dico per vantarmi ma abbiamo fatto bene le valutazioni. Non è semplice scegliere cosa trasmettere, non possiamo dare le telenovelas classiche ma un qualcosa che si agganci alla fiction.

A proposito di telenovelas considerate il canale Vero un competitor?

No, hanno dei talk e una linea diversa dalla nostra. Vanno più sul gossip, avvicinandosi alle generaliste.

Perché non replicate Un posto al sole?

Le vecchie puntate potrebbero confliggere con quelle nuove trasmesse su Rai3.

E trasmettere le puntate del giorno prima come fa La5 con le soap di Canale 5?

Mediaset ha una politica marketing diversa, la rete secondaria lancia sempre la primaria. Da noi non c’è questa cross promotion, poi si può discutere se serva o meno.

Per Lei serve?





4
febbraio

DIVINA FICTION: MARCO LIORNI E PERLA PENDENZA SVELANO I DIETRO LE QUINTE DELLE TANTE FICTION A CARATTERE RELIGIOSO

Perla Pendenza

L’ultima in ordine di tempo è stata la Santa Barbara interpretata da Vanessa Hessler, trasmessa da Rai1 lo scorso 4 dicembre proprio nel giorno della sua commemorazione, il prossimo sarà invece il Barabba di Billy Zane, la cui messa in onda sul primo canale della tv di Stato coinciderà con la Pasqua, sperando di bissare il successo ottenuto lo scorso anno dalla miniserie Maria di Nazareth (7.828.000 spettatori). Tra Santi, Papi e personaggi biblici le fiction a carattere religioso rappresentano senza dubbio uno dei generi più prodotti e seguiti della tv.

Proprio a queste serie e miniserie tv sarà interamente dedicato Divina Fiction, il nuovo programma di Rai Premium condotto da Marco Liorni e Perla Pendenza. A partire dal mese di marzo i due conduttori, già al timone lo scorso anno di Fiction Mania, racconteranno, infatti, anche attraverso dei flashback, i dietro le quinte delle innumerevoli produzioni a tema religioso prodotte dalla Rai. La trasmissione sarà curata da Roberto Vecchi, autore televisivo e regista, già capo progetto di Pop – Viaggio dentro una canzone e de I borghi più belli d’Italia entrambi in onda su Rai5, oltre che  dello stesso Fiction Mania.

Come detto le figure più importanti della Chiesa Cattolica sono da sempre garanzia di grandi ascolti per il piccolo schermo. Lo sanno bene i dirigenti tv, pronti a spulciare per bene Bibbia e calendario alla ricerca di qualche nuova agiografia da realizzare. Una corsa contro il tempo per accaparrarsi il Santo o il Papa più amato, arrivando in alcuni casi alla realizzazione quasi contemporanea di fiction – doppioni incentrate sulla vita dello stesso personaggio. Come non ricordare la “guerra” tra il Padre Pio di Sergio Castellitto in onda su Canale5 e quello a marchio Rai interpretato da Michele Placido. Ed ancora le due fiction su Papa Giovanni Paolo II realizzate a stretto giro nei mesi successivi alla sua morte, e quelle su Papa Giovanni XXIII, il papa buono…per tutte le reti.


1
febbraio

ROBERTO NEPOTE (DIRETTORE RAI GOLD) A DM: RAI PREMIUM E’ CRESCIUTA DEL 60% NEL 2012. A DISCOVERY SONO BRAVI MA IL FACTUAL COMINCIA A STUFARE. CIELO E’ UN GIGANTE DORMIENTE

Roberto Nepote

Completate le operazioni di digitalizzazione, Rai Gold – struttura di Viale Mazzini che comprende Rai Movie e Rai Premium – è cresciuta a livelli esponenziali. Un successo inarrestabile che abbiamo voluto approfondire con il direttore dei due canali, Roberto Nepote, che ci ha fornito un interessante e lucido ritratto del nuovo panorama televisivo, caratterizzato dall’ascesa delle reti digital natives.

