Pay per View



20
luglio

DIETROFRONT SKY: NIENTE PACCHETTO CALCIO, LA SERIE B RESTA IN PAY PER VIEW (CON ECCEZIONI)

Rino Gattuso, nuovo allenatore del Palermo in Serie B

Sembra esserci tanta confusione in quel di Sky e i tifosi delle squadre che la prossima stagione militeranno nel campionato di Serie B potrebbero non prendere bene la mancanza di chiarezza e il sostanziale dietro-front posto in essere in quel di Santa Giulia. Dopo l’annuncio in pompa magna del ritorno del campionato cadetto nel pacchetto Calcio, certificato con tanto di breaking news su Sky Sport24 e dall’annuncio del telecronista principale della piattaforma satellitare Daniele Barone, adesso sul sito di Sky si legge che l’opzione di cui sopra prevede la messa in onda di un solo match a settimana!

Probabilmente l’annuncio era stato dato troppo in fretta, in un momento in cui a Sky temevano di non possedere i diritti di alcun campionato straniero e l’inserimento della Serie B nel pacchetto Calcio appariva l’unica soluzione plausibile per rimpolpare l’impoverito palinsesto. La storia, si sa, si è evoluta con la nascita di Fox Sports e il ritorno al periodo delle vacche grasse che, forse, ha motivato questo dietrofront: niente pacchetto Calcio, la Serie B torna in pay per view tranne il contentino di un match a settimana visibile a tutti gli abbonati.

Tutto chiarito? Nemmeno per idea. Complici con ogni probabilità le animate proteste dei supporter dei team che l’anno scorso militavano in altre categorie (Lega Pro e Serie A) e che  hanno sottoscritto l’abbonamento al pacchetto Calcio, spinti dall’inserimento della Serie B, Sky ha avuto un ulteriore ripensamento. Ad oggi, infatti, il campionato cadetto resta in pay per view e sarà visibile agli abbonati con l’acquisto di un ticket di 99€ in aggiunta al costo dei pacchetti sottoscritti tranne che per le partite di Palermo, Avellino, Trapani e Latina.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,




20
novembre

MEDIASET PREMIUM SI INVENTA LA PAY PER VIEW PER LA PRIMA SERATA

Mediaset Premium

Mediaset Premium

In quel di Cologno di fantasia ne hanno veramente tanta, ma in tempi di magra e con i conti in rosso per la prima volta dalla nascita dell’azienda, ogni occasione è buona per fare cassa. Una zavorra di Mediaset è rappresentata dall’offerta pay  Mediaset Premium che, nonostante gli investimenti e le promozioni in atto, non riesce ancora ad ingranare come dovrebbe (soprattutto per quanto riguarda tutto ciò che non è calcio). Fortuna che la guerra con Sky sia stata serenamente archiviata: un po’ a me e un po’ a te e speriamo di guadagnarci entrambi.

Tra l’altro l’azienda che fa capo a Rupert Murdoch non sta neanche attuando alcuna strategia aggressiva per accaparrarsi nuovi abbonati. La crisi è pressante, i soldi mancano, i costi lievitano, l’utile crolla e non conviene al momento svendere la propria offerta se poi la crescita degli abbonati rimarrebbe comunque esigua. Mediaset invece ha il necessario bisogno di far conoscere il più possibile i propri cavalli di razza, anche se la propria piattaforma – in virtù dell’accordo con Sky – ne è uscita fortemente indebolita rispetto agli annunci della scorsa estate.

Per questo ai piani alti hanno pensato di mettere in campo una ulteriore offerta, che a dire il vero pare avere il solo scopo di fare un po’ di sana autopromozione. Oltre al listino Ricaricabile e Easy Pay, gli spettatori possono infatti optare anche per la visione in pay per view dei contenuti in prima serata. Al prezzo di 9 euro è possibile infatti guardare, fino alle 23.59 della sola giornata di attivazione, tutti i contenuti dei pacchetti Serie & Doc e Cinema, escluso Disney Channel.