Direttore, dopo i sorprendenti risultati ottenuti, dove vuole arrivare Rai Premium?

Vogliamo arrivare dove siamo arrivati. Non definirei sorprendenti i nostri risultati, li avevamo già calcolati – anche se forse non a questi livelli. Il trend era crescente.

In effetti l’attenzione era concentrata sui successi di Rai4 prima, e di Real Time poi…

Sulla nostra gemella aziendale siamo arrivati al sorpasso già ad aprile 2012, anche se non tutti se ne sono accorti. Nell’intera giornata è stato un sorpasso abbastanza veloce a differenza del prime time. Di norma non possiamo competere nella fascia oraria più prestigiosa per il nostro tipo di prodotto, che è omologo a quello di Rai1.

Qual è il vostro target?

Abbiamo un pubblico principalmente femminile, di circa dieci anni più giovane di quello di Rai1. Aumentando le possibilità di visione andiamo ad abbracciare un pubblico più ampio e giovane.

Quali reti considera rivali di Rai Premium?

La5 e Real time come tipo di target. Le teniamo d’occhio. Sta crescendo anche Giallo, che un po’ ci assomiglia in quanto a contenuti. Credo però che continuerà ad attestarsi intorno all’attuale 0.8%.

Non la preoccupa l’acquisto di Switchover Media da parte di Discovery?

A Discovery sono bravi. Abbiamo un occhio di riguardo per DMAX, un canale maschile che si contrappone a Rai Movie, che è principalmente maschile. Ma anche Rai4 deve temerlo: insieme a Rai Premium è quello che è cresciuto di più negli ultimi mesi.

C’è, dunque, una logica di controprogrammazione anche tra le reti digital natives?





10
gennaio

I LEGGENDARI, TRA FICTION E REALTA’: ENRICO RUGGERI RACCONTA SU RAI PREMIUM I GRANDI DELLO SPORT

I Leggendari, tra fiction e realtà - Rai Premium

Una nuova produzione è pronta ad arricchire il palinsesto di Rai Premium. Da martedì 15 gennaio alle 23,00 sul canale per “affictionati” prenderà il via I leggendari, tra fiction e realtà, una rubrica dedicata ad alcune delle più importanti figure dello sport italiano come Marco Pantani, Fausto Coppi, Tiberio Mitri e i fratelli Abbagnale. Ognuna delle sei puntate previste rappresenterà un viaggio nel tempo in cui fiction e realtà s’intrecceranno fra loro. Le interviste ad esperti, giornalisti, amici e familiari dei campioni, saranno, infatti, integrate dai momenti più belli e significativi tratti dalle  fiction che la Rai ha dedicato ai vari atleti.

Compagno di viaggio di questo nuovo appuntamento sarà il cantautore Enrico Ruggeri, grande appassionato di sport, ormai a suo agio nei panni di conduttore tv, visti i suoi trascorsi alla guida di programmi come Il Bivio, Quello che le donne non dicono e Mistero. La prima puntata sarà dedicata a Fausto Coppi, un vero e proprio mito del ciclismo italiano e internazionale. La vita e le gesta del “Campionissimo”, vincitore di ben cinque Giri d’Italia e due Tour de France, saranno ripercorse attraverso le interviste al figlio Faustino Coppi, all’ex ciclista e giornalista Davide Cassani, alla direttrice del museo della bicicletta di Novi Ligure, Chiara Vignola, e all’autrice della biografia su Giulia Occhini, da tutti nota come la Dama Bianca, Alessandra De Stefano.

Tra un ricordo e l’altro saranno mostrati alcuni filmati tratti dalla miniserie Il Grande Fausto, con protagonisti Sergio Castellitto nei panni di Coppi e Ornella Muti in quelli della Occhini. La miniserie, in due puntate realizzata dalla Rai nel 1995, fu scritta e diretta da Alberto Siron che offrirà il proprio contributo alla puntata raccontando alcuni aneddoti legati al dietro le quinte della fiction, che all’epoca della messa in onda ottenne una media di oltre 9 milioni di spettatori.