20
luglio

IL CALCIO D’ESTATE IN TV E I 10 EURO PER VEDERE NAPOLI E ROMA IN PPV

Napoli-Bayern Monaco

Ha iniziato la nuova Roma di Zeman (martedì nel match amichevole contro il Rapid Vienna) e la brutta abitudine è stata ripresa anche dal Napoli che già lo scorso anno aveva optato per questa soluzione. Alla faccia della crisi economica le amichevoli estive delle due squadre saranno visibili dagli appassionati solo in pay per view al “modico” prezzo di 10€ per ciascun match che sarà trasmesso sia da Sky Sport che su Mediaset Premium.

Così, domenica 22 luglio in diretta da Chicago, i lupacchiotti giallorossi dovranno scucire un “bel deca” per vedere il friendly match che vede opposta la squadra di capitan Totti ai polacchi dello Zaglebie Lubin mentre l’appassionato tifoso partenopeo dovrà sicuramente rinunciare a qualche giornata di mare con la propria famiglia per gustarsi i quattro incontri precampionato dei propri beniamini per un totale di 40€ pari a poco meno di 80mila lire del vecchio conio. Il Napoli infatti inizierà i suoi test di preparazione in attesa della Supercoppa Italiana dell’11 agosto (almeno quella è in chiaro su Rai1) questo pomeriggio alle 18.30 contro il Bayern Monaco, proseguirà il 29 luglio sfidando il Bayer Leverkusen mentre il 1°agosto sarà la volta del Bordeaux. Dopo la Supercoppa, l’appuntamento sarà il 19 agosto contro i greci dell’Olympiacos, tutti i match saranno ovviamente in pay per view.

Non è tanto grave il fatto che i match non vengano mandati in chiaro, ad essere discutibile è che gli incontri non saranno visibili nemmeno da chi è già abbonato alle pay tv e versa già decine di euro mensili per poter vedere il calcio. Sui forum specializzati infuria la protesta dei tifosi partenopei che suggeriscono metodi di visione ‘alternativi’ alla pay per view. D’altronde, a dare un’occhiata alle probabili formazioni di Napoli-Bayern Monaco salta subito all’occhio l’assenza di big come Cavani e De Sanctis e non giocheranno nemmeno gli ultimi acquisti Behrami e Gamberini. Vale davvero la pena spendere questi 10€ se si pensa che col trascorrere dei minuti il Napoli sarà infarcito di riserve e primavera?





7
settembre

LA SERIE B IN ESCLUSIVA SU MEDIASET PREMIUM PER IL DTT: OGNI WEEKEND GARANTITE LE DIRETTE DI BARI, TORINO E SAMPDORIA

Serie B su Premium

Come volevasi dimostrare. In ritardo di tre giornate rispetto all’inizio del campionato e dopo un paio di “fumate nere” la Serie Bwin trova una collocazione sulla piattaforma digitale terrestre, la più scontata e ovvia delle collocazioni possiamo dire senza timor di smentita (considerato il calibro e l’appeal delle altre emittenti in gara). Nella serata di ieri è apparso sul sito ufficiale della Lega Professionisti di Serie B un comunicato ufficiale con il quale veniva fatto sapere che “in esito all’offerta ricevuta e al raggiungimento del prezzo minimo fissato nell’Invito ad Offrire, è avvenuta l’assegnazione a RTI dei diritti audiovisivi per la stagione sportiva 2011/2012 relativi al Pacchetto Silver Live per la piattaforma digitale terrestre“.

Mediaset Premium ha versato nelle casse della Lega circa 3,5 mln di Euro per l’acquisizione del pacchetto Silver, comprendente le dirette o differite integrali di 250 partite della “regular season” oltre alle sei gare dei play-off e alle due dei play-out, con l’unico vincolo per la pay tv del biscione di trasmettere almeno il 50% dei match in diretta. Siamo ben lontani, quindi, dai 5mln di Euro richiesti dalle società cadette per la cessione dei diritti dei match nei precedenti inviti ad offrire.

Le prime tre giornate di campionato erano state trasmesse soltanto da Sky che comunque continua a proporre ai suoi abbonati un’offerta più ricca rispetto a quella del competitor: sul satellite infatti verranno mandati in onda tutte le gare del weekend mentre Premium dovrà accontentarsi degli anticipi e posticipi serali (il venerdì e il lunedì alle 20.45) oltre alle tre partite principali del sabato pomeriggio. Gli abbonati potranno fruire anche della Diretta Premium, prendendo così visione delle immagini provenienti da tutti i campi. La grande novità rispetto allo scorso anno (quando la pay tv di Cologno si accaparrò i diritti della defunta Dahlia Tv) sta nel fatto che la Serie B dovrebbe essere compresa nel pacchetto Calcio, con la conseguenza che gli abbonati non dovranno scucire un ulteriore esborso di denaro per poter vedere le partite della serie cadetta mentre Sky manda in onda i match in modalità pay per view (il costo del pacchetto Serie B è di 99€ per tutta la stagione).


22
agosto

BARCELLONA-NAPOLI IN PAY PER VIEW A 10 EURO SU SKY E PREMIUM: DE LAURENTIIS ‘SPECULA’ SULLA PASSIONE DEI SUOI TIFOSI

Aurelio De Laurentiis

Eravamo già pronti a gettare la croce addosso a Sky Sport e Mediaset Premium. Ma come, i calciofili pagano costosi abbonamenti per non perdersi nemmeno un minuto delle partite della propria squadra del cuore e le pay tv si permettono di chiedere ben 10 euro per la visione di un match amichevole? Paradossale, se si pensa che, allo stesso prezzo, Cologno Monzese offre il pacchetto che comprende anticipi e posticipi serali oltre alla ‘Diretta Premium’ della domenica pomeriggio.

Come si spiega allora la richiesta di una bella sommetta per vedere ogni singola amichevole estiva di una delle squadre italiane con il maggior seguito di pubblico (anche televisivo)? E’ una domanda che ci siamo posti ogni qualvolta il Napoli Calcio si appresta a scendere in campo per le gare di precampionato. E che non possiamo esimerci dal porgere proprio quest’oggi, quando alle 20.45 gli azzurri saranno di scena al Camp Nou di Barcellona per sfidare il team più forte del mondo.

E così anche quest’oggi i supporter partenopei dovranno sborsare 10 euro dopo averlo già fatto in occasione delle sfide con il Penarol (4 agosto), il Siviglia (7 agosto) e il Maiorca (il 13). Ma cosa c’è dietro questa politica dei prezzi delle due pay tv? Sono Murdoch e Berlusconi a voler “mettere le mani nelle tasche” dei tifosi napoletani? No, in realtà a voler “speculare” sulla passione dei campani è proprio colui che ha ridato la dignità calcistica ad una squadra che ne è stata sprovvista per un quindicennio. Aurelio De Laurentiis.





11
ottobre

EUROPA7 HD: PARTONO LE PRIME TRASMISSIONI, MA NESSUNO CONOSCE IL PALINSESTO

Europa7 HD, partono le prime trasmissioni

Avevamo quasi perso le speranze. Con un consistente ritardo sulla tabella di marcia e dopo 10 anni di battaglie a colpi di sentenze, partiranno nella giornata di oggi le prime trasmissioni di Europa 7 HD, l’ “innovativa” paytv dell’imprenditore romano Francesco Di Stefano. Gli abitanti di Lombardia, Lazio, Campania, Abruzzo e Molise (ed entro fine ottobre anche di Friuli, Puglia, Emilia Romagna, Piemonte e Sicilia), purchè in possesso del decoder 7Box, potranno accedere ai contenuti della neonata paytv che si prefigge di diventare, almeno secondo quanto dichiarato, un punto di riferimento in ambito tecnologico.

Europa7 HD
è infatti il primo broadcaster in Italia a trasmettere con lo standard DVB-T2 che permette, rispetto al canonico DVB-T (con cui è compatibile), di incrementare del 30%-40% la banda di trasmissione. In altre parole i telespettatori avranno a disposizione fino a 8 canali in alta definizione (anche in 3D) e audio in Dobly Digital 5.1.

Dettagli prettamente tecnici a parte, è curioso notare che, nonostante gli spot parlino di “grandi film, telefilm, concerti, eventi in diretta e programmi per adulti”, non ci sia ancora dato conoscere, a poche ore dalla partenza, il palinsesto degli 8 canali nè tantomeno quali major abbiano stretto accordi con l’imprenditore romano. Ancora meno chiara risulta essere la struttura stessa della paytv che probabilmente, per ovviare al problema dei diritti (di fatto tutti in mano ai network nazionali, free e pay), proporrà al mese “pacchetti di film e telefilm in pay per view” (dal momento che, come dichiarato da Di Stefano, “le case non li danno in esclusiva, perciò li avremo tutti”).


25
febbraio

WINX ON ICE: LE MITICHE FATINE ARRIVANO SUL NUOVO PREMIUM EXTRA PER UNA DUE GIORNI DI… GHIACCIO

Winx On Ice

Mediaset Premium punta ancora una volta sui bambini, o per meglio dire, sulle bambine. Dopo aver portato sul digitale terrestre Disney Channel e dopo aver creato un bouquet (Fantasy) con altri 3 canali dedicati a loro, approdano sul digitale terrestre le arcifamose fatine Winx nel musical Winx on ice“.

In un’esclusiva prima tv le sei fatine, in carne ed ossa, arrivano su Premium con un’amica d’eccezione: Carolina Kostner, pluripremiata campionessa mondiale. Su una pista di ghiaccio Bloom, Stella, Musa, Flora, Tecna, Aisha avranno l’arduo compito di salvare la campionessa dalle grinfie delle perfide streghe Trix. Carolina, umana e aspirante fata, si rifugerà nel regno fatato di Alfea in cerca di ristoro dai “turbamenti” provocati in lei dai suoi straordinari poteri magici. Per tutte sarà un viaggio tra mostri di ghiaccio e libri stregati, allo scoperta del segreto della pattinatrice olimpica.

Per l’occasione è stato aperto sul multiplex digitale Mediaset 1 (lo stesso di Fantasy, dei canali calcio e del Gf) un nuovo canale: Premium Extra che proporrà per due giorni sei spettacoli con le amatissime fatine. Sabato 28 febbraio, tre appuntamenti giornalieri alle ore 15.00, 17.00 e 19.00 e domenica 1 marzo altri tre appuntamenti alle ore 10.00, 12.00 e 18.00.

Ma l’evento non sarà alla portata di tutti:


10
dicembre

UN CALDISSIMO DICEMBRE: LE OFFERTE DI PREMIUM FANTASY E LA NUOVA PAY TV CON AIRPLUS

DTT @ Davide Maggio .it

Secondo quanto riportato dal quotidiano “Milano Finanza”, Telecom Italia Media starebbe per cedere l’intera rete digitale composta da due multiplex a copertura nazionale. Sarebbe interessato all’acquisto, sempre secondo MF, un fondo americano di private equity di medie dimensioni e inedito sul mercato italiano. Le trattative sarebbero in corso e la cessione avrebbe un valore tra i 200 e 300 milioni di euro.

E’ appena iniziato questo dicembre, freddo solo dal punto di vista meteorologico ma caldissimo sulla tv digitale italiana. Andiamo con ordine.

L’8 dicembre è partita la nuova offerta Premium Fantasy di Mediaset Premium: quattro canali (Disney Channel, Playhouse Disney, Cartoon Network, Hiro) per bambini e ragazzi. Presentato come “il regalo di natale” della pay tv di Cologno, il pacchetto può essere acquistato sia in modalità Easy Pay, a 8 euro al mese (14 se in abbinamento con Gallery e 18 se in abbinamento con Calcio), sia in modalità prepagata, a 59 euro fino al 30/06/09.

A giugno invece, salvo ripensamenti, dovrebbe partire dalle ceneri di La7 Cartapiù, la nuova pay per view curata dal gruppo svedese Airplus. Il 1 dicembre le due società (Telecom Italia Media e Airplus tv) hanno sottoscritto l’accordo definitivo dopo la lettera di intenti dello scorso 17 ottobre.

Dopo il salto le modalità che permetteranno a Airplus di entrare nel mercato italiano, dopo la creazione di pay tv in Spagna, Finlandia e naturalmente in Svezia.


  • Pagina 1 di 2
  • 1
  • 2
  • »