4
gennaio

RAI PREMIUM IN ROSA: DOPO TERRA NOSTRA, E’ LA VOLTA DE LA FORZA DEL DESIDERIO

La Forza del desiderio

Il buon riscontro di pubblico ottenuto da Terra Nostra e Perla Nera non poteva certo passare inosservato, e così Rai Premium, forte degli incrementi d’ascolto degli ultimi mesi, continua a puntare sulle telenovelas inserendo, tra una fiction nostrana e l’altra, un nuovo appuntamento in rosa. Da ieri, 3 gennaio, alle 18,30 (in replica il giorno seguente alle 7,35) ha preso il via La Forza del Desiderio, prodotto di punta della brasiliana Rede Globo, già trasmesso in Italia nel 2001 da Rete4.

La telenovela, con protagonisti Malu Mader, Fabio Assunçao e Sonia Braga, è ambientata nel Brasile della seconda metà dell’800, un periodo ricco di profondi mutamenti sociali. Nel paese sudamericano il panorama socio-economico subì, infatti, una notevole trasformazione. Nelle campagne si assistette al declino dei re della canna da zucchero e all’affermarsi dei potenti fazenderos delle piantagioni di caffè, mentre nelle città si andò affermando una ricca borghesia. Ed è proprio nell’ambiente ricco e raffinato di questa nuova società che si muove Ester (Malu Mader), una affascinante ragazza di umili origini, tenutaria della più lussuosa casa di tolleranza di Rio de Janeiro, frequentata dagli aristocratici e dagli uomini più in vista della città.

Il destino della bella cortigiana subisce una svolta decisiva con l’incontro di Ignazio (Fabio Assunçao), figlio del potente Barone Enrico Sobral (Reginaldo Faria), che, in contrasto con il padre, ha abbandonato la ricca casa di famiglia di Villa de Santa Anna. Tra Ester e Ignazio scoppia la passione, ed i due vivono un’emozionante storia d’amore non immune da ostacoli. In seguito alla morte di sua moglie Helena (Sonia Braga), il vecchio Barone Enrico si risposa con la giovane Ester, la quale ignora che lui è il padre del suo grande amore Ignazio, dando il via ad una sequenza di avvenimenti e colpi di scena


11
dicembre

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (3-9/12/2012). PROMOSSI CHIARA GALIAZZO E RAI PREMIUM, BOCCIATE LA BABY RODRIGUEZ E LORELLA LANDI

Vanessa Hessler in un'intensa prova recitativa

10Chiara Galiazzo. Data per vincitrice sin dall’inizio, la cantante veneta ha mantenuto alte le aspettative mettendo d’accordo tutti, unanimi nell’apprezzare le sue capacità.

9 a Rai Premium. Il canale dedicato alla fiction di Viale Mazzini riesce con un ottimo risultato a battere la “reginetta” Real Time e a fare meglio con prodotti in replica, ma sapientemente ripescati, delle sorelle Parodi su La7.

8 a X Factor. Anche quest’anno Sky è riuscita a mantenere viva l’attenzione su un format che fino a due anni fa sembrava logoro, confezionando un ottimo prodotto.

7 a Ti lascio una canzone. Il baby talent condotto da Antonella Clerici si prende con ogni probabilità una meritata vacanza dagli schermi di Raiuno non prima di essersi tolto una soddisfazione: se Maria de Filippi è imbattibile, non lo è Gerry Scotti che con The Winner is ha dovuto soccombere.

6 a Vanessa Hessler. Non sbaglia un colpo la modella italoamericana. Nonostante i numerosi personaggi interpretati negli ultimi anni, la Hessler non può definirsi un’attrice con la A maiuscola. E’ ancora acerba e farebbe bene ad approfondire gli studi di recitazione e anche dizione per evitare almeno di essere doppiata, come accade nella stragrande maggioranza dei casi